Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Domande che preoccupano gli scienziati sul vaiolo delle scimmie

La diffusione del vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa, come accade all’inizio di qualsiasi crisi sanitaria, ora solleva più domande che risposte. È in questi casi che dipende una valutazione della situazione attuale e una previsione di ciò che potrebbe accadere nelle prossime settimane e mesi.


video

“Il vaiolo delle scimmie è ragionevolmente benigno ma estremamente fastidioso.”


Qual è l’attuale diffusione del virus?

Il periodo di incubazione (il tempo che intercorre tra l’infezione e l’insorgenza dei sintomi) è solitamente di circa dieci giorni. I casi diagnosticati ora sembrano essere la punta dell’iceberg. Sono per lo più persone che sono state infettate all’inizio di maggio e non avevano motivo di sospettare di aver contratto il vaiolo delle scimmie o di averlo trasmesso ad altri. Nei prossimi giorni compariranno più casi in più paesi di persone che sono già state contagiate e che si trovano ora nel periodo di incubazione. Ci saranno anche casi di persone che hanno contratto la malattia nelle ultime settimane ma a cui non è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie perché non è stata considerata la possibilità di questa infezione.


Leggi anche

Giuseppe Korbella

Orizzontale

Da quanto tempo il virus si è diffuso fuori dall’Africa?

Solo sei giorni fa, i primi due casi di trasmissione comunitaria di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa sono stati segnalati nel Regno Unito, mettendo in allerta altri paesi. Da allora, decine di casi sono stati rilevati in Spagna, Portogallo, Italia, Svezia, Canada e Stati Uniti, indicando la presenza di molteplici catene di trasmissione attive. “Ovviamente, questo va avanti da alcune settimane”, ha detto a StatNews Maria Van Kerkhove, direttrice dell’Unità per le malattie emergenti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Più a lungo il virus passa inosservato fuori dall’Africa, più può diffondersi.


Leggi anche

Celeste Lopez, Marta Ryckart

Cosa sta succedendo in Africa?

Ad oggi, il vaiolo delle scimmie era considerato un’infezione degli animali della foresta pluviale africana e talvolta trasmesso agli esseri umani. Poiché è stato attribuito a una bassa trasmissibilità tra le persone, si è ritenuto che causi focolai limitati che colpiscono un piccolo numero di individui e alla fine si estingue. Ma questo sembra contraddire il modello di infezione ora osservato in Spagna e in altri paesi. Il motivo per cui lunghe catene di infezione non sono state rilevate in Africa potrebbe essere perché la capacità diagnostica dei paesi africani è limitata, non perché non lo siano. Il numero crescente di casi rilevati negli ultimi anni in Nigeria e nella Repubblica Democratica del Congo indica che il virus del vaiolo delle scimmie in questi paesi può circolare regolarmente nella popolazione. “Dobbiamo stare attenti e non dare per scontate le conoscenze che avevamo finora sulla malattia”, afferma Anthony Trilla, epidemiologo dell’Hospital Clinique de Barcelona. “Come sempre all’inizio di una situazione come quella attuale, dobbiamo seguire attentamente lo sviluppo e il modello di nuovi casi, dati e la loro comparsa”.

Il virus è mutato?

Quando un virus fa qualcosa che non aveva mai fatto prima, come sta accadendo ora con il vaiolo delle scimmie, può essere perché il virus è cambiato o perché il nostro rapporto con il virus è cambiato e gli stiamo dando nuove opportunità di diffondersi, spiega Adolfo García -Sastre, direttore dell’Institute for Global Health and Emerging Pathogens presso il Mount Hospital Sinai di New York. Se fosse confermato che il vaiolo delle scimmie è diventato endemico nelle popolazioni della Nigeria e/o della Repubblica Democratica del Congo, ciò fornirebbe frequenti opportunità di fuga in altre regioni e potrebbe spiegare la sua diffusione in altri continenti. Inoltre, il virus potrebbe essersi evoluto per acquisire una maggiore capacità di trasmettere l’infezione tra le persone. Nel caso del virus Ebola, ricorda García Sastre, “non è stato perché il virus è cambiato, ma perché c’è stato un focolaio del virus più grande di prima”. Nel caso del vaiolo delle scimmie, “non credo che sia ancora possibile identificare una causa o l’altra”.


READ  Agamben, follia e pestilenza