Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dalle famiglie giganti e strane

Giuria L’ultima edizione del XIV Premio Tristana Il romanzo era composto dagli scrittori Gonzalo Calcido e dal critico Juan Gómez Barcena. José Manuel Cabrales e l’editore José Angelo Zapatero. Si dà il caso che sia la prima volta che una donna vince da quando ha portato a casa il premio per la specializzazione in grandi romanzi e ha guadagnato importanza internazionale. Ricordiamoci che lo è Tristana L’unico premio per il romanzo tenuto in Spagna e specificamente relativo al campo dei romanzi fantasy. Nel 2022 sono state presentate al concorso 319 opere provenienti da diversi paesi e sono stati offerti 7.000 euro e il romanzo vincitore è stato pubblicato su Menoscuarto Ediciones, casa editrice di Palencia. Il vincitore è stato il venezuelano Sol Linares, con un’opera apprezzata dalla giuria come “una visione delle antiche leggende che si uniscono ogni giorno all’epopea. Una passeggiata appassionata attraverso la brutalità e la sua bellezza nascosta, È narrato con tenerezza e sensibilità». Dopo aver letto quasi duecento pagine, possiamo concludere che questa affermazione risponde fedelmente a quanto trovato. Baby Cyclops scompare dal Museo di Patologia in un ospedale universitario e da quel momento scompare La trama del romanzo è delimitata da scienza, mito e linee familiari. L’eroe, o meglio la narratrice, è una donna, Flora Mazza, che lavora come ingegnere genetico in Italia. Racconta una strana storia raccontata a pennellate, da luoghi e tempi diversi come l’isola dei Ciclopi in Italia, dove storia e Venezuela sembrano incontrarsi tra il Settecento e oggi. Ci presenta Alcuni fatti che si concentrano sulla deturpazione piuttosto che solo sulla deturpazione fisica, ma anche l’etica delle proporzioni. Contrasta con la cupa e talvolta desolata realtà stessa in cui si fondono il mito della letteratura e il pensiero popolare.

READ  Test molecolari, un passo essenziale per garantire l'accesso alla medicina di precisione

Alla fine del Quattrocento, agli albori del Rinascimento, divenne di moda nelle belle corti italiane, quelle che si allontanavano dallo stesso guerriero medievale, presentare volte di rarità con sorpresa di locali e stranieri. In quei castelli trasformati in palazzi Giraffe affollate di zebre e bestieLe uova di struzzo, così come gli animali siamesi o mutilati tenuti nell’etere, divennero una strana attrazione. Sorpresa e singolarità costituivano il piatto forte di tali esemplari, ma mettevano in evidenza soprattutto ciò che era considerato brutale, come un neonato che Membro scomparso e mortocome nel caso del protagonista della nostra storia, un bambino, un gigante che è stato rapito da un parente, e, come l’audace Prometeo, scatena eventi che si svolgono nel passato, reinterpretandolo, e nel futuro dove l’azione deve essere prese.

Questa storia ci viene presentata Freschezza affascinante, attinge dal meglio del realismo magico e genera godimento letterario per l’unicità che gli consente di fondere la quotidianità con il mitico. L’autore venezuelano mostra una facilità sorprendente ma inquietante mentre la lettura prosegue. Tutto quanto sopra lo porta via dall’enorme potenziale a cui avrebbe potuto essere associato, ma va oltre e Attingendo alla tradizione classica e alla visione ispano-americana della creatività letteraria. Può sorprenderci come un autore venezuelano attuale affronti l’eredità di greci e romani con una copertina del genere fin dalla prima pagina quando il protagonista dichiara: “Sono un ingegnere genetico, un parente di Nettuno e una volta ho balbettato». Continuiamo e abbiamo un altro effetto fastidioso: “Ero cugino di Ciclope e questo me lo ha fatto giurare”. L’autore ci muove tra la scienza che mostra i cambiamenti nell’uomo e le credenze popolari, come se il cammino umano rappresentato dalla famiglia debba avere dei fattori scientifici da comprendere. Inoltre, ci rende spettatori attoniti di un fatto moralmente riprovevole, che può trasformare una saga familiare per generazioni in qualcosa come gli immancabili eredi, purtroppo, degli immancabili “grassi”. Sia la prosa che le opere di Sol Linares diventano deliziose, per la trama, il ritmo e l’uso del linguaggio -sorpresa a volte-; Ma soprattutto per il divertimento che offre a qualsiasi lettore che ami i classici offrendo una possibilità così bella, sebbene brutale e contraddittoria, di farli rivivere.

READ  La scienza dell'esercizio quest'anno: sessioni più brevi, più vigilanza, vita più lunga