Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo aver picchiato un medico di Santojani, scioperano per chiedere sicurezza al governo di Buenos Aires e crollano i centri di analisi.

Dopo che hanno attaccato Al medico responsabile dell’Unità di Emergenza Febbre (UFU) dell’Ospedale Francisco Santogane per una donazione, Sindacato dei medici comunali (AMM) a Buenos Aires Sabato è iniziato uno sciopero nelle frenetiche unità di emergenza.

In una dichiarazione, l’associazione ha espresso la sua preoccupazione per gli incidenti violenti che appaiono a seguito del crollo registrato dell’UFU e dei centri d’esame a causa dell’aumento dei feriti.

“Ante los hechos de violencia manifestados en las últimas horas en las UFU y ante la falta de respuesta ejecutiva de las autoridades, la AMM decidió que nuestros colegas Suspensionan la atención en las mismas hasta tanurida se tomen de sure. medicen Le guardie effettueranno tamponi solo per i pazienti con criteri di ospedalizzazione‘, hanno affermato nella lettera.

Hanno concluso: “Il Consiglio sindacale decide anche di proseguire le azioni sindacali che aumenteranno a seconda della risposta ottenuta. Questa interruzione delle attività UFU è necessaria per preservare l’integrità dei nostri colleghi”.

Non è la prima volta che gli operatori sanitari prendono questo tipo di forza contro il governo di Horacio Rodriguez Laretta chiedendo migliori condizioni di lavoro, le cui carenze si sono aggravate durante la pandemia. Questa azione interessa 20 UFU in città ed è a tempo indeterminato.

Parola del dottore: “A volte ci uccidono”.

Dopo lo sfortunato incidente, il maltrattato dottore Oscar Swarman, Parla di quello che è successo. “Le persone oggi sono più violente. Ho scansionato 240 persone in cinque ore ed erano 400. Sono stati avvisati in anticipo che il numero era stato dato dalle 7:30 del mattino e sono stati avvisati alle 11 che non c’erano più numeri perché non non era più possibile ricevere cure”.

READ  Laerdal Medical AS, CAE, Sistemi 3D - Sportlepsia

E in una registrazione audio trasmessa dalla giornalista Nora Barr, lo ha detto il dottore “La gente era più violenta di ieri” E che a un certo punto hanno chiesto “perché non ci sono più sequestri”, dopo di che hanno indicato che si trattava di una decisione della sua stessa persona.

“Mentre pulivo, un uomo mi si è rotolato sulla schiena, mi ha chiesto chi fosse il capo, è venuto da me e mentre pulivo, mi ha messo addosso un ananas e mi ha rotto il naso”, Seleziona Informazioni sull’attacco pesante.

Dopo l’incidente, il capo dell’UFU dell’ospedale Santojani ha rivelato che sul posto si sono avvicinati gli avvocati dei medici comunali che hanno anche sporto denuncia penale.

“Ovviamente abbiamo spento le unità surriscaldate e non so se verremo domani perché i medici hanno paura di venire. Mi hanno già assicurato da uno dei ministeri che verrà la polizia e che domani verrà a sostituirmi il coordinatore generale».

Ha concluso: “Finché i medici dell’ospedale non verranno a collaborare e saremo due o tre gatti pazzi per scansionare 400 persone, continueranno a picchiarci e ad un certo punto ci uccideranno. Poiché l’ananas era fortunatamente sul mio naso, sono caduto all’indietro e il mio naso si è gonfiato”.