Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Derbyes è un esperto nel rilevare risate nascoste

Eugenio Derbez ha sviluppato un occhio medico per le risate nascoste grazie al concorso comico “LOL México” in cui sono consentiti gli scherzi e gli scherzi più folli, anche se sono fuori colore, ma ai comici che vi partecipano non è permesso ridere.

Nella stagione 5, i primi due episodi in anteprima venerdì sulla piattaforma Prime Video, Derbez è armato di 50 telecamere per trovare anche la più piccola risata e ha anche assistenti che tengono d’occhio i concorrenti. Dice che l’unico posto dove non ci sono telecamere è il bagno.

La regola principale rimane la stessa, chi ride verrà cacciato e chi riuscirà a stare nella casa dei LOL per sei ore senza ridere riceverà un grosso premio che sarà devoluto a una causa benefica.

I concorrenti sono i grandi perdenti delle stagioni precedenti, comici famosi, candidati generali che meritano una seconda possibilità: Caby Perez, Liliana Arriaga “La Chupitos”, El Diablito, Slobotzky, Ricardo Perez, Ricardo Peralta, Juan Carlos “El Borrego” Nava, Isabel Fernández.

Il programma è un adattamento di “Dokyumentaru” del comico giapponese Hitoshi Matsumoto uscito nel 2016, ma come lo era per il sushi tropicale in Messico, con ingredienti come mango e avocado, la versione locale di LOL (le cui iniziali stanno per “Last One Laughing” or else Who’s laugh) è stato ben accolto in tutto il mondo e dalla sua prima nel 2018 ha portato ad altri adattamenti in paesi come Brasile, Australia, Spagna e Italia.

“È stata una sorpresa, non mi aspettavo che il progetto ‘LOL’ avesse così tanto successo perché l’ho sempre detto fin dall’inizio e sono sempre stato molto consapevole che si trattava di un esperimento, è un esperimento sociale”. disse Derbez. Intervista in videochiamata da Los Angeles.

READ  Vicente Fernández, Rafaella Carrà e Verónica Forqué tra i morti nel 2021 | persone | intrattenimento

“Avere uno spazio in cui puoi dire quello che vuoi parlare di quello che vuoi, con quella libertà dove non c’è censura, dove ti è permesso dire qualsiasi cosa, penso che sia molto rinfrescante sia per il comico che per il pubblico, lo sanno tutto funziona qui e penso che sia uno dei motivi per cui LOL sta già entrando nella sua quinta stagione.

Le cose vanno fuori controllo abbastanza rapidamente nel primo atto, poiché ci sono simulazioni sessuali, quinceañeras, lottatori e colpi di tequila. È sicuramente un programma per adulti.

“Ho sempre detto che, se sono troppo chiusi o ci sono cose che possono turbarli, non vederlo perché LOL va tutto bene”, ha sottolineato Derbez.

In questa occasione spicca la partecipazione dei concorrenti La Chupitos e Fernandez. Derbez ha ammesso che le donne nella commedia sono ancora in minoranza.

“Isabel e La Choupitos hanno recitato molto bene, sono entrambe fantastiche e ora vengono per tutto, vengono con l’intenzione di ottenere il premio”, ha detto.

Ma ciò che è stato sicuramente diverso in questa stagione è che invece di ridere di coloro che non riuscivano a controllarsi, hanno finito per ridere molto.

“Non hanno smesso di esibirsi per un secondo e vedrai perché le risate che hanno suscitato sono state sincere”, ha detto Derbez. “Non si ottiene più di un sorriso, qui vedrai molte risate, è molto divertente vedere le persone come se la cavano con uno scherzo.”

Non è raro che i comici dentro e fuori il Messico offrano qualcosa di cui parlare a causa di battute fuori luogo sulle situazioni delicate delle persone colpite. Per Darbeez è difficile navigare nella cultura della cancellazione rispettando allo stesso tempo i confini che non dovrebbero essere oltrepassati.

READ  Il soprano si ritira dall'opera italiana per la "faccia nera"

“Vale la pena discutere a lungo… Ora sento che tutti sono offesi da molte cose”, ha detto. “Mi è chiaro che ci sono battute che non dovrebbero essere raccontate che sono offensive o possono ferire e non è vero neanche questo, ma quella linea è molto sottile ed è anche una linea molto personale”, ha detto.

Ad esempio, cita che sua madre, l’attrice Sylvia Derbez, è morta di cancro, ma non sarà sconvolto sentendo una barzelletta su una donna con questa malattia, anche se si rende conto che se un giorno raccontasse una barzelletta sugli ubriachi potrebbe offendere un alcolizzato nella sua famiglia.

“Giuro che non lo associo a mia madre, per me è uno scherzo ed è finita, ma ci sono persone che si offendono molto facilmente ed è lì che la linea è molto sottile e puoi oltrepassarla in qualsiasi momento”, ha disse.

Derbez ha fatto preoccupare i suoi fan quest’anno quando è stato rivelato che ha avuto un incidente di gioco con il suo set VR che lo ha lasciato con una spalla rotta alla fine di agosto. Ancora in ripresa.

“Sto bene, penso meglio di quanto si aspettasse il dottore, meglio di quanto avrei potuto immaginare, ma sono ancora un po’ frustrato perché sono ancora lontano dal movimento che avevo tra le braccia prima”, ha detto. “Dipenderà dalla mia fisioterapia fino a che punto lo porterò, ma sto andando davvero bene e sono contento dei miei progressi”.

L’incidente ha portato Derbez a perdere la prima di “Aristotele e Dante scoprono i segreti dell’universo” (“Aristotele e Dante scoprono i segreti dell’universo”), basato sull’omonimo libro di Benjamin Alire Sáenz, all’International Toronto Film Festival All’inizio di settembre.

READ  Una città da sogno che ti paga per viverci

Il film di H Alberto è ambientato a El Paso nel 1987 e racconta la storia di due adolescenti messicano-americani. Derbez, Eva Longoria, Max Pelayo, Reese Gonzalez, Luna Blaise, Isabella Gomez e Kevin Alejandro recitano nel film, che è stato coprodotto, tra gli altri, da Derbez e Lin-Manuel Miranda. Derbez ha detto che andrà ai prossimi festival dove si esibirà. E al momento non vede più la realtà virtuale così com’è.

“È molto pericoloso, non sai quanti casi raggiungono gli ospedali, ho scoperto solo ora che ero con il dottore… molti casi di realtà virtuale”, ha detto.