Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Cura medica per corpo, anima e spirito” la disciplina della dott.ssa Edna Mora

Questo concetto viene sempre più incorporato nei processi di cura dei centri oncologici.

Dr. Edna Mora, MD, chirurgo e ricercatore presso l’Università di Puerto Rico Comprehensive Cancer Center. Foto: Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

Sentire un dottore parlare di spiritualità non è comune, ma Dott.ssa Edna MoraE Chirurgo e ricercatore presso il Comprehensive Cancer Center dell’Università di Porto Rico (CCCUPR), ha collaborato con il Journal of Medicine and Public Health, una disciplina che trascende le religioni, nota come oncologia spirituale.

Lo specialista ha spiegato che non si tratta di religioni, ma di qualcosa di universale che unisce l’anima al corpo, perché l’essere umano è il corpo, l’anima e lo spirito, e che il concetto è nato quando ha capito che mancava qualcosa quando ha assistito il paziente, perché a suo avviso l’oncologia spirituale si riferisce a quella parte che “al di là di esso l’organismo è corpo e anima. È quella parte che non possiamo notare, ma questo è molto importante in tutte le questioni della vita. Si basa sull’oncologia spirituale sull’impegno che il paziente sia in grado di occuparsi delle questioni spirituali all’interno del processo di diagnosi e trattamento”.

Anche, come riporta il Distinguished Oncologist nella Scientific Investigation of Triple Negative Cancer a Porto Rico, l’American Society of Clinical Oncology ha realizzato questo concetto sviluppando guide per guidare gli specialisti e possono a loro volta condividere con medici di base, infermieri e pazienti .

“Molte persone usano il termine guarigione e guarigione come la stessa cosa e in effetti sono abbastanza diversi. Quando conosciamo l’oncologia spirituale, vediamo la guarigione come quel processo in cui un corpo che ha contratto una malattia, per qualsiasi motivo, espone a qualche trattamento non appena è andata Malattia e questa è guarigione, ma questa non è una cura, e non equivale a guarire, perché ci sono pazienti che non sono stati curati, e la loro malattia non è scomparsa, e questa malattia era finché non furono guariti perché la guarigione è spirituale”.

READ  Rabbia - il finanziere

Le ultime fasi della vita: diagnosi e cura

“Nel mio personale, capisco che l’oncologia spirituale deve essere affrontata in tutte le fasi della diagnosi e del trattamento di un paziente, perché la spiritualità influenza il modo in cui vediamo tutte le cose, come ci sentiamo e come reagiamo ad esse? Quindi il paziente che viene a ricevere anche una biopsia o un intervento chirurgico hanno un vantaggio: se includono la loro spiritualità nel trattamento olistico”, ha spiegato il dottor Mora.

Lo specialista ha osservato che è importante interessarsi alla spiritualità in oncologia, motivo per cui, nel tempo, più specialisti hanno incorporato questo tipo di assistenza nella cura clinica del paziente, incorporando, ad esempio, parole di incoraggiamento.

Un processo che sfida tutti: medici, infermieri e pazienti

La dottoressa Mora afferma nella sua storia che la guarigione è l’esplorazione di quell’energia, quel supporto, quella visione, di ciò che è un essere umano, “che non è né il corpo né l’anima, ma sappiamo che esiste, perché nella nostra mente, siamo radicati in esso, ma non lo pratichiamo”.

Pertanto, ha sottolineato che molti pazienti potrebbero non riprendersi, ma piuttosto guarire da un punto di vista spirituale, sia con se stesso, la sua famiglia o il suo ambiente.

“Di solito vediamo la spiritualità espressa maggiormente nelle situazioni in cui una persona sta morendo, o dove muore un parente, un amico o un amico; perché ci immaginiamo in quella situazione, cioè vediamo che dobbiamo sviluppare quella spiritualità perché quando sappiamo Quindi, vediamo le cose in modo diverso”.

La dott.ssa Mora ha sottolineato con voce calma che non conosce al meglio la spiritualità, ma è in un processo di apprendimento continuo, poiché ha visto come i pazienti si sentono più supportati.

READ  La Jornada - Il Messico onorerà il capo della polizia per aver salvato l'arte

La specialista ha spiegato nel suo lavoro che altri aspetti sono integrati mentre altre abilità vengono stimolate in modo che il paziente veda la situazione da un altro punto di vista.

“Questo è sia per il paziente che per i familiari, e penso che possano gestire la situazione con più calma, con più conoscenza, essere più aperti alle alternative e prendere decisioni migliori, e alla fine non devono preoccuparsi di quale sarà il risultato finale perché stiamo già percorrendo quella strada che è la malattia in questo caso, perché ci dà l’opportunità di svilupparla e condividere l’oncologia spirituale”, ha concluso.