Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Dopo la finale di Barcellona, ​​le sedie dello spogliatoio sono state fatte saltare in aria”

Orario di lavoro 14:35

est


Jordi Sans ha fatto parte della generazione d’oro della pallanuoto spagnola negli anni ’90, una squadra “miracolosa” che è esplosa al Barcellona 92 ​​e ha spazzato le acque per dieci anni.

“Abbiamo riunito giocatori di grande talento, dalla Catalogna e dal Madrid. Abbiamo avuto dei disaccordi, ma in acqua eravamo una famiglia”, ricorda.

Continua che ciò che segue sono informazioni parziali, parziali ed emotive. Perché questo è l’unico modo per spiegare la traiettoria dell’Armata Caotica che è diventata la più grande squadra nella storia della pallanuoto spagnola. Tipi come Estiarte, Pedrerol, ‘Chava’ Gómez, Ballart, Oca, Pedro García o … Certo, Jesús RollinSono una leggenda e ai Barcelona 92 ​​Games hanno vinto una medaglia d’argento storica ma anche un’elegia. Jordi Sans lo ricorda come “l’argento più amaro” Solo il tempo ha fatto capire a questa generazione che era il primo grande passo in una carriera straordinaria. Passeranno altri 30 anni e continueremo a parlare del dream team.

ceco – Così lo chiamavano in piscina – ammette che “dopo cinque Olimpiadi lo era Argento a Barcellona, ​​oro ad Atlanta E poi la Coppa del Mondo (98), il quarto posto a Los Angeles e Sydney, il diploma di Seoul (6), oltre a 23 anni di gioco in prima divisione e competizioni internazionali “Lo sport ti distingue come persona. Quel tempo mi ha insegnato cosa sono l’impegno, l’atteggiamento, il sacrificio e le buone abitudini lavorative, per essere coerenti. Puoi avere molto talento, ma nessuna posizione a livello personale & mldr; & rdquo;. Questo è ciò che mancava alla “peña” nella pallanuoto spagnola. Ecco perché, un anno prima dei Giochi, è stata fondata la Federazione Dragan Matutinovicl’allenatore famoso per la disciplina militare, ereditato dall’ex Jugoslavia, e che in precedenza era arrivato secondo ai Mondiali di Perth 91. Il croato ha bilanciato gli equilibri di scelta con giocatori di Madrid che hanno contribuito a una visione diversa di quello sport, in tutto concetti, anche se ha dovuto combattere anche le “eccitazioni” e le uscite notturne.

READ  Questa sarà la maglia di Depo Martinez e dei portieri della nazionale argentina ai Mondiali di Qatar 2022.

Cerca di dirigere l’adrenalina in eccesso. Successivamente Il Barcellona 92 ​​sarà preparato ad Andorra: “Era così severo che non voleva che comunicassimo con la stampa o con la famiglia, il che ha causato qualche problema tra i veterani. Ho rifiutato. Mi ha detto a parte: ‘Czechi, fai quello che vuoi ma non dire qualsiasi cosa per chiunque'” &rdquor Sessioni di allenamento giornaliere di nove ore che includevano gare di media distanza in montagna con cinture di piombo, ginnastica e flessibilità, pesi, nuoto e lezioni teoriche: “E’ stata dura, molto dura fisicamente e psicologicamente. E non tutti l’hanno presa bene. Col tempo ci si rende conto che tutto questo era necessario”. Affinché le squadre più grandi possano tirar fuori tutti i loro meriti”.

Matutinovic Non voleva nemmeno che i suoi giocatori leggessero i giornali. Sapevano che dopo il pareggio per 9-9 contro l’Italia nella partita preliminare, la pressione sarebbe aumentata ad ogni partita giocata, quindi dopo la vittoria sugli Stati Uniti sono diventati i grandi favoriti in finale: “È stato il la prima volta che ci trovavamo in una situazione del genere, con un ambiente selvaggio. Gli italiani avevano più esperienza, giocavano con la tensione. Ci piaceva il posto con dodicimila persone a tuo favore. Ci hanno fatto sentire come dei gladiatori prima di scendere nell’arena a combattere con i mostri”.. E come se non bastasse, l’atmosfera del villaggio olimpico si è unita agli atleti leggendari: “I giocatori NBA non sono cresciuti lì, ma un giorno ho incontrato Carlo Barclay Seduto accanto a me in una pizzeria. La grandezza di alcuni giochi è anche quella di convivere con le crepe di altri sport.

READ  Risultato partita Benevento. Pisa oggi con Gianluca Lapadula in seconda divisione | Sport totali

E così si sono piantati in esso Finale contro Sitbello:Alla vigilia di un evento come questo è molto difficile dormire. Dopo essermi girata nel mio letto, ricordo di essere uscita dalla mia stanza in punta di piedi per non svegliare nessuno. E quando sono entrato nella sala da pranzo dell’appartamento, si è scoperto che c’erano altri cinque giocatori che, come me, non riuscivano nemmeno a dormire. Pensiamo nella speranza che accada lo stesso agli italiani”. E in una finale del genere, l’adrenalina va avanti. A Bernat Biconel sognavano l’oro. Il pubblico, i media, tutti spinti in un ambiente sconosciuto. Ha coinciso con l’ultimo giorno. densità massima. Tre accessori. Tocchi drammatici. E alla fine, medaglia d’argento: “Le sedie negli spogliatoi volavano di rabbia. La rabbia e la delusione erano troppo grandi Ho fatto le valigie e sono tornato a casa. non volevo andare alla cerimonia di chiusura & rdquor;.

Ricorda che nel suo ufficio c’è una foto della cerimonia di apertura, allo stadio Lluís Companys: “Quando ci siamo mostrati, c’è stata un’esplosione, un’esplosione di gioia. Ho lanciato il mio cappello al pubblico. È finita dove un amico mio era. Mi ha fatto segno di alzare il braccio e cogliere l’occasione per fotografarmi ”Barcellona 92” ha le sue differenze, ma dentro lo stagno eravamo una grande famiglia, come fratelli. Abbiamo radunato un gruppo di giocatori di talento, molto forti, capricciosi, della Catalogna e del Madrid, ma erano in contatto in acqua. Se confronti il ​​numero di licenze dall’Italia, dagli Stati Uniti o dall’Ungheria, allora ti rendi conto dell’entità del miracolo. Per questo motivo, potremmo essere stati in grado di resistere nel tempo. Non c’erano social network e nessuno è riuscito a raggiungere la nostra popolarità. È stato spontaneo. In un altro paese saremmo stati eroi nazionali.

READ  Claudia Conti, bronzo in Italia

Finale intenso e nessuna ricompensa

Dicono spesso che l’argento è quello che nessuno vuole, perché è l’unico che viene dopo la sconfitta. Il più doloroso è stato quello della squadra di pallanuoto nella finale olimpica del 1992 disputata alla piscina Bernat-Beccornel di Montjuïc, davanti a un pubblico fedele e dopo una dolorosa battaglia che si è risolta dopo tre run per segnare il traguardo (8-9) in favore dell’Italia. La Spagna ha avuto il miglior attaccante, Manel Estiarte, così come il miglior portiere, lo sfortunato Jesús Rollin. Ma soprattutto si è distinto il gruppo umano formato da giocatori come Chichi Sans, Oka, Pedrol, Chava o Pedro Garcia, tra gli altri, che hanno lasciato la loro ‘pelle’. La squadra ha raggiunto le semifinali come prima squadra del Gruppo B, con quattro vittorie e un pareggio contro l’Italia. Nel penultimo turno battono 6-4 gli Stati Uniti e si scontrano nuovamente con l’Italia in un duello per l’oro. In assenza di 32 & rdquor. Alla fine del terzo tempo supplementare, Gandolfi aveva infranto i sogni di una squadra irripetibile, che avrebbe battuto quattro anni dopo con un oro ad Atlanta.