Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dov’è finita l’umanizzazione della medicina?

Acero Gelsomino Valdez
Prelos

Non mi verrebbe mai in mente di dire che in Argentina non possiamo permetterci di continuare a occuparci degli stranieri che necessitano di cure, cure o emergenze nei nostri ospedali pubblici.

C’è la sensazione umana che non dovremmo mai arrenderci.

Ma quello che mi addolora è che l’argentino – come il nativo di Salta che viaggiava in moto con i suoi amici in Bolivia – non ha ricevuto cure decenti in quel Paese durante la sua sofferenza.

Soprattutto, tenendo presente che prevalevano (come sottolineato) ragioni economiche, che è una priorità – a dire il vero – abbiamo anche sentito che è stata sollevata più volte dai distretti contabili di alcune cliniche private argentine come condizione necessaria prima fornire assistenza o ricovero.

Dov’è finita l’umanizzazione della professione medica?

Dov’è il giuramento di Ippocrate dei professionisti medici?

Nel caso di quanto accaduto in Bolivia, va tenuto presente che è stato firmato un accordo di cooperazione in materia sanitaria tra Argentina e Bolivia che prevede “la garanzia di cure gratuite e tempestive per situazioni urgenti e di emergenza che colpiscono i cittadini di un Parte che si trova nel territorio dell’altra Parte, indipendentemente dal suo status di immigrato.

Insomma, l’accordo è stato violato.

A questo punto, l’ambasciatore argentino nel Paese confinante e il ministero degli Affari esteri argentino dovrebbero agire con determinazione nella ricerca di spiegazioni e riparazioni per tale violazione inaccettabile.


READ  Elevata prevalenza di diabete nei pazienti con teleangiectasia maculare di tipo 2 a Porto Rico