Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Devi togliere il petto dalla pallanuoto, siamo fantastici”

David Martin (Barcellona, ​​1977) è già a casa con la sua famiglia. La squadra di pallanuoto maschile è arrivata a Barcellona di prima mattina ed è stata accolta molto bene. Giornalisti e le squadre principali dell’Atlètic-Barceloneta, oltre a familiari e amici. Onorare una squadra che celebra un’era che ha collezionato una medaglia d’oro e d’argento mondiale e due medaglie d’argento europee in soli cinque anni. Cinque anni di successi, ma un futuro altrettanto promettente. Il tecnico spagnolo ha parlato con Ace dei nervi saldi della finale, dello stato della vittoria e dello sport che guida ancora una volta la Spagna.

-Lui è a casa. Come ti senti una volta che è tutto finito?

– Mi sento rilassato, sono in modalità zen. Quando perdi, come nelle finali precedenti, non smettere di farti domande, ma non ora. La sensazione è che è fatto, l’hai raggiunto. Ha funzionato davvero quando Lorio ha parato il rigore. Togliamo quella borsa. Potevamo vincere l’oro, lo sapevamo, ma sembrava non arrivasse mai.

– Parla dello zaino della nazionale spagnola e della pallanuoto. Sono passati 21 anni da quando è stato raggiunto…

Non dobbiamo confrontare generazioni, dobbiamo tirare fuori la scatola dalla pallanuoto. Siamo uno sport minoritario che ha saputo far emergere tante squadre di successo, gli anni ’90, le donne, l’attuale… dobbiamo essere orgogliosi come sport, ci siamo sempre stati. Già nel 2018 nella semifinale contro l’Italia ci veniva in mente la finale del Barcellona 92 ​​a Bicornel. Avevamo giocatori che non erano nemmeno nati. Infine, non abbiamo più questa responsabilità. Spagna e Italia sono come Barcellona-Madrid, ne parleranno sempre, ma ora non si potrà dire che l’Italia vince sempre.

READ  Riquelme ha chiesto una delle più grandi promesse del calcio argentino: "L'anno prossimo devi giocare al Boca"

Partita di pallanuoto del terzo mondo. Lo sport olimpico di squadra che ha vinto di più. Cosa ti suggeriscono questi dati?

-molto facile. Siamo un grande sport in Spagna, abbiamo portato grandi generazioni di ragazzi e ragazze. Abbiamo molti vantaggi, siamo pochi ma lo facciamo molto bene, stiamo gareggiando con i poteri che stanno dove la pallanuoto è una religione.

-Andiamo in finale, all’Isola Margherita. Con 8-4, hai visto che ha vinto?

– Non l’ho visto, con l’Italia non si può mai dire così. Non con la Serbia. Hanno un livello, alla fine il giudizio tende ad essere uguale. Hanno inasprito la partita, ma ho visto che guida soprattutto il gioco. Abbiamo giocato tre grandi parti difensive e siamo stati pazienti in attacco. Ma c’è stato un gioco che ha cambiato tutto.

Ingrandisci

David Martino.Martin MunosReuters

– So che ti riferisci al rigore di Di Fulvio, che è 9-7. Ho protestato con rabbia, cosa è successo?

– Accanto al sedile abbiamo un hub per l’impostazione del limite di tempo. Alcuni dei nostri giocatori l’hanno toccata per errore ed è stata attivata. Mi sono arrabbiato perché mi sentivo come oggi in Montenegro con un calcio di rigore. Non può essere per queste sciocchezze (non gli era permesso chiedere un timeout lì) che ti stanno dando un rigore, era già evidente che per noi era impossibile chiedere un timeout. Dobbiamo essere più seri. Ho sentito una grande ingiustizia. Non capisco come ci vada il VAR, non un rigore del Montenegro.

-Questo asse dovrebbe prendere…

L’ho tirato fuori dalla panchina. Alcuni mi hanno detto che pensavano che l’avrei gettato in acqua, l’ho spinto via. Da allora perdiamo la concentrazione nel match e appare la vera squadra italiana, fisica, che lacrima le teste… Si cominciano a vedere tensione e fatica. Il gioco si complica.

– Sono soggetti a calci di rigore. Come si decide che Lorio sostituirà Aguirre?

Alla fine del tempo, Lorio mi dice che si sente pronto. Digli che è caldo. È normale cambiare portiere quando un avversario segna tre rigori di fila, il lanciatore vede qualcosa di diverso. Lorrio non ha fermato il primo e Unai Aguirre mi ha chiesto di tornare perché Canella stava sparando di nuovo, che lo aveva fermato prima. Ho i miei dubbi, ma alla fine dico di no. Era il destino. Lorio lo fermò. Ha avuto una stagione incredibile.

“Unai mi ha chiesto di tornare al traguardo e ho dei dubbi. Gli dico di no. È stato il destino. Lorio lo ha fermato, anche lui ha fatto un’ottima stagione”

Chi hai abbracciato per primo?

– Mi sono seduto lì e ho iniziato a sorridere, sono già entrato in uno stato zen. Ho detto loro di buttarsi in acqua e che volevo vederli. È una visione che sogno da tanto tempo, volevo vedere come l’hanno celebrata. Quando mi sveglio vedo Felipe Peroni davanti agli spalti come se fosse posseduto e sono travolto dalla felicità. Lì sono saltato in acqua e ho salutato Sandro Campana (l’allenatore italiano), che aveva molto ragione, e lo voglio sottolineare. L’Italia era subito dopo la partita.

– Parliamo di Felipe Peroni. 21 anni da professionista per il suo primo oro…

Non so cosa posso dire di lui. È il migliore al mondo, è un esempio. È un lusso essere negli spogliatoi. È un leader, ma fa crescere i giocatori. Li aiuta, non fa nulla di suo, è irrequieto e ha un intelletto brutale. Si prende cura di sé e si allena bene. Deciderà lui quando lasciare la squadra, come Lopez Pinedo, sono stati colpiti dal bastone.

Pallanuoto - Campionato mondiale FINA - Medaglia d'oro maschile - Italia vs Spagna - Alfred Hajos Swimming Complex, Budapest, Ungheria - 3 luglio 2022 il capo allenatore spagnolo David Martin Lozano festeggia con i suoi giocatori dopo aver vinto la medaglia d'oro maschile.  Martin Munos

Ingrandisci

Pallanuoto – Campionato mondiale FINA – Medaglia d’oro maschile – Italia vs Spagna – Alfred Hajos Swimming Complex, Budapest, Ungheria – 3 luglio 2022 il capo allenatore spagnolo David Martin Lozano festeggia con i suoi giocatori dopo aver vinto la medaglia d’oro maschile. Martin MunosMartin MunosReuters

– Dal 2018 hanno partecipato alle finali, ma alla loro prima Coppa del Mondo, nel 2017, la squadra era al nono posto. Cosa ne pensi lì?

Avevo molti dubbi. Era un debuttante e non aveva mai gestito una squadra. La RFEN mi ha scommesso che era un rischio. Ho sbagliato nel processo, ero più interessato a scegliere i giocatori che a creare una squadra. Un giornalista italiano (Stefano de la Gazzetta) me lo ricorda sempre: quando la Russia ci ha eliminato dagli ottavi di finale, gli ho detto che vedevo cose positive e sono sicuro che agli Europei 2018 di Barcellona potremo lottare per le medaglie. . Abbiamo dovuto costruire uno stile di gioco e scegliere i giocatori per quello stile. Nel 2018 abbiamo ristrutturato tutto.

Il tuo coraggio nello scommettere sui giovani è una delle tue qualità?

Sono coraggioso quando vedo che un giovane giocatore può contribuire. Non guardo la carta d’identità. Lopez Pinedo ha giocato fino all’età di 40 anni e Felipe continuerà a giocare. Se il giovane porta qualcosa di diverso, so che all’inizio pagherò una quota, ma ci aiuterà. Con Unai posso pagarlo in questo Mondiale. C’è pressione e molestie, ma era chiaro che dovevamo gettare le basi per il futuro con lei. È successo con Roger Tahull nel 2017, Alex Bustos, Alvaro Granados o Bernat Sanahoga. Se hanno talento, vengono e scommettiamo. Questo non significa che io sia pazzo, proteggo gli anziani. Siamo fortunati che i veterani si prendano cura di se stessi e siano professionisti. Ci sono alcuni architetti come Dani Lopez Pinedo e Fran Fernandez che vorrei avessimo vinto prima. Ma erano con noi. Danny era in aeroporto e Fran ha assistito alla finale da Budapest. Si sentono parte di questo gruppo. È una generazione che rispetta se stessa e questo ci rende forti. Marc Minguel e Albert Espanol ci hanno aiutato molto all’inizio.

– Prima parlavo di giovani. Quanto lontano possono arrivare Unai Aguirre e Alvaro Granados?

Al-Ani si distingue e la sua ambizione non ha limiti. Lo fa diventare grande, è pazzo, devi dirgli di andare a casa e disconnettersi, e lui ti chiede di mandargli dei video e addestrarlo. È un giocatore che può definire un’epoca. Vuole mangiare il mondo. Un’altra grande cosa è la sua competitività. Non si sente nervoso, ma lo affronta con entusiasmo. Lo prende dentro. Granados è un caso simile. È un cavallo pazzo. Può cambiare la partita in tre minuti mentre matura. È maturato in questo Mondiale, è stato decisivo, ha imparato a leggere la partita. Ora sta affrontando un cambiamento importante nella sua vita, giocherà in Serbia.

Unai è matta, dovremmo chiedergli di riattaccare, lei chiede video e formazione. Può rappresentare un’epoca, vuole mangiare il mondo”

Ti distingui per l’innovazione tattica. Da dove vengono le idee?

-Analizziamo la competizione che è stata giocata e ci prepariamo per la prossima competizione. Sto cercando di pensare a cosa troverei, se le squadre scommettessero sulla zona difficile o sulla pressione, e in base a questo lavoriamo. L’importante è che lavoriamo fisicamente in base a ciò che vogliamo. La pressione è un sogno della nostra identità, l’abbiamo fatto sugli ultimi due europei. Per me era chiaro che dovevamo toglierlo di nuovo e migliorarlo. In ogni torneo devi introdurre novità, non puoi lavorare allo stesso modo, i giocatori lo vedranno come una routine.

Ridurre la pressione sui giocatori?

– Insisto sul fatto che non hai dubbi, che fai ciò di cui abbiamo parlato al cento per cento, e se qualcosa va storto, è colpa mia. Se segnano per noi, è una mia responsabilità. Il giocatore a volte fa quello che pensa sia la cosa giusta da fare, e questo va contro la tattica. Mi prendo la responsabilità. Da giocatore l’ho testato.

Stai pensando alla medaglia olimpica o è lontana?

– Per prima cosa vogliamo l’oro europeo. Andiamo per gradi. Adesso da allenatore voglio coinvolgere più persone nelle dinamiche della nazionale. Dovremmo essere come l’Ungheria, l’Italia o la Serbia, che si sono qualificate ai Mondiali 13 volte e potrebbero esserci altre sette. Le liste sono diventate più complesse ultimamente. Dobbiamo arrivare a Parigi con molta concorrenza e questo ci farà crescere. Il grande sogno è la medaglia olimpica, se è d’oro, meglio è. È ora di andare un po’. Non che siamo i migliori, siamo stati in questo torneo. Devo lavorare.