Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dollarizzazione compulsiva: un dibattito non prioritario

A noi argentini piace il dollaro. La base monetaria divisa per il cambio ufficiale è di circa 30 miliardi di dollari USA; Il tasso di cambio blu equivale a 17,5 miliardi di dollari USA. Considerando lo stock di dollari che detengono gli argentini, secondo una qualsiasi delle stime attuali, oltre il 90% delle nostre disponibilità liquide sono in dollari. Ha senso dare l’ultima spinta e far sparire i pesi?

Ne ho parlato con l’italiano Alberto Francesco Alesina (1957-2020), che ha insegnato alla Luigi Bocconi e ad Harvard, e ha insegnato alla Carnegie Mellon e ad Harvard. Come insegnante, era molto motivante, interessante e distraente, secondo le testimonianze di Ernesto Shargrodsky e Silvana Tenero. Morì prematuramente, vittima di un infarto. L’ho intervistato perché, in collaborazione con Robert Joseph Barrow, ha pubblicato uno studio chiamato specificamente “dollarizzazione”.

– Ho aperto la strada a questo campo di studio chiamato “economia politica”, che è diverso dalla “politica economica”.

Sono italiano, quindi non mi è costato molto. James McGill Buchanan ha affermato che dopo la laurea a Chicago ha trascorso un semestre in Italia, rendendosi conto che la politica economica pratica è molto più di una questione tecnica.

Capisco, ma hai ancora molti vantaggi. Riassumi cosa ha detto Lawrence Henry Summers sulla tua morte. Negli anni ’80, pochi economisti erano interessati a capire la politica, piuttosto che dire ai politici cosa fare. L’economia politica non era un campo di studio accademico; Grazie ad Alberto, oggi è così. Ha mostrato come l’analisi economica analizzi le questioni politiche”. Per Victor Jorge Elias, ero un forte candidato per il Premio Nobel per l’Economia.

READ  Italia e Francia firmano un nuovo trattato dopo il turbolento periodo diplomatico

-Molto generoso. La nuova economia politica introduce la teoria dei giochi nell’analisi macroeconomica; Per fortuna questo è stato incorporato nella corrente principale dell’analisi economica. A livello pratico, propongo il principio dell’austerità estesa. Secondo la prospettiva keynesiana, qualsiasi riduzione della spesa pubblica riduce la domanda aggregata e quindi riduce il PIL; Il principio dell’austerità espansiva, al contrario, suggerisce che la riduzione della spesa pubblica, nella misura in cui incoraggia la spesa privata, in particolare gli investimenti, favorisce la crescita.

La questione della dollarizzazione coercitiva è oggi un argomento di dibattito in Argentina. Cosa puoi dirci a riguardo?

– Hai ragione, Juan Carlos, nel parlare di dollarizzazione compulsiva, perché da quello che ho potuto vedere quando ero in Argentina, oggi hai un sistema monetario duale che funziona senza problemi. Usano il peso come unità di conto generalmente accettata e mezzo di pagamento e il dollaro come riserva di valore. In un bar dove il caffè costa 200 dollari, non ci sono problemi a pagare un dollaro. Ciò solleva la prima inclusione.

-Quale?

– che per quanto riguarda la pratica politica economica, la questione della dollarizzazione obbligatoria non ha priorità, almeno accanto ad altre questioni più delicate e obbligatorie, come la disponibilità e il costo del gas, del gasolio, ecc., che in inverno hanno già diventato su di loro. Anche gli europei sono preoccupati per lo stesso problema, ma il freddo per loro è molto lontano.

-Buona. Tenendo presente ciò che ho appena detto, che condivido, cosa viene in mente riguardo alla discussione di cui sopra?

– Comprendo gli argomenti a favore della dollarizzazione compulsiva e comprendo la scomparsa del peso in quanto tale. Ma gli entusiasti della proposta devono affrontare due problemi, uno relativo all’inventario e l’altro al flusso.

READ  Glovo accumula più di 300 forzieri aperti nel mondo

Presentati.

Dollarizzazione obbligatoria significa assorbire il peso che è già stato emesso, questa è la questione del titolo. E facciamo tutto il necessario affinché il paese argentino non debba, d’ora in poi, emettere pesos, è una questione di flusso.

– Cominciamo con l’inventario.

La banca centrale deve chiamare i possessori di pesos per consegnarli in cambio di qualcosa. Ma cosa ha da scambiare oggi il BCRA con i possessori di pesos? Se è vero, come affermano gli analisti del bilancio bancario, che le riserve nette sono praticamente nulle, allora l’autorità monetaria dovrebbe dire ai possessori di pesos di conservarli come souvenir o di fabbricare piccoli aquiloni. Puoi anche scambiarli con titoli generici, tra 1000 anni, senza interessi. Un pessimo modo per iniziare la dollarizzazione compulsiva.

E per quanto riguarda il flusso?

– L’impossibilità di emettere un nuovo peso che imponga un equilibrio finanziario nazionale, regionale e comunale. Perché la spesa pubblica non può eccedere la riscossione così come la possibilità che diverse giurisdizioni diventino debitori di valuta estera. Poiché quest’ultimo sembra quantitativamente irrilevante, la proposta genererà l’equilibrio immediato della contabilità generale.

Ottimo, finalmente ce l’abbiamo fatta.

– Non così in fretta. Come ho accennato, la nuova economia politica utilizza la teoria dei giochi, che dovrebbe chiamarsi appunto teoria delle decisioni, quando l’interazione tra le parti è molto intensa. Sono finiti i giorni in cui si considerava la politica economica tra funzionari che progettano e attuano azioni e agenti economici che regolano passivamente il loro comportamento in base a un cambiamento nelle regole del gioco.

– Applichiamo il nuovo approccio nel caso della dollarizzazione forzata.

READ  Le rimesse ricevute dall'Honduras sono aumentate del 36,2% tra gennaio e luglio

– Cosa farà il governatore della regione se alla fine del primo mese dopo l’attuazione scopre di non avere abbastanza dollari per pagare gli stipendi dei dipendenti del settore pubblico nelle sue autorità? L’alternativa è convocare i dipendenti pubblici, e dopo aver loro spiegato la situazione, abbassa gli stipendi in dollari, in modo che chi li ha ottenuti sia sufficiente a pagare gli stipendi.

Infine, l’equilibrio finanziario.

– Calmati, perché questa non è l’unica alternativa. Il secondo motivo è che il governatore paga con quella che ha una percentuale degli stipendi dei dipendenti in dollari e paga il resto emettendo una quasi valuta.

Quale di queste due alternative sceglieresti?

– Sia il buon senso che la teoria microeconomica suggeriscono che quando un bene viene perso, la domanda per il sostituto più vicino aumenta. Sospetto che in questo caso sarebbe più propenso a emettere quasi-valuta piuttosto che a introdurre il corrispondente aggiustamento fiscale durante la notte.

“A rigor di termini, non lo sappiamo.

Un buon punto, perché la questione della dollarizzazione obbligatoria è oggetto di discussione e non un punto all’ordine del giorno dell’attuale autorità esecutiva. L’importante è che chi lo propone, oltre a parlarne nel merito, spieghi in modo ragionevole le due questioni che ho appena citato.

Ricorda Alberto, grazie mille.