Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Da “Robigit” alla Presidenza della Repubblica

Notizie correlate

Il 12 novembre 2011, Giorgio NapolitanoIl Presidente della Repubblica Italiana, dopo una settimana di pressioni e rimpianti, è finalmente riuscito a dimettersi Silvio Berlusconi Come primo ministro nel governo. A 75 anni Berlusconi, al potere da quasi un decennio salvo due anni sotto il fragile governo di Romano Prodi (2006-2008), è diventato una figura insostenibile in un Paese sull’orlo del collasso.

Il “Grande Manager”, l’uomo deciso a governare il Paese come chi dirige una delle sue tante società di intrattenimento, ha fallito nel suo tentativo di tirare fuori l’Italia dalla sua più grande crisi degli ultimi decenni.

Nonostante la sua volontà, acconsentì alle riforme richieste dalla troika per aiutare il Paese a ripagare i suoi tanti prestiti, e Berlusconi non si fidava Unione europea Né del Quirinale né del suo partito. La caduta all’inferno è iniziata dieci mesi fa, quando la magistratura milanese ha deciso di aprire un’indagine sul suo rapporto con lui Karima El Mahroug, noto anche come Ruby Rubakuri (“Spaccacuori”). El Mahroug, allora 17enne, sosteneva di essere uno dei frequentatori abituali dei “bunga bunga party” che Berlusconi organizzava nel suo palazzo alla periferia di Milano.

I manifestanti contrari alla candidatura di Berlusconi ricordano l’affare “Bunga Bunga”.

Reuters

Lei e altri minori hanno affermato di essere andati a letto con il Primo Ministro per soldi quando non si erano ancora incontrati diciotto, seguita dalla solita ondata di smentite che non ha convinto del tutto la polizia, per non parlare dei giudici. Troppi testimoni, troppi pezzi da incastrare. Il fascino di Berlusconi per la bellezza, e ancor di più per la bellezza adolescenziale, era ben noto a tutti, ma il fascino in sé e per sé non è un crimine.

È un reato, ad esempio, che El-Mahrouq sia stata arrestata per furto, reclusione e che lo stesso Berlusconi abbia chiamato da Parigi, immaginando che fosse la nipote dell’ancora presidente egiziano. Hosni MubarakE ordinando il suo rilascio immediato per evitare un incidente diplomatico.

Silvio Berlusconi.

Silvio Berlusconi.

Reuters

Tuttavia, non furono né Robbie né Bonga Bonga a respingere Berlusconi. Non ha aiutato, ovviamente, così come non ha aiutato le operazioni che in precedenza si erano aperte alla corruzione e alle truffe finanziarie scoperte lungo il percorso. Questo era in precedenza. Era come nel 2011 come nel 2001 come nel 1993, quando “Il Cavaliere” decise finalmente di entrare in politica, dopo tanto flirtare con l’idea.

La differenza era la stretta creditizia. Lo stato in bancarotta e la necessità che l’UE imponga al massimo le sue condizioni: non solo stabilire termini e budget, ma anche mettere al comando l’uomo ideale, il tecnocrate. Mario Monti, Il presidente del Consiglio eletto poco dopo Berlusconi si è dimesso senza ottenere un solo voto in nessuna elezione.

READ  All'asta le foto del matrimonio di Maria Felix e Jorge Negret

Il via vai della giustizia

Questa avrebbe dovuto essere la fine di Berlusconi. È difficile uscire da molteplici accuse di traffico di bambini, abuso di potere e frode fiscale. L’esperimento più scandaloso, il processo per il trattamento di Robbie e Saleh, è ​​durato due anni e alla fine è stato Berlusconi Condannato per aver pagato per favori sessuali dell’Egiziano e ha superato i suoi doveri per aiutarla quando si è messa nei guai. Sette anni di reclusione e cinque anni di divieto di ricoprire qualsiasi carica pubblica. Una frase tipica… è arrivata subito dopo le elezioni del febbraio 2013, in cui, nonostante tutto, Berlusconi aveva appena un milione di voti in meno per vincere, quasi tre volte i risultati odiati. Mario Monti.

La vittoria del Partito Democratico Popolare di Bressani, insieme a Berlusconi espulso da Cortes – Una condanna nel “caso Ruby” cui si aggiunge un’altra per quattro anni per frode fiscale – sembrava l’ultimo chiodo nella bara dell’imprenditore politico. Come ci si reinventa a 77 anni, in attesa di un imminente ingresso in carcere? Silvio si è rifugiato in campo, si è allontanato dal frastuono e ha lasciato le cose nelle mani del suo avvocato. E cosa è successo ai loro avvocati? Un ricorso e due sentenze di assoluzione. Per magia, nel 2015 Berlusconi non è più responsabile di sesso con minori – “questo non è un reato”, come recita la seconda frase – né di alcun abuso di potere – “non è mai esistito” – e può tranquillamente tornare alla prima fila in politica se lo desidera.

I problemi erano numerosi: Berlusconi aveva 79 anni e cominciavano a comparire disturbi di salute. Inoltre, ha preso il suo posto nel centrodestra Matteo Salvini, il giovane e arrogante leader della Lega Nord, dopo aver tolto di mezzo Umberto Bossi. Nel 2018 Berlusconi si candidò alle elezioni con Forza Italia, ma il nazionalismo non gli serve più nel mondo di Salvini e Melones. Lui dietro la Lega, lui dietro al Pd e lui dietro al Movimento Cinque Stelle, vincendo le elezioni. Potrebbe avere ancora il suo significato in un possibile patto di destra… Ma il M5S ha preferito un’alleanza con la Lega, e quindi Berlusconi è stato lasciato agli affari suoi: sorridere alle telecamere e combattere in tribunale.

Tuttavia, la colossale follia di Salvini e il crollo dell’accordo del suo governo con Di Maio ci hanno portato Forza Italia Entrare a far parte del governo centrale che ora gestisce il Paese, con Mario Draghi, ex capo della Banca centrale europea, come prestanome. Nel 2021 i giudici hanno dato a Berlusconi due buone notizie: in primo luogo, l’accusa di corruzione di diversi testimoni nel “caso Ruby” è stata respinta, parte del procedimento ancora pendente quasi un decennio dopo…

READ  La misteriosa lettera di Matthias Davyderico dopo che Cynthia Fernandez ha vinto un processo

Berlusconi dopo il voto alle europee del 2019.

Berlusconi dopo il voto alle europee del 2019.

Gtres

In secondo luogo, la stessa Procura ha chiesto di rinviare il resto del contenzioso, ritenendo che Berlusconi fosse “molto malato” e che c’erano referti medici che parlavano di una condizione di salute precaria e che ciò gli impediva di difendersi adeguatamente.

¿Il presidente Berlusconi?

Era maggio 2021. È vero che Berlusconi ha avuto problemi alle coronarie ed è stato ricoverato in ospedale per due giorni dopo aver contratto il Corona virus. Stiamo parlando, dopotutto, di Uomo di 85 anni. Tuttavia, la sua salute è migliorata con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali di gennaio e ne siamo molto soddisfatti. Nonostante le questioni legali ancora pendenti, nonostante il ricordo dei suoi scandali morali ed economici, e nonostante il suo ruolo politico un po’ secondario, Berlusconi vuole dire addio alla politica non come un fuorilegge ma come un Presidente della RepubblicaLa posizione più prestigiosa del paese.

Sebbene i suoi poteri pratici siano inferiori a quelli del Presidente del Consiglio, il Presidente della Repubblica è una figura al di sopra del bene e del male. Un uomo – è sempre un uomo – è rispettato e rispettato, di solito nell’ultima fase della sua carriera e della sua vita, ed è ringraziato per i servizi resi attraverso elezioni più o meno consensuali tra i vari partiti politici.

Personaggi storici come Giovanni Leone, Sandro Bertini, Oscar Luigi Scalfaro o lo stesso Giorgio Napolitano hanno superato questa carica. Giulio Andreotti è stato più volte lasciato alle porte, soprattutto nel 1992, quando tutto sembrava pronto per lui, ma i suoi legami con la mafia lo hanno tenuto fuori carica nell’anno in cui furono assassinati il ​​giudice Falcone e il pm Borsolino.

Silvio Berlusconi vuole essere il prossimo capo di stato italiano.

Silvio Berlusconi vuole essere il prossimo capo di stato italiano.

Reuters

Da lontano, pensa Silvio Berlusconi In questa posizione grandiosa, di unanimità e di prestigio, sembra un’illusione di grandezza… ma l'”inganno” sembra assumere i segni della realtà. Le elezioni presidenziali sono decise tra 321 senatori, 650 deputati e 58 deputati regionali aventi diritto di voto. Non ci sono candidati in quanto tali, in quanto è come un incontro segreto per eleggere un nuovo papa. I nomi vengono proposti e votati.

Di solito, però, se a qualcuno non interessa – l’attuale presidente, Sergio Mattarella, ha già annunciato le sue dimissioni per la rielezione – la sua presenza viene evitata. Il candidato più probabile è il presidente del Consiglio in carica Mario Draghi, ma non ha ancora voluto candidarsi pubblicamente alla presidenza. Tutti parlavano a suo nome, ma lui, per ogni evenienza, preferiva tacere.

READ  Marcelo Tinelli reagisce a un inaspettato conto in diretta di Guille Valdés: "Oops, tutto conta"

Tra minacce e intrighi

Dopo Draghi, i sondaggi hanno collocato Berlusconi al secondo posto nella lista delle preferenze degli italiani, ma insisto sul fatto che le preferenze degli italiani hanno scarso effetto in un’elezione puramente politica. Nonostante Draghi generi più consensi, Berlusconi ha un vantaggio importante a suo favore: il centrodestra è disposto a sbarazzarsi di lui… Ha abbastanza consensi nei piccoli partiti locali, e rappresentanti che gli devono i favori di sognare elezioni in il quarto o il quinto voto.

Si può sostenere che anche il M5S – che si è scontrato con Berlusconi – non trarrebbe vantaggio dal tenere Silvio fuori dalle decisioni quotidiane. Berlusconi non è rispettato nella politica italiana, È davvero terrorizzato. Dargli quello che vuole potrebbe non essere una cattiva idea.

Silvio Berlusconi e Mario Draghi in una foto scattata nel 2008.

Silvio Berlusconi e Mario Draghi in una foto scattata nel 2008.

F

Da parte sua, Berlusconi non può, ovviamente, rimanere statico. Ha già minacciato di lasciare la coalizione di governo se Draghi verrà eletto. Farà di tutto per indire elezioni anticipate, che, in uno scenario in cui ci sono quattro partiti più o meno uguali alle urne -M5S, Lega, PD e Fratelli-, susciterebbe qualche preoccupazione in ciascuno di loro.

Di recente, ha anche ricevuto il sostegno di Manfred Weber, il capo del Partito popolare europeo al Parlamento europeo. Tutto fa pensare a un testa a testa con Draghi fino all’ultimo minuto… a meno che Draghi non sia fuori gara e questo giustifichi il centrodestra che cerca un’altra immagine in basso.

Fino al 24 gennaio, questi intrighi di palazzo continueranno… ed è molto probabile che continueranno anche dopo. Non si sa quanti giorni o quanti voti saranno necessari per nominare un nuovo Presidente della Repubblica. Non si sa nemmeno quali candidati si uniranno all’ultimo minuto o chi attenderà i candidati nella prossima occasione: ce n’è uno ogni sette anni, salvo la morte dell’incumbent.

Quello che sappiamo è che Berlusconi è tornato per un ultimo ballo inaspettato. E che gran parte della classe politica italiana, cittadini compresi, è disposta a dimenticare tutte le cose brutte dell’ultimo decennio come se non fossero mai accadute.