Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dibattito globale: è necessaria una terza dose di vaccini COVID-19 oggi?

Il piano di vaccinazione continua a progredire in molti Paesi, ma in altri è ancora in ritardo per mancanza di accesso e distribuzione di dosi contro il Covid-19 – Reuters

Mentre il mondo è ancora impantanato in una crisi a causa della mancanza di vaccini contro covid19, in cui c’è Grande disparità in termini di accesso e distribuzione, con paesi con alti tassi di vaccinazione e altri con quasi nessuno, Si parla già di applicare una terza dose di richiamo.

Nell’ultima settimana è sorto un dibattito globale sulle dosi di stimolanti. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i gruppi per il diritto umano alla salute sottolineano che l’assistenza deve continuare a concentrarsi sulla somministrazione delle prime dosi ai più vulnerabili del mondo. Finora, Solo il 25,4% della popolazione mondiale ha ricevuto una singola dose del vaccino COVID-19. Nei paesi a basso reddito, solo l’1% della popolazione ha ricevuto una dose. “Il divario globale nella fornitura di vaccini è molto asimmetrico e diseguale”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto agli Stati membri di farlo “Estremamente cauto” e “Non lasciarti tentare” Iniziare a somministrare una terza puntura, poiché questa procedura non aiuterà a bilanciare la distribuzione globale dei sieri. Come ha avvertito il medico Didier Hussein, presidente del Comitato di emergenza dell’OMS per il COVID-19, “I dati scientifici non giustificano questa dose di stimolante in questo momento.”, che aumenta anche la disuguaglianza “nel tempo”. Molti paesi non sono riusciti a immunizzare le popolazioni più vulnerabili.

Alcuni paesi stanno valutando di applicare una terza dose di richiamo prima che compaiano nuovi tipi di virus Corona - Reuters / Eva Maniz
Alcuni paesi stanno valutando di applicare una terza dose di richiamo prima che compaiano nuovi tipi di virus Corona – Reuters / Eva Maniz

Ma nei paesi sviluppati, l’emergere di nuovi tipi di virus Corona, in particolare Delta, che ha guadagnato il predominio dallo scorso aprile, e la mancanza di conoscenza della durata della protezione per il vaccino. Alcuni scienziati hanno stimolato ulteriori ricerche sull’applicabilità della dose di richiamo. Questo comitato Ai membri dell’organizzazione è stato consigliato di “considerare seriamente” per ora Mantenere le misure di distanziamento fisico, a causa dell’aumento del numero di casi già Diffusione rapida causata dalla variabile delta.

uno di Gli obiettivi fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sono che almeno il 10% della popolazione di tutti i paesi del mondo A settembre è stato vaccinato. Pertanto, insistono sulla necessità di una migliore distribuzione globale di Medicinali in modo che possano raggiungere il maggior numero di persone possibile.

In molti dei paesi più ricchi, come Stati Uniti, Regno Unito, Israele o membri dell’Unione europea, la vaccinazione è in media del 50% della popolazione e sono già vicini all’immunità di gregge. Tuttavia, i paesi con meno risorse si stanno muovendo a un ritmo molto più lento. In America Latina, ad eccezione del Cile, la maggior parte dei paesi ha vaccinato tra il 10% e il 40% della propria popolazione. In Centro America ancora meno. In Africa, molti paesi non superano il 10% delle vaccinazioni.

La consegna delle dosi dell'OMS attraverso il meccanismo COVAX è stata soggetta a molti ritardi negli ultimi mesi - Per gentile concessione di Kris/Palazzo presidenziale indonesiano/Pubblicato tramite REUTERS
La consegna delle dosi dell’OMS attraverso il meccanismo COVAX è stata soggetta a molti ritardi negli ultimi mesi – Per gentile concessione di Kris/Palazzo presidenziale indonesiano/Pubblicato tramite REUTERS

Nonostante le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Israele continua la sua determinazione a rafforzare la protezione dei suoi cittadini più vulnerabili. Lo conferma Emilia Anis, capo dell’unità epidemiologica dell’ Ministero della Salute di Stato. Ci sono prove accumulate di ciò I pazienti immunocompromessi non sviluppano una risposta soddisfacente di anticorpi dopo due dosi di vaccino, alcune delle quali possono essere sviluppo di anticorpi dopo una terza dose”, Il comandante indicò.

READ  Hamas bombarda Israele: due morti e 70 feriti ad Ashkelon

In Israele, secondo il sito, il 66,2% della popolazione ha ricevuto almeno una dose del vaccino COVID-19 Il nostro mondo nei dati. Il piano di vaccinazione è stato lanciato lo scorso dicembre ed è stato uno dei più veloci al mondo. ieriIn Israele, il Ministero della Salute ha iniziato a fornire una terza dose del vaccino COVID-19 agli adulti con grave immunocompromissione. Farà parte di un’iniziativa iniziale per fornire dosi di richiamo del vaccino in seguito agli anziani e ai più vulnerabili.

Secondo la dichiarazione rilasciata domenica scorsa dal Ministero della Salute israeliano, La raccomandazione per una dose di richiamo è di aumentare i livelli di anticorpi tra le persone immunodepresse. Includevano malati di cancro, riceventi di trapianto di fegato e altri che avevano recentemente mostrato una scarsa protezione del vaccino. Ha spiegato che non era stata ancora presa alcuna decisione sulla somministrazione della terza dose alla popolazione adulta in generale.

Israele continua la sua determinazione a rafforzare la protezione dei suoi cittadini più vulnerabili - Reuters / Ammar Awad / File Photo NESSUNA RIVENDITA NESSUN ARCHIVIO
Israele continua la sua determinazione a rafforzare la protezione dei suoi cittadini più vulnerabili – Reuters / Ammar Awad / File Photo NESSUNA RIVENDITA NESSUN ARCHIVIO

nel caso in cui Israele, la seconda ondata di COVID-19 è stata registrata a dicembre dello scorso anno. Con l’impatto delle procedure di vaccinazione, del confinamento e dell’uso di tutori per il mento, tra gli altri, i casi giornalieri e i decessi sono stati ridotti fino a quando non sono stati raggiunti casi giornalieri all’inizio di giugno. Negli ultimi mesi sono state rilasciate varie restrizioni alla circolazione per frenare la diffusione del coronavirus. Tuttavia, Nei primi giorni di luglio, per la prima volta da marzo, i casi sono tornati a superare i 700 al giorno.

Il tipo delta di coronavirus, scoperto in India l’anno scorso ed è più trasmissibile, sarà uno dei motivi alla base dell’aumento dei casi di COVID-19 in Israele. Questo cambiamento della situazione epidemiologica ha spinto il governo del Primo Ministro Naftali Bennett ad adottare una nuova strategia per affrontare l’epidemia. Venerdì scorso, Israele ha reimposto l’uso obbligatorio di maschere o tutori per il mento all’interno.

READ  Daniela Levine Cava, sindaco di Miami-Dade, dopo l'annuncio del nuovo numero di morti e dispersi: 'Stasera è stata molto difficile'

Il dibattito sulla necessità di una dose di richiamo continua in vari paesi. questa settimana, Chile Ha iniziato uno studio con 564 volontari per determinare la risposta immunitaria quando è stata somministrata una dose di richiamo del vaccino COVID-19.Secondo una dichiarazione rilasciata dal Ministero della Salute in quel paese. L’obiettivo è analizzare se è necessario introdurre una terza dose prima di introdurre la nuova dose Variabili al Coronavirus. Lo stato dell’epidemia e l’emergere di nuove variabili suggeriscono che avremo bisogno di rafforzare la nostra strategia di vaccinazione per affrontare questa minaccia. Per questo, conoscere la risposta immunitaria alla dose di richiamo sarà fondamentale”, ha osservato il sottosegretario alla Salute pubblica Paula Daza.

In America Latina, ad eccezione del Cile, la maggior parte dei paesi ha vaccinato tra il 10% e il 40% della popolazione - REUTERS/Yves Hermann/File Photo
In America Latina, ad eccezione del Cile, la maggior parte dei paesi ha vaccinato tra il 10% e il 40% della popolazione – REUTERS/Yves Hermann/File Photo

Lunedì scorso, i rappresentanti di Pfizer hanno incontrato i massimi funzionari sanitari federali degli Stati Uniti per sostenere l’applicazione di una terza dose in alcune persone, Soprattutto quelli di età superiore ai 60 anni che sono immunocompromessi, da sei a dodici mesi dopo aver ricevuto il regime a due dosi. Quell’incontro è arrivato dopo Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti è uscito per rimproverare pubblicamente le due società dopo aver annunciato che intendono richiedere un’autorizzazione all’uso di emergenza per la dose di richiamo. L’autorità sanitaria ha affermato che gli americani completamente vaccinati non hanno bisogno di una dose di richiamo in questo momento.

Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech hanno annunciato che ad agosto chiederanno alle autorità sanitarie statunitensi l’autorizzazione per una terza dose. Al fine di aumentare la produzione di anticorpi e quindi proteggere l’organismo da nuove varianti. Pfizer e BioNTech suggeriscono che quest’anno saranno necessari colpi di richiamo, ma i funzionari del governo affermano che la scienza dirà quando sarà il momento giusto. Alcuni funzionari sanitari degli Stati Uniti sono preoccupati perché la pensano così, se il governo degli Stati Uniti. Ci vuole molto tempo per decidere una dose di richiamo e la variante delta potrebbe causare un altro focolaio del virus a settembre tra i non vaccinati e potrebbe infettare i vulnerabili che sono vaccinati.

“al momento Non ci sono dati sufficienti per supportare l’uso di un vaccino di richiamo Per l’assenza di un paziente. I vaccini come Pfizer, Moderna o Janssen sono altamente efficaci nella protezione da malattie gravi, ospedalizzazione e morte di qualsiasi tipo, inclusa Delta. La vaccinazione continua a proteggere da La forma più grave Il dottor Andrew Badley, della Mayo Clinic negli Stati Uniti, ha dichiarato:

L'Argentina ha firmato una donazione di 3,5 milioni di dosi con Moderna - Reuters / Musa Kawasme / File Photo
L’Argentina ha firmato una donazione di 3,5 milioni di dosi con Moderna – Reuters / Musa Kawasme / File Photo

Esperti di tutto il mondo stanno studiando gli effetti dei vaccini per determinare se sia necessaria una terza iniezione. Allo stesso tempo, si stanno moltiplicando le voci a favore di più persone da vaccinare, sostenendo che non ci sarà alcun pericolo da nuove varianti se più persone vengono vaccinate negli Stati Uniti e nel resto del mondo. “Se le persone vogliono smettere di sentir parlare così tanto di nuove varianti, cosa deve essere fatto in modo che tutti i paesi abbiano accesso ai vaccini?ha affermato Jennifer Nuzzo, specialista in sanità pubblica presso la Johns Hopkins University.

READ  USA: le infezioni da COVID-19 nell'ultima settimana sono le più basse dall'inizio della pandemia

Immunità durante l’assunzione di due dosi

Non esiste un vaccino perfetto, quindi è possibile per una persona completamente vaccinata contrarre il COVID-19, ma questi casi sono generalmente molto lievi e gli esperti stanno studiando l’insorgenza di questo tipo di infezione per valutare se sia necessaria una terza iniezione per aumentare l’immunizzazione .

Finora le notizie sono buone: le vaccinazioni precoci a dicembre e gennaio non sembrano avere maggiori probabilità di contrarre la malattia rispetto a quelle che hanno ricevuto quelle più recenti. Sebbene gli anticorpi forniti dal vaccino tendano a scomparire nel tempo (questo è normale, perché il corpo umano non ha bisogno di essere sempre in allerta), gli anticorpi non sono l’unico modo per proteggere.

Esperti di tutto il mondo stanno studiando gli effetti protettivi dei vaccini per determinare se sia necessaria una terza iniezione.  Fotografia: Ronen Zvulun/Reuters
Esperti di tutto il mondo stanno studiando gli effetti protettivi dei vaccini per determinare se sia necessaria una terza iniezione. Fotografia: Ronen Zvulun/Reuters

Quando scende, il corpo ha predisposto altre difese come le cellule B, che quando il corpo è sotto attacco “esplodono e iniziano a dividersi come matti” Per creare più anticorpi, ha spiegato Scott Hensley, un immunologo dell’Università della Pennsylvania.

Un’altra difesa sono le cellule T, che uccidono le cellule colpite e quindi impediscono il peggioramento della malattia. Gli ultimi studi indicano che gli anticorpi non sono efficaci contro la variante delta come lo sono contro le versioni precedenti del coronavirus, ma continuano a proteggere. La paura ora è piuttosto dovuta alla possibilità di future mutazioni immuni ai vaccini attuali, cosa che può essere evitata solo se l’infezione onnipresente viene fermata attraverso la vaccinazione di massa.

Continuare a leggere: