Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dal Marocco e Algeria “sottomarini” e consegne

Cari lettori, cari lettori

L’Italia abbandonò il nucleare nel 1990, forniva batterie con rinnovabili (meglio tardi) ed entrò Putin. La sua invasione dell’Ucraina ha portato il Paese transalpino ad acquistare il 33,4% del gas importato dalla Russia, e il consumo finale dipende dal 33% di questa fonte di energia, come si può vedere (e confrontare) in uno dei grafici interattivi di Bruegel’s analisi pubblicata. da questa casa.

Il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, che sarà ricordato Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costiLo so inguainato Questo logo e slogan Realpolitik E il suo governo ha iniziato un viaggio attraverso la Repubblica Democratica del Congo, l’Angola, il Mozambico… e AlgeriaChe è dove volevamo davvero andare. Il Paese nordafricano aiuterà l’Italia (allo stesso prezzo) a sbarazzarsi del giogo della Russia. Come è responsabile per l’argomento nel primo articolo di questo le notizieun accordo pirrocontro corrente di trasmissione di energia che non può essere ritardata, ma queste sono le carte che abbiamo distribuito e siamo venuti qui per sopravvivere.

L’Algeria ha segnato un po’ così dopo mesi che tutti sembravano volerlo (spoiler:
Tu vuoi) danza Con il suo acerrimo nemico: il Marocco. Non ci soffermeremo qui sui cambiamenti nella posizione di Germania e Spagna riguardo al Sahara occidentale; Basti citare il grande progetto di costruzione del Regno Unito in Guelmim-Oued Noun (mantieni il nome, cercalo su Wikipedia) grandi piante Generazione di elettricità solare ed eolica insieme a un impianto di accumulo di batterie e posa di quattro cavi sottomarini dal Marocco alla città britannica del Devon per fornire elettricità pulita a sette milioni di famiglie britanniche; o con lui progetto (Indovina dove) dalla francese Total Eren per produrre idrogeno verde e ammoniaca.

READ  Luce questo mercoledì segna il secondo prezzo più alto del mese

Questo ci porta all’altra destinazione del nostro viaggio, dove visitiamo un’Europa (in guerra) fortemente dipendente e attivamente disconnessa; E il suo corollario: il lavoro incompiuto del bonding. Utilizzando questi due grafici, capirai meglio:

Se combiniamo entrambi con le mosse di Draghi e l’unità che l’UE ha mostrato (finora) contro Putin, ci resta mischiare (Non solo energia) di vecchi errori strategici, azioni coordinate e, allo stesso tempo, dispersione disperata degli Stati membri.

Come si può vedere dal secondo grafico, il lavoro di ordine mondiale(più informazioneE qui), nove paesi dell’UE non hanno raggiunto l’impegno (ottenuto senza l’invasione di Putin) nel 2020 di raggiungere il 10% di interdipendenza; Cioè, avere l’infrastruttura per trasmettere quella percentuale di generazione di elettricità; In ordine decrescente: Grecia, Romania, Italia, Francia, Portogallo, Irlanda, Spagna e Cipro. Se analizziamo quest’ultima, l’isola dell’energia per eccellenza, l’unico progetto di interesse europeo in cui è presente con Grecia e Israele, è in fase di autorizzazione. E se andiamo nella penisola iberica, l’altro Isola Ora che richiede un trattamento specifico di fronte all’aumento dei prezzi del gas naturale e dei suoi derivati, la Spagna non ha collegamenti in costruzione (su un totale di 32 nell’UE e nei paesi limitrofi), due sono in fase di elaborazione dei permessi, solo tre sono pianificato e lo stesso numero è nella considerazione iniziale. Dettagli scoraggianti (aggiuntivi): I cinque progetti di interconnessione con Francia e Portogallo erano già nelle liste stilate ogni due anni dalla Rete europea dei gestori di trasmissione di energia elettrica (Entsoe).

Questo in termini di collegamenti elettrici ma per quanto riguarda il gas? Perché, ricordiamolo, prima che Putin invadesse l’Ucraina, il gas naturale era già temporaneamente incluso nel cosiddetto classificazione verde E Al Ain, la rete esistente (e preferibilmente migliorata) può servire in una fase successiva per il trasporto di idrogeno verde, che rapporto recente De Irina scommette che Australia, Cile e Marocco ancora una volta e con la Spagna al quarto posto guideranno il mondo condizionale.

Restiamo qui un attimo, perché abbiamo già finito: ecco perché il governo spagnolo ha sollecitato l’Unione Europea Più veloce (e finanza) collegamenti energetici con il resto del continente. La logica suggerisce che sarebbe necessario portare gas non russo (la Spagna ha la più grande capacità gas-gas in Europa, ora che l’offerta dalla sua versione liquefatta o GNL è cresciuta in modo significativo) negli Stati membri in deficit; E poi, l’idrogeno prodotto dall’elettrolisi. Da qui la resurrezione oggi sulla carta e oggetto di carte politiche! Nel nostro Paese, dal vecchio progetto Midcat (stiamo parlando di inizio secolo), si sono già occupati di lui Antonia Diaz e Luis Buch (qui), e più recentemente da altre analisi in esso contenute le notizie (vedi sotto).

READ  Stiamo assistendo a un rilancio economico dopo la pandemia grazie alla Legge 60/90

Di seguito gli articoli pubblicati nella sezione Energy Transition, in collaborazione con Red Eléctrica de España, oltre ad altri articoli classificati nella categoria Economia.

La Spagna ha bisogno di sviluppare la sua diplomazia sull’idrogeno verde
“Non riguarda il cui, di chi Può sostituire la Russia, ma a partire dal Può sostituire il gas naturale”. Isabel Valverde afferma che “la Spagna ha urgente bisogno di sviluppare una diplomazia dell’idrogeno con una visione strategica al culmine di un’opportunità industriale senza precedenti”; e convincere Bruxelles che si tratta di un’opportunità europea, è una supremazia strategica.

Il ruolo delle batterie nella mobilità elettrica sostenibile
Mario Rodriguez e Christian Queliz sostengono che “in Europa stanno studiando almeno 38 fabbriche” per batterie, (…) sufficienti “per alimentare circa otto milioni di auto elettriche”. E che la Spagna, ancora una volta, possa diventare una ‘A centro principale Mobilità elettrica europea”.

Le buone e le cattive politiche di indipendenza energetica
Sebbene Stefano Parazzetta e Andrea Roventini inizialmente simpatizzassero per alcune iniziative del governo italiano per liberarsi della dipendenza dalla Russia, la loro conclusione è che questo Paese continua a rimandare una “vera transizione energetica”, e o le cose cambieranno troppo, o cambierà certamente perdere l’occasione per una transizione ecologica.

Green Deal

L’invasione dell’Ucraina ha accelerato la lotta tecnologica
“Con la cessazione, a tempo indeterminato, dell’export di gas neon dall’Ucraina, che rappresenta il 40% della produzione mondiale, e gli effetti delle sanzioni internazionali sulla Russia, che ne incassa il 30%, nuovi attori sposteranno il mercato dei gas rari”; Con l’eminente Cina. Analisi Agueda Barra.

‘Nota audio’. La ‘Next Generation’ come acceleratore della legge sui cambiamenti climatici
Vi presentiamo il primo episodio della serie notazione audio Si intitola ultima possibilità che ho preparato Red2Red Consulenza e l’ordine del giorno generale. Nell’episodio 1, abbiamo parlato con Christina Monge, professoressa di scienze politiche e consulente esecutivo di Codici Professore di Sociologia all’Università di Saragozza. Presentato da José Moisés Martín Carretero, amministratore delegato di Red2Red.

READ  Il governo invia ufficialmente il piano di ripresa a Bruxelles | Economie

buona lettura

Guillermo Sanchez Herrero
editore