Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Devo decidere se restare o vivere”

“Ora, è meglio essere all’inferno che essere all’inferno AfghanistanDice Fatima Haidari Prima e unica ragazza Diventare Guida di viaggio In quel paese.

Dopo il ritiro degli Stati Uniti, ad agosto, I talebani hanno ripreso il potere E la vita di tutti i cittadini è cambiata completamente. “Non c’è un solo osso in Afghanistan con speranza per il futuro”, dice in una videochiamata Clarian.

Prima che queste forze estremiste prendessero il comando, lei Soddisfare i sogni. È stato in grado di affrontare così tanto conservatore Di quella comunità: ha potuto studiare, imparare l’inglese e lavorare. È diventata anche un riferimento per altre donne che si rifiutavano di organizzare matrimoni e di dedicarsi alla casa.

Hamid Karzai International Airport dopo il ritiro dei talebani negli Stati Uniti. Foto EFE / EPA / STRINGER.

Ma tutti i suoi meriti, non solo diventarono invalidi, ma si rivoltarono anche contro di lui. La sua interazione con gli stranieri e la sua indipendenza sono completamente una sola Inaccettabile Al regime estremista. “Ho dovuto decidere se restare o vivere.”

La situazione delle donne è molto complicata. Non hanno il diritto di uscire di casa o camminare da soli per strada senza il permesso dei loro mariti. Non possono ridere sull’autostrada pubblica. Università, scuole e ristoranti sono diventati luoghi per uomini. Inoltre non hanno la possibilità di scegliere come vestirsi.

“I miei amici mi dicono dal profondo del loro cuore che gli piace Nessun’altra donna è nata in Afghanistan. Le donne dovrebbero essere solo buone mogli e madri. Devono abbandonare i loro sogni.

Scappa senza morire

Fatima non ha visitato un altro paese e non poteva immaginare di essere nel bel mezzo di una sparatoria per la prima volta, le persone sono rimaste ferite e hanno perso la vita intorno a lei. Non ha pensato di provarlo Attraversare il confine significa morire. Raggiungerla sembrava quasi impossibile.

Forse è innocenza o illusione. Ma il 23enne credeva fermamente che l’esercito avrebbe combattuto e cambiato la situazione. Quando è la tua città natale, Erode, cadde nelle mani dei talebani e si trasferì Accettazione. “Speravo che i giocatori potessero recuperarlo e che potessi tornare indietro per continuare la mia formazione”, spiega lo studente della rivista.

Fatima Haidari espone nella quinta moschea più grande del mondo a Herat, in Afghanistan.

Fatima Haidari espone nella quinta moschea più grande del mondo a Herat, in Afghanistan.

Ma i talebani non hanno fatto altro che consolidare il suo potere e l’agenzia di viaggi per cui lavorava aveva bisogno di portarla in salvo. Gli hanno portato un aereo Pakistan.

READ  Il Cammino di Dante, sulle orme del ‘poeta sommo’ da Ravenna a Firenze

Il giorno in cui sono dovuto salire sull’aereo, i talebani hanno catturato Kabul. Questo è qualcosa che non avrei mai immaginato. Alle 10 il gestore del locale dove alloggiavo ha bussato alla porta e mi ha detto: ‘Fatima devi andare perché Non possiamo continuare a proteggere le donne che restano qui. ‘

Ricorda di aver afferrato la valigia e di essere uscito in strada senza poter andare da nessuna parte. “Non so se piangere o cercare aiuto. Io ero spaventato. Non ho il burqa e avevo paura che i talebani mi guardassero così. Mi chiedevo cosa sarebbe successo se mi avessero ucciso. È stato davvero scioccante. “

Gli afgani hanno cercato di raggiungere i soldati stranieri all'aeroporto.  Foto di EFE / EPA / Akhter Gulfam.

Gli afgani hanno cercato di raggiungere i soldati stranieri all’aeroporto. Foto di EFE / EPA / Akhter Gulfam.

Emotivamente scioccato si è dimenticato di andare all’aeroporto. Ha trascorso la giornata nelle strade di Kabul piene di persone nella stessa situazione. “Alle 8 di sera, ero senza speranza, mi sono detto: ‘Se i talebani mi vedono possono uccidermi per strada oggi‘”

Il direttore dell’agenzia di viaggi l’ha chiamata e le ha chiesto di venire a casa sua. Lì ha appreso che persone provenienti da diverse parti del mondo stavano cercando di trovarla per cacciarla dal paese. Infatti, una ONG spagnola ha cercato di trovarla, perché, I media l’hanno intervistata a maggio.

Ambasciata stati Uniti Gli ha dato il biglietto per primo. “Siamo andati all’aeroporto ed era pieno. È stato bello entrare Il problema. Ho perso il volo perché c’erano troppe persone per venire al cancello d’ingresso. Questa è la sensazione peggiore che abbia mai avuto”, ha affermato Tariq al-Hashimi, segretario generale del partito.

Spiega inoltre: “La sparatoria ha avuto luogo. I talebani stanno accanto a me e sparano in cielo; Il suono mi ha ferito le orecchie. Ho visto i feriti, con il sangue. Ho visto una donna assassinata e il suo corpo messo in una busta di plastica nera. Faceva paura. “

Gli afghani hanno cercato di lasciare il paese.  Foto di EFE / EPA / Akhter Gulfam.

Gli afghani hanno cercato di lasciare il paese. Foto di EFE / EPA / Akhter Gulfam.

Due giorni dopo, dai diplomatici Polonia Ha preso posto sull’aereo. Ma la situazione si è ripetuta.

“Sono andato all’aeroporto 3. Era buio, ma c’era la stessa quantità di persone, le scene, gli stessi rumori. Ho visto come un talebano ha colpito un giornalista. Aveva tutta la faccia coperta di sangue. Quando dormo, sogno, lo sogno, mi chiedo se fosse vivo e se l’avessero ucciso, cosa gli avrebbero fatto.

READ  I tifosi attaccano la figlia dell'allenatore del Pescara prima di una partita in Italia

Il Immagini che hanno fatto il giro del mondo Anche loro furono scioccati in quel momento. Centinaia di persone sono state viste correre sulla pista dell’aeroporto internazionale di Hamid Karzai e altre salire sulle ali degli aerei.

C’erano diversi video di civili che cercavano di ritrovarsi fuori dall’aereo e scappare, ma non appena è decollato, sono caduti.

L’opportunità per Fatima di lasciare il paese è arrivata diversi giorni dopo Ambasciata d’Italia Gli ho dato l’aereo. Ma, ancora una volta, è sottomesso a tutti i tipi di situazioni violente.

Un gruppo di rifugiati è arrivato di recente in un aeroporto di Tashkent, in Uzbekistan.  Foto di EFE / EPA / Bundeswehr / Marc Tessohn.

Un gruppo di rifugiati è arrivato di recente in un aeroporto di Tashkent, in Uzbekistan. Foto di EFE / EPA / Bundeswehr / Marc Tessohn.

Il desiderio e la forza non sono più ciò che ha provato prima. Non credeva che valesse la pena rinunciare a una vita cercando di raggiungere la libertà. Quando era nei pressi dell’aeroporto, ha riconsiderato la possibilità di tornare a casa sua e vivere nascosta.

Tuttavia, la fortuna ha fatto la sua parte.

“È venuto un ragazzo e ha detto che conosceva un talebano che poteva portarci a casa per 300 dollari. Non avevo quei soldi, ma un amico che era con me. L’uomo ci ha avvicinato ai soldati stranieri. Avevamo un cartello:Italia«L’abbiamo preso e un soldato italiano ci ha raccolto. Ci sentiamo al sicuro lì. “

Cultura e monumenti sono in pericolo

Cinque mesi fa, quando i media hanno contattato Fatima, ha mostrato ai turisti le attrazioni del paese. Ha cercato di eliminare l’Afghanistan da tutto ciò che riguarda la guerra.

Fatima Haidari con i turisti.

Fatima Haidari con i turisti.

“Il Il turismo è stato brillante, Più persone erano ansiose di incontrarci. I viaggiatori volevano vedere la bellezza unica e il lato positivo del mio paese.

Pensava che ci fossero sei posti che ogni turista dovrebbe conoscere: i Buddha di Bamiyan, che furono bombardati dai talebani nel 2001; Band Amir, una serie di 5 laghi intermedi in profondo blu; Cittadella di Herat, un quartiere che racchiude più di tremila anni di storia; I quaranta gradini della quinta moschea più grande del mondo e Kandahar a Herat e Silcina, una stanza scavata nella roccia, si raggiungono tramite scale scavate nella montagna.

READ  I codici dell'Italia sono alti; Investing.com Italia 40 0,45% di Investing.com

“Ci dovrebbero essere attrazioni, monumenti, aree storiche Protetto. Sono cresciuti in montagna pensando di uccidere la gente, non sapevano nulla della cultura, del valore di quei luoghi. Come proteggerli. “

Lei Paura di cosa accadrà a questi luoghi iconici. Si preoccupa che tutta questa storia scompaia. Nel loro ritorno a questo nuovo regime, hanno già distrutto la statua di Abdul Ali Mazari, un leader politico perseguitato dal precedente governo talebano e interessato ai turisti.

Buddha di Bamiyan dell'Afghanistan.  Foto Shutterstock.

Buddha di Bamiyan dell’Afghanistan. Foto Shutterstock.

Nuovo inizio

Attualmente, Fatima è una rifugiata Ferrara, Una città in Italia. Presto andrà a Varesi, a 60 chilometri di distanza Milano.

“La vita qui è più comoda che in Afghanistan, ma ciò non significa che sia migliore. Per me, l’Afghanistan era un paradiso prima dei talebani. È difficile adattarsi a una nuova cultura, lingua e popolo.

Fatima trascorre le sue giornate studiando l’italiano, cercando nuovi posti e pianificando il suo futuro. Segui alcune lezioni virtuali di stampa e pensa ad aprire il tuo canale YouTube per promuovere i luoghi più belli del tuo paese.

Fatima Haidari è attualmente in Italia, sognando di tornare nel suo paese.

Fatima Haidari è attualmente in Italia, sognando di tornare nel suo paese.

“Ora mi sento al sicuro. Non sono preoccupato di essere lì Assassinato o rapito. Traguardi in base ai quali vivo. Ci sono cose che non posso fare nella mia città perché sono così conservatrici. Andare in bicicletta è una cosa. Ho già imparato in Italia. Questo era il suo sogno per me. “

Nonostante tutto questo, Rifiuta di rinunciare ai suoi obiettivi. Non cadrà. Spera un giorno di tornare in patria e diventare la prima donna a gestire un’attività turistica in Afghanistan.

dovevo andare per sopravvivere. Desidero dal profondo del mio cuore che un giorno avremo un Afghanistan pacifico. Posso tornare a fare ciò che voglio. Voglio mostrare al mondo la bellezza dell’Afghanistan e insegnare ai miei studenti come essere inglesi e guide turistiche. Voglio tornare a lavorare per il miglioramento delle donne”, ha detto Fatima.