Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Da quanto tempo una persona ha l’Omicron contagioso?

Anche il periodo di incubazione, ovvero il tempo che intercorre tra l’infezione e lo sviluppo dei sintomi, può essere ridotto rispetto alle varianti precedenti e sarà di tre giorni (EFE/Orlando Barría)

Dalla variante Omicron del nuovo coronavirus, così come da tutto ciò che riguarda la pandemia, i professionisti e il pubblico in generale stanno imparando e sapendo man mano che il virus progredisce e si accumulano prove scientifiche.

Così, a poco più di un mese dalla sua comparsa in Sud Africa, da alcuni studi preliminari e da pazienti osservazioni, si sapeva che È più trasmissibile del delta (circa cinque volte di più) e nelle persone vaccinate con almeno due dosi spesso si sviluppano malattie lievi, con sintomi simil-influenzali e di breve durata.

Ora è stato rivelato il incubazione, ovvero il tempo che intercorre tra l’infezione e lo sviluppo dei sintomi, può essere ridotto anche rispetto alle variabili precedenti e sarà di tre giorni Rispetto a quanto si sapeva finora sul Corona virus, il cui periodo di incubazione può variare da due a 11 giorni, con un massimo di 14 giorni.

E se così fosse il periodo contagioso (cioè, quando una persona infetta può trasmettere l’infezione ad altri) Può iniziare un giorno o due prima che compaiano i sintomi e le persone hanno maggiori probabilità di essere più infettive durante il corso dei sintomi. Nei pazienti asintomatici si contano le 48 ore precedenti lo striscio positivo.

inoltre, Si stima che il periodo di contagio sia di circa otto-dieci giorni nei casi moderati e in media fino a due settimane nei casi gravi. Tuttavia, l’infezione generalmente scompare entro sette giorni dall’insorgenza dei sintomi..

Il periodo contagioso (ovvero, quando una persona infetta può infettare altre persone) può iniziare uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi, quindi è più probabile che le persone siano contagiose durante il periodo sintomatico (REUTERS/Cheney Orr)
Il periodo contagioso (ovvero, quando una persona infetta può infettare altre persone) può iniziare uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi, quindi è più probabile che le persone siano contagiose durante il periodo sintomatico (REUTERS/Cheney Orr)

Nelle persone vaccinate con due o tre dosi è stata osservata una durata più breve dei sintomi, Questi sono descritti come febbre, tosse o raffreddore e possono scomparire dopo un paio di giorni. Pertanto, si presume che anche la capacità di infettare gli altri sia ridotta.

READ  Cinque previsioni di Bill Gates sul prossimo futuro: la pandemia, i progressi tecnologici e le opportunità per il metaverso

Gli scienziati avvertono che i dati per queste conclusioni sono preliminari e saranno confermati da studi scientifici su larga scala.

Molti paesi in tutto il mondo hanno fatto affidamento su questi dati per ridurre gli isolati. Infobae Consulting, Responsabile di Epidemiologia, Ospedale Pediatrico Ricardo Gutierrez, Angela Gentile (MN 49908), Ha osservato che semplificando sia lo stretto contatto che il numero di giorni di isolamento dei casi confermati in persone completamente vaccinate in un periodo non superiore a sei mesi (perché ricordiamo che dopo quattro mesi si può già ottenere la terza dose) Isolamento semplificato e consentirà un maggiore movimento“.

“Tutto è dinamico e apparirà nel tempo ma Oggi, date le caratteristiche del micron, è del tutto corretto regolare l’isolamento e, soprattutto, determinare stato di vaccinazione Perché è stato osservato che le persone completamente vaccinate hanno meno complicanze, meno ospedalizzazioni e un tasso di mortalità più basso, ed è quello che si vede in Argentina e nel mondo. Da qui l’importanza di agire in base allo stato di vaccinazione”, ha sottolineato il Gentile.

La variabile Omicron ha cambiato le definizioni di COVID-19 in Argentina e nel mondo: “La spiegazione per i giorni di isolamento ridotti come recentemente dichiarato dal CDC è che Questa variante ha un breve periodo di incubazione, non è più come il ceppo originale di cui parlavamo, 12/14 giorni. in pratica Due giorni prima dell’inizio dei sintomi, c’è un’alta carica virale e dopo due o tre giorni appare il quadro clinico, In altre parole, il periodo di incubazione è molto breve, quindi anche la definizione di stato, connessione e isolamento deve essere riformulata, tenendo conto delle caratteristiche di questa variabile”. Gentili.

Nelle persone vaccinate con due o tre dosi è stata osservata una durata dei sintomi più breve (Reuters)
Nelle persone vaccinate con due o tre dosi è stata osservata una durata dei sintomi più breve (Reuters)

L’infezione da Omicron “non è la stessa di una malattia”

READ  Sorpresa e mistero dei draghi marini apparsi morti sulla costa dell'Australia

A identificarlo è stato John Bell, professore di medicina all’Università di Oxford e consigliere del governo di Boris Johnson.

Alla domanda sulla misura in cui si è verificata la nuova variante di Omicron nel contesto della pandemia, Bell ha aggiunto: “La malattia sembra essere meno grave e molte persone trascorrono un tempo relativamente breve in ospedale. Non richiedono ossigeno ad alto flusso, tempo di permanenza medio apparentemente tre giorni, Questa non è la stessa malattia che abbiamo visto un anno fa“.

studio del governo britannico Una recente pubblicazione ha suggerito, attraverso dati preliminari, che Le persone che ottengono la variante Omicron del coronavirus hanno dal 50% al 70% in meno di probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto a quelle con il ceppo delta.

Inoltre, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha affermato che si stima che le persone infette dalla nuova variante abbiano tra 31% e 45% in meno di probabilità di essere ricoverati in pronto soccorso rispetto a quelli con delta.

Continuare a leggere: