Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Dragon Man”: un teschio trovato in Cina potrebbe appartenere a una nuova specie umana بشر

È stato appena studiato il teschio di Harbin, uno dei fossili umani meglio conservati al mondo

teschio di Harbin Uno dei fossili umani meglio conservati al mondo che è stato appena studiato, di specie Homo longi o “Uomo Drago”, Una nuova razza umana, secondo scienziati cinesi documentati, potrebbe essere il nostro parente più stretto. Un’altra svolta nella complessa evoluzione umana.

Il fossile è un Il più grande teschio umano conosciuto ha 146.000 anni. cosa mette l’era glaciale media, Uno dei periodi più dinamici nella migrazione della specie umana. Sebbene sia stato scoperto negli anni Trenta nella città di Harbin, in provincia di HeilongjiangE il tenuto nascosto (Tenuta dalla famiglia dell’uomo che l’ha trovata) fino al 2018, Quando è stato donato a Accademia cinese delle scienze. proprio adesso Appena studiato da un team multidisciplinare cinese e le loro scoperte, che compaiono in tre articoli, È pubblicato oggi nella rivista innovazione, dal gruppo cellula.

Gli scienziati hanno classificato il fossile in Una nuova specie umana chiamata Homo longi o “uomo drago” E allora Potrebbe rivoluzionare l’attuale visione dell’evoluzione umana. “Cranio Combina le caratteristiche primitive e derivate che lo distinguono da tutte le altre specie umane”. Il professore di paleontologia conferma Università di Hebei Jiu. kiang ji, Chi, per questo, decise di considerarla una nuova specie e la battezzò uomo alto.

Ricostruire l'Uomo Drago nella sua patria (stampa europea)
Ricostruire l’Uomo Drago nella sua patria (stampa europea)

Come descritto dai suoi autori, l’enorme cranio Potrebbe ospitare un cervello delle dimensioni di un umano moderno, Sebbene avesse cavità più grandi, di forma quasi quadrata, bordi della fronte spessi, una bocca larga e denti grandi.

READ  Pokémon GO torna alle distanze originarie dopo la pandemia e la società non è affatto contenta

Gli scienziati credono che È il cranio di un uomo di circa 50 anni, Che viveva in un ambiente pieno di foreste e pianure alluvionali come parte di una piccola comunità e che, come le persone sane, cacciavano e raccoglievano frutta e verdura e “forse pesce”. Xijun Ni, Professore di Primatologia e Paleoantropologia presso Accademia cinese delle scienze.

A causa delle sue grandi dimensioni e del luogo in cui è stato trovato il cranio, I ricercatori suggeriscono che l’Homo longi è stato in grado di adattarsi ad ambienti difficili, si è diffuso in tutta l’Asia e ha persino incontrato l’Homo sapiens durante il Pleistocene medio.

Gli autori giungono a una seconda conclusione e suggeriscono, L’Homo longi è uno dei parenti più stretti dell’uomo, Ancor più dei Neanderthal. La nostra scoperta suggerisce che La nuova sottospecie che abbiamo identificato che include l’Homo longi è il vero gruppo gemello dei sapiens”, Difesa no.

Inoltre, la ricostruzione dell’albero della vita umano da parte di questi autori indica anche che L’antenato comune che condividiamo con i Neanderthal esisteva molto tempo fa. Potrebbe esserci una differenza di fuso orario tra Homo sapiens e Neanderthal più in profondità nella storia evolutiva di quanto generalmente si creda, Più di un milione di anni. Se questo è vero, allora eÈ possibile che ci siamo allontanati dai Neanderthal 400.000 anni prima di quanto pensassero gli scienziati». Avvisare no.

Gli Homo longi erano esseri umani forti e potenti e le loro potenziali interazioni con l'Homo sapiens potrebbero aver plasmato la nostra storia (AFP)
Gli Homo longi erano esseri umani forti e potenti e le loro potenziali interazioni con l’Homo sapiens potrebbero aver plasmato la nostra storia (AFP)

per autori, Gli Homo longi erano umani forti e potenti e le loro potenziali interazioni con l’Homo sapiens avrebbero potuto plasmare la nostra storia. “In genere, Il cranio di Harbin fornisce ulteriori prove per comprendere la diversità umana e le relazioni evolutive tra queste diverse specie e gruppi umani. Abbiamo trovato il lignaggio del nostro fratello perduto da tempo”, conclude. no.

READ  Perché la fotocamera di WhatsApp ingrandisce e come risolverlo?

Da parte sua, il paleontologo umano in Consiglio Supremo per la Ricerca Scientifica Antonio Rosas d’accordo Le analisi di questo fossile umano potrebbero “influenzare fortemente la ricerca futura sull’evoluzione umana”, Ad esempio Contenente un “punto rivoluzionario, che ha implicazioni in molti aspetti chiave dell’evoluzione della razza umana”, dettagli per EFE. Sebbene il ricercatore spagnolo sia preoccupato che gli autori abbiano dato troppo peso ad alcune caratteristiche facciali che si considerano derivate dalla paleontologia, riconosce che I tratti morfologici del volto possono infatti essere “caratteri primitivi ereditati da un comune antenato”. “Indubbiamente, La discussione è presentata”, Conclude il paleontologo del CSIC.

Con informazioni da EFE

Continuare a leggere: