Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Denunciare lo stupro di Weinstein mi ha profondamente depresso: Asia Argento

Parigi. “Quando ho parlato, è stato così crudele:” Quattro anni fa, l’attrice Asia Argento è stata una delle prime a denunciare il predatore sessuale Harvey Weinstein. Per gli italiani, il movimento #MeToo dovrebbe portare alla condanna degli stupratori, ma senza diventare un’etichetta “di moda”.



Asia Argento ha presentato la sua autobiografia dal titolo


© Fornito da La Jornada
Asia Argento ha presentato la sua autobiografia, L’anatomia di un cuore selvaggio. foto

“Non posso dire che mi abbia aiutato così tanto nella vita raccontare quello che mi è successo con Weinstein vent’anni fa”, ha detto l’attrice 46enne all’AFP in occasione della pubblicazione di un libro autobiografico. anatomia selvaggia del cuore, che è stato appena pubblicato in spagnolo.

La figlia del maestro del cinema horror italiano, Dario Argento, ha causato un’ondata senza precedenti, fuori dal cinema, quando nel 2017 ha denunciato lo stupro subito per mano del produttore americano nel 1997, quando aveva 21 anni.

Alcuni fatti contenuti nel suo libro e l’incubo degli anni che seguirono.

“Quando ho parlato, è stato come uno tsunami”, continua. “Non ha aiutato, mi ha lasciato molto depresso, ma la mia coscienza mi dice che dovevo dire la verità”.

“Quando ho scoperto che molte donne avevano sperimentato la stessa cosa, (…) che quest’uomo era un predatore ‘seriale’, (…) non potevo smettere di sentire una voce nella mia testa che mi diceva: ‘Come ti sentiresti di sapere e non dire niente?” Dieci anni da oggi, se questo ragazzo continua a vivere la sua vita? “

Mesi dopo la sua denuncia, l’attore americano Jimmy Bennett l’ha accusata di averlo aggredito sessualmente quando aveva 17 anni, cosa che è stata risolta da un accordo finanziario.

READ  Lizardo Pons ha ammesso di non aver controllato il presunto viaggio di Sofia Jimenez a Jujuy: "Non ho tempo per andare in giro a chiamare"

Galleria fotografica: le celebrità più ridicole di Hollywood (StarsInsider)

I tatuaggi sono più o meno per la vita, quindi non c'è molto spazio per gli errori.  Sfortunatamente, ogni giorno qualcuno si fa tatuare una frase errata, anche le celebrità.  Fai clic sulla galleria per vedere quali altre star hanno tatuaggi buggy.

Asia Argento ha smentito il racconto dell’attore e ha preferito non parlarne: “Sono cose che non appartengono al mio presente (…) non ho rancore”, ha detto.

“Non è la mia battaglia.”

L’artista rifiuta di essere un “simbolo”: “Pensavo che mia madre avesse davvero combattuto per la liberazione delle donne, la liberazione sessuale… ora mi ritrovo a parlare della stessa cosa che mi dà un po’ fastidio. Combattere, ho fatto quello che dovevo fare e non mi interessa più». “

Quanto a #MeToo, il suo punto di vista è contraddittorio: “È come se ascolti molto una parola, perde la sua rilevanza, quando parli molto di qualcosa diventa un po’ isterica”, critica Argento, parlando di uno slogan che è diventato quasi di moda. Ma non si è pentito di nulla: “Questa non è una sconfitta, perché sono riuscito a mettere quell’uomo in prigione”.

Un tribunale degli Stati Uniti nel 2020 ha condannato il magnate di Hollywood caduto in disgrazia, accusato di dozzine di crimini di stupro e aggressione sessuale, a 23 anni di carcere, in attesa di ulteriori processi.

anatomia selvaggia del cuore È la storia di una vita a singhiozzo, un’infanzia pazza, libera e dolorosa a Roma, tra un padre artista trascurato e una madre violenta.

Seguono anni di creatività: l’attrice, regista e musicista si imbatte in un misto di droga, amore e disgrazie, come la tragica morte del suo compagno, lo chef e conduttore televisivo di successo Anthony Bourdain.

Anche Asia Argento parla del suo stupro nel 2002 da parte del regista Rob Cohen, che l’ha drogata per abusarne. Le accuse sono state respinte da quest’ultimo dopo che il libro è stato pubblicato in Italia a gennaio.

READ  Julio Ireguen, il cantante che cantava ai suoi vicini dal balcone, è morto | Diario di Koyo

Per l'”eterno equivoco”, rifiutare le tradizioni borghesi, mettere la sua vita sulla carta era una valvola di sfogo: “Quando vomitavo tutto [en el libro] E allontanandolo da me, l’ho visto come si guarda un quadro. Le persone hanno visto quello che sono mentre si identificano in questo dipinto della mia vita, non mi sento solo”.