Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Draghi afferma che il G7 condivide posizioni con Cina e regimi autoritari

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 giugno 2021 – 14:45

Roma, 13 giugno (EFE). – Il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, ha spiegato questa domenica che la questione politica dominante durante il vertice del G7 tenutosi in Cornovaglia (sud-ovest dell’Inghilterra) era “l’atteggiamento che dovrebbe essere assunto nei confronti della Cina e di tutti i paesi del mondo. regimi autoritari in generale ” e che è stato raggiunto Parcheggio Condiviso.

Draghi ha sottolineato in un ultimo round dopo tre giorni di incontri che, soprattutto, si è parlato di quei Paesi “che usano disinformazione, social network, aerei a terra, dirottamenti, omicidi, non rispettano i diritti umani e usano il lavoro forzato” e che” c’era una menzione di A tutti questi temi di risentimento dei regimi autoritari e del loro scambio”.

Il premier ha aggiunto: “Nessuno sta sostenendo che la Cina ha il diritto di essere una grande economia, ma ciò che è stato messo in discussione sono le forme che usa, come gli arresti forzati. È un autoritario che non rispetta le regole multilaterali e non non condividere la stessa visione del mondo con le democrazie”, ha detto che dovresti essere “candido, cooperativo, ma sii onesto sulle cose che non sono condivise e non sono accettabili”.

Sul ruolo del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, Draghi ha commentato che “si è parlato di geopolitica” e che il presidente degli Stati Uniti ha espresso “la sua volontà di ricostruire le alleanze tradizionali dopo il periodo dell’amministrazione (Donald) Trump in cui ha avuto gravi difetti.”

E sull’epidemia, Draghi ha detto che se i contagi dovessero ricominciare a salire, l’Italia “dovrebbe rimettere in quarantena chi proviene dall’Inghilterra”.

READ  Escrivá: “Dobbiamo aumentare l'età pensionabile effettiva per neutralizzare l'aumento dell'aspettativa di vita” | Economia

In merito alla campagna di vaccinazione globale, Draghi ha chiarito che “saranno necessarie donazioni e finanziamenti di vaccini soprattutto per acquistare l’acceleratore dell’Atto A”, “il veicolo che dovremmo usare tutti è Covax” e anche “eliminare il divieto di esportazione di vaccini e materie prime, ” e che tutti questi temi sono stati discussi durante la riunione.

Quando ha depositato i diritti di brevetto per i vaccini, ha dichiarato che “c’è una proposta praticabile della Commissione europea che sembra essere un passo avanti che potrebbe avvicinare tutti”.

Dall’altro, ha sottolineato che “l’atmosfera del Gruppo dei Sette è stata positiva, ma realistica: positiva perché sono sette i Paesi le cui economie vanno bene o molto bene, la ripresa si sta rafforzando, e la campagna di vaccinazione continua in tutti paesi”.

Ha concluso sottolineando che ora serve un “accordo ambizioso e duraturo” sul clima, aggiungendo che occorre “destinare una parte importante degli investimenti al ripristino dell’ambiente”. EFE

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.