Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dev Full Stack è il lavoro IT più ricercato dalle aziende, afferma il sondaggio

In tempi di pandemia, gli sviluppatori di software, conosciuti come Dev nel mercato del lavoro, hanno guadagnato ancora più spazio all’interno delle aziende, costretti a creare canali digitali al servizio del consumatore. Un sondaggio condotto dice che entro il 2023 dovrebbero essere aperti 16.600 posti di lavoro IT e più della metà sarà assegnata agli sviluppatori. Puoi trovare le notizie tecnologiche più popolari su 20Bet.

Secondo il sondaggio, quasi un quinto delle aziende è alla ricerca di sviluppatori full-stack (23%). In crescita anche i Dev di back-end e front-end nel mondo del lavoro, con una domanda rispettivamente del 18% e del 12%.

Quando si tratta di quale competenza può fare la differenza quando si tratta di ottenere un lavoro nell’IT, la più ricercata dalle aziende è l’abilità nelle metodologie agili: il 28% delle offerte di lavoro mostra una preferenza per questa competenza. In secondo luogo, c’è l’esperienza nell’agire nella Tecnologia, voluta da un quarto delle aziende, e la capacità di eseguire progetti, richiesta nel 24% dei posti vacanti.

Il piano salariale degli sviluppatori è al di sopra della media del settore

Il presidente di ACATE, Domani Engelmann, commenta che gli stipendi di Devs hanno un minimo di 3.000 euro, una media molto più alta rispetto al resto del settore. A proposito di una mancanza di offerta di lavoro nel mercato IT, sottolinea:

“Si tratta di posizioni che possono rappresentare un guadagno significativo per le famiglie e aiutare nella ripresa economica nel periodo post-pandemia. Il sostegno di tutti – governo, aziende, enti e mondo accademico – è fondamentale nella formazione di queste figure professionali”.

L’indagine di ACATE si è basata sulle risposte di 223 imprenditori del settore tecnologico.

Risoluzione dei problemi e lavoro di squadra

READ  Titan Souls gratis su Steam per un breve periodo لفترة

ACATE ha raggiunto anche un risultato che tocca l’apprendimento emotivo, o le cosiddette soft skills. Le capacità di intelligenza emotiva più apprezzate dal mercato sono: problem solving (90%), lavoro di squadra (78%) e proattività (68%).

La valutazione degli esperti è che la domanda di Dev è aumentata in tempi di pandemia, quando la maggior parte delle aziende aveva bisogno di team specializzati per risolvere problemi nelle app e nei siti Web, ad esempio.

Bárbara Daniel Vieira, coordinatore dello sviluppo umano e organizzativo presso Supero Tecnologia, un’azienda IT su larga scala, spiega che gli sviluppatori più esperti con esperienza in posizioni dirigenziali non hanno nemmeno bisogno di cercare un lavoro. Per questi professionisti le aziende bussano alla porta.

“Le aziende italiane hanno iniziato a competere con le organizzazioni straniere.

“Migliorare le offerte di posti vacanti, dare la possibilità di percorsi di progetto flessibili, accordi e sconti commerciali; costruire una buona reputazione nel mercato, rispettare e scommettere sulla diversità, con l’allineamento del discorso e della pratica, sono differenziali ben considerati dai professionisti.”

È anche importante assicurarsi una borsa di studio affinché il professionista possa seguire i corsi: se l’azienda lascia aperte opportunità di studio in aree come la scienza dei dati, potrebbe essere il differenziale nelle assunzioni.

Il diploma non è più indispensabile per trovare lavoro

Tomás Ferrari, CEO e fondatore di Geek Hunter, specializzato nella ricerca di talenti tecnologici, sottolinea che le aziende hanno cambiato il modo in cui reclutano nuovi professionisti. Attualmente, il requisito per un diploma era in secondo piano — lo sottolineano altri specialisti consultati da Tecnoblog.

Ferrari sostiene che l’aumento dei corsi offerti dalle cosiddette Ed Techs – startup tecnologiche focalizzate sull’istruzione – segue questa tendenza. Ma sviluppare competenze trasversali è più importante:

“La cosa più importante è che il professionista deve avere capacità interpersonali, saper risolvere i problemi e avere una capacità di adattamento molto elevata, principalmente perché dovrà adattarsi ai cambiamenti tecnologici, che si verificano continuamente”.

Anche per gli studenti universitari, essere autodidatti ripaga. È il caso di Raphaela Penteado, laureata in Ingegneria Informatica, ma che ha deciso di investire da sola nell’area dell’analista di qualità. Ha notato l’elevata richiesta da parte delle aziende per la posizione, responsabile dello sviluppo e del miglioramento dei prodotti, e ora lavora presso HostGator.

“Non ho mai seguito corsi di specializzazione, sono autodidatta. Ho seguito le informazioni in base al volume del mercato, ho capito i requisiti, ho studiato i concetti e ho iniziato a metterli in pratica”, commenta il professionista.

Un rapporto della società di consulenza Foote Partners, che ha analizzato le assunzioni nel mercato IT per tutto il 2021, sottolinea che i tecnici dell’analisi del rischio hanno avuto un aumento medio dello stipendio del 12%. Tuttavia, lo studio indica una riduzione del 6,6% del pagamento per 546 competenze apprese nelle università.