Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dalle Malvinas alla “conquista” di Londra | Dopo 40 anni di guerra, “Colui che non salta è un inglese” cantava a Wembley e Trafalgar Square

Da Trafalgar Square allo stadio di Wembley risuonava il grido di battaglia: “Chi non salta è inglese”. Persino l’ammiraglio Nelson non riusciva a crederci, dalla sua alta base sul famoso pilastro situato al centro della piazza. Migliaia di argentini sono stati incoraggiati per le strade di Londra e nel loro tempio dello sport a sfidare questi due simboli del catarro britannico. Anche i giocatori in campo con Lionel Messi come elemento stick. Quattro decenni fa, il 70 per cento dei combattenti argentini nelle Malvinas aveva meno di 25 anni ed era più audace. Ha combattuto con le pistole in mano per una causa che sentiva gli apparteneva, ma è stato spinto da una dittatura genocida e da un generale che amava il whisky on the rocks. Questa volta, prima, durante e dopo la finale contro l’Italia, la scena si è spostata nella capitale del vecchio impero coloniale. Tra le tante opere raccolte in questi giorni, si è risvegliato il ricordo della caduta di Colympas sulle isole. I fan hanno cantato e fermato il classico autobus a due piani, il famoso autobus rosso Routemaster entrato in circolazione nel 1954. La festa era finita, ei londinesi erano ospiti di pietra. La squadra giocava contro i campioni d’Europa, ma la rivalità fuori dal calcio con l’Inghilterra era ancora più forte.

Questa domenica, 5 giugno, ricorre il 40° anniversario dei bombardamenti argentini nella battaglia di Monte Kent, i commando Aldo Rico che difendono l’area e l’inizio della fine e della resa otto giorni dopo. La popolazione della capitale britannica a quel tempo era molto inferiore alla popolazione di queste terre, ignari della guerra che consideravano lontana. Vivevano sulla difensiva a causa delle rappresaglie che già sentivano da una società ostile e allo stesso tempo furono umiliati dalla restaurazione dei Malvinas. Una festa reale ha rinunciato alla traduzione della cantante e attrice Ellen Page in Don’t Cry for me Argentina, dal musical Evita.

READ  Il Fondo Monetario Internazionale ratifica l'accordo con il Club di Parigi, si riunisce in Italia e si impegna a pagare il Fondo

“Dato che una delle canzoni doveva essere tagliata, abbiamo pensato che sarebbe stato sciocco per Eileen cantarla nel caso fosse stata fraintesa”, ha detto Tim Rice, il cantautore citato in un articolo del giornalista Stephen Ratner sul New York Times . 30, 82. Lo storico ricorda che “il cibo argentino è stato vietato nei ristoranti negli edifici governativi di Westminster e la carne argentina in scatola è stata rimossa dagli scaffali di 500 supermercati. Un negozio di liquori a Chelsea ha buttato a terra le sue scorte di vino argentino”.

Nel 2012, dopo trent’anni di guerra, il governo britannico ha declassificato documenti segreti che dimostravano come l’Inghilterra valutasse la possibilità di non partecipare ai Mondiali in Spagna. Il Mondiale in cui l’ultimo campione prescelto, guidato da Flaco Menotti, si è presentato con la sconfitta del Belgio (1-0 di Erwin Vandenberg).

Il ministro dello sport inglese, Neil MacFarlane, ha consigliato al primo ministro Margaret Thatcher: “Raccomando che i contatti sportivi con l’Argentina a livello rappresentativo, di club o individuale non vengano presi sul suolo britannico. Questa politica si applica allo stesso modo a tutti gli eventi sportivi in ​​Argentina. ” Nella lettera scritta l’11 maggio, il funzionario ha ammesso di aver cambiato idea dopo aver ritenuto che fosse la dirigenza del calcio britannico a dover decidere se presentarsi o meno.

Ha osservato che “la perdita di vite britanniche a bordo della HMS Sheffield e della Sea Harriers ha avuto un impatto notevole su alcuni calciatori…”. “Sono scioccati di poter giocare lo stesso torneo con l’Argentina in questo momento”, ha aggiunto MacFarlane. L’iniziativa non ha funzionato perché gli inglesi si sono resi conto che il campione del mondo 1978 non sarebbe stato sotto pressione per ritirarsi dal torneo. “In tal caso, nessun altro paese ci seguirà per ritirarsi dalla Coppa del Mondo”, ha scritto il segretario di gabinetto Robert Armstrong al politico conservatore giorni dopo. La Thatcher e il suo popolo credevano che così facendo avrebbero aperto la strada al regime argentino per lanciare una campagna politica a loro favore.

READ  Il professore di startup CBD cresce con il Covid

Anche l’Inghilterra è tornata alle finali della Coppa del Mondo dodici anni dopo perché non si è qualificata per la 74a posizione della Germania e la 78a dell’Argentina Delle quattro nazioni che compongono il Regno Unito, Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord giocheranno in Spagna. Nessuna delle tre squadre incontrerà l’Argentina. Non hanno superato il secondo turno come la squadra guidata da Menotti, che è stato eliminato dal girone unendosi a Italia – i nuovi campioni – e Brasile. I governi di Leopoldo Galtieri e il suo governo di Leopoldo Calvo Sotelo unirono interessi comuni su questi due territori, uniti dalla loro storica pretesa alle Malvinas e Gibilterra. Il boicottaggio della Coppa da parte della Gran Bretagna non sarebbe andato avanti.

La Spagna si è astenuta dal condannare l’Argentina nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, come volevano Gran Bretagna e Stati Uniti. Due ex campioni del mondo del 1978, Osvaldo Ardiles e Julio Ricardo Villa, idoli del Tottenham Hotspur, hanno passato un brutto periodo a Londra. Il primo lasciò la squadra per andare in prestito al Paris Saint-Germain, che all’epoca non era stato selezionato dalle capitali del Qatar. Quest’ultimo ha giocato la sua ultima partita con il club londinese il 17 maggio 1982, nella sconfitta per 2-1 contro l’Ipswich Town allenato da Bobby Robson e ha continuato la sua carriera con i Fort Lauderdale Strikers del football americano.

Erano gli anni della Thatcher in Gran Bretagna, un fenomeno segnato dai capricci dell’economia, dalle controversie tra il governo ei sindacati dei minatori e dalla continua attività dell’esercito repubblicano irlandese. La fine di quest’era è consistita in una più profonda stagnazione e un maggiore conflitto sociale”, come descrive il libro The Argentine Invasions – Our Players in England, e il medico nella storia Klaus Gallo, uno specialista nato a Buenos Aires nella cultura popolare che collega due paesi attraverso il calcio .

READ  Le esportazioni dei Paesi Baschi sono cresciute del 19,5% a settembre

La scorsa settimana, Londra è stata inondata di fan argentini. Un’avanzata non offensiva ha alzato le bandiere di Maradona e Messi mentre i sudditi della regina Elisabetta hanno perso l’area per un giorno.

[email protected]