Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Difesa planetaria”: la NASA si scontrerà con un veicolo spaziale in un asteroide per deviare il suo corso | Stanno cercando di testare una tecnologia nel caso in cui un asteroide si diriga verso la Terra

Amministrazione nazionale dell’aeronautica e dello spazio (NASA)NASAHa affermato che un veicolo spaziale si sarebbe scontrato con un asteroide nel tentativo di deviare il suo corso. La manovra definita come “Difesa planetaria”L’anno prossimo, secondo l’agenzia spaziale, l’umanità dovrebbe essere preparata in caso di minaccia di impatto.

“Non vogliamo trovarci in una situazione in cui un asteroide si sta dirigendo verso la Terra; dobbiamo provare questa tecnologia”.Lo ha detto Lindley Johnson del dipartimento di difesa planetaria della NASA.

Finora, non è stato riscontrato alcun asteroide di grandi dimensioni in rotta di collisione, ha riferito l’AFP.

Missione, battezzato DART (test di reindirizzamento doppio asteroide), dalla California a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 il 23 novembre. Dieci mesi dopo, il veicolo spaziale raggiungerà il suo obiettivo, situato a 11 milioni di chilometri dalla Terra.

L’obiettivo principale della missione è Asteroide Didimo, il suo diametro è di 780 metri, nella sua orbita c’è una luna chiamata Dimorphos, 160 metri di diametro. Su quella luna la nave, circa cento volte più piccola di essa, atterrerà a una velocità di 24mila chilometri orari. L’impatto, dettagliato dalla NASA, rilascerà tonnellate di materiale.

“Non distruggerai l’asteroide, lo scuoterai un po’.”ha spiegato l’esperta Nancy Chabot del Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, che sta guidando la missione in collaborazione con la NASA. Come risultato della collisione, ha aggiunto, “l’orbita dell’asteroide più piccolo intorno al più grande diminuirà solo dell’1 per cento”.

Dopo questa collisione, i ricercatori studieranno se l’orbita di Demorphos attorno a Didymus, che è attualmente di 11 ore 55 minuti, è cambiata. In questo modo, “se un giorno viene rilevato un asteroide in rotta di collisione con la Terra, avremo un’idea della forza di cui avremo bisogno per mantenere quell’asteroide non toccare la Terra”, ha spiegato Andy Cheng, della Johns Hopkins University. .

READ  Questo è il piano mobile gratuito di Netflix

Comunque l’hanno fatto notare La probabilità che un asteroide colpisca la Terra tra oggi e il 2300 è solo dello 0,057%.