Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cultura oceanica e rivoluzione nelle soluzioni oceanografiche

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) invita tutti a unirsi alla rivoluzione per lanciare soluzioni scientifiche innovative per gli oceani. UN News ha parlato con alcuni esperti dell’importanza dell’alfabetizzazione oceanica.

Il cultura oceanica È generalmente definito come Comprendere l’influenza dell’ambiente sulla psiche S La propria influenza sull’oceano.

© Nicholas Han

Un raggio di diamante e un pesce istrice con un occhio solo si nutrono sulla sabbia mentre centinaia di occhi grandi si radunano dietro di loro.

Consentire alle persone di lavorare

Francesca Santoro, Responsabile del Dipartimento di Cultura dell’Oceano presso la Commissione Oceanografica Intergovernativa (CIO) dell’UNESCO, ha spiegato che la definizione va oltre.

“Si tratta di fornire alle persone gli strumenti che consentano loro di utilizzare meglio la loro conoscenza degli oceani per essere più responsabili e in grado di prendere decisioni più informate sulle risorse oceaniche. Si tratta davvero di essere in grado di capire come gli oceani influiscono sulle nostre vite e come possiamo influenzare l’oceano in modi sia positivi che negativi.

In quanto punto focale della scienza oceanica all’interno del sistema delle Nazioni Unite, il Comitato Olimpico Internazionale guida Decennio delle Nazioni Unite di oceanografia per lo sviluppo sostenibile (dal 2021 al 2030).

“Il CIO promuove principalmente la cooperazione internazionale nelle scienze marine e nella ricerca oceanica, poiché nessun paese da solo può condurre ricerche in tutti i bacini oceanici”, ha continuato Santoro.

I bambini Moken nuotano nell'arcipelago di Myki in Myanmar.

© Banca delle immagini dell’oceano/Ben Jones

I bambini Moken nuotano nell’arcipelago di Myki in Myanmar.

Un momento decisivo

L’Ocean Science Decade è un’opportunità per cambiare lo stato dell’oceano nei prossimi 100 anni.

All’inizio di quest’anno, l’UNESCO ha lanciato una campagna per incoraggiare le persone a unirsi al movimento globale generazione degli oceani.

Come ha spiegato in un’intervista Vinicius Grunberg Lindoso, responsabile delle comunicazioni, CIO per l’UNESCO: Si tratta di coinvolgere tutti.Facciamo tutti parte di questa generazione, indipendentemente dall’età, e Tutti possono salvare questo ecosistema.

L’idea è quella di utilizzare la narrazione trasformativa per connettere i cittadini con la cultura oceanica e promuovere l’azione privata per ripristinare, proteggere e convivere meglio con l’oceano.

READ  La sostituzione del sale con alternative riduce il rischio di infarti e ictus

Studenti, agenti di cambiamento attivi

Alcuni importanti programmi del CIO esaminano gli impatti concreti del cambiamento climatico sull’oceano e come l’oceano possa essere considerato il miglior alleato nell’azione per il clima.

In stretta collaborazione con scuole, insegnanti ed educatori, L’agenzia scientifica delle Nazioni Unite utilizza i risultati della sua ricerca oceanica per sviluppare piani di studio.

“Abbiamo sviluppato una serie di risorse – opuscoli, video o giochi – e le utilizziamo per collaborare con le scuole di tutto il mondo per coinvolgere le persone fin dalla più tenera età, dalle scuole elementari alle superiori. Non solo includiamo obiettivi di apprendimento, ma chiamiamo anche obiettivi di apprendimento comportamentale e sociale Emotivo, perché lo vogliamo Gli studenti diventano agenti attivi del cambiamento, per partecipare a iniziative che supportano la protezione degli oceaniOsservò Santoro.

Pulizia dei bambini Praia da Poça, una piccola e frequentata spiaggia all'inizio della costa di Estoril, a Cascais (Portogallo).

Notizie ONU / Teresa Saleema

Pulizia dei bambini Praia da Poça, una piccola e frequentata spiaggia all’inizio della costa di Estoril, a Cascais (Portogallo).

scuole blu

In Portogallo, il Kenya ha ospitato insieme Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceanoche si celebra dal 27 giugno al 1 luglio, il Fondazione Oceano Blu Svolge un ruolo importante nello sviluppo della cultura oceanica e delle pratiche di conservazione nella nazione portoghese.

La Fondazione promuove l’educazione al clima tra i bambini in modo che imparino a conoscere i problemi degli oceani e il loro impatto speciale su questo ecosistema, l’obiettivo è che quando crescono e devono prendere decisioni, indipendentemente dalla professione che scelgono, hanno opinioni. .

Samuel Collins, Direttore di Blue Ocean Programs, ha spiegato in cosa consiste l’iniziativa: “Dobbiamo trasmettere le informazioni in modo che possano essere assimilate dalle diverse fasce d’età. Tuttavia, tenendo presente l’importanza di questi problemi e l’impatto che avremo avere nel prossimo futuro alle attuali generazioni, abbiamo la responsabilità di comunicare Queste informazioni sono per i giovani”.

In collaborazione con Acquario di LisbonaBlue Ocean attua un programma per educare generazione bluFormare gli insegnanti e fornire loro curricula e risorse per veicolare il messaggio nel primo ciclo educativo.

Studieranno matematica, ma parleranno di pesceImpareranno il francese, parleranno dell’oceano, faranno la storia, ma incorporeranno l’oceanografia; Quindi si tratta di migliorare il curriculum, ma dal punto di vista della lente blu. [Los estudiantes] Vengono in acquario e svolgono molte attività fantastiche e si divertono, perché un oceano sano ha un enorme potenziale e questo è importante che lo sappiano”.

READ  Studia medicina e vive a Entre Rios e afferma di averlo visto "solo una volta": chi è Samira, la sorella di L-Ganti

Il programma prevede di portare la cultura oceanica a tutti i bambini residenti in Portogallo, con particolare attenzione al gruppo di età compresa tra i cinque ei nove anni.

I bambini partecipano ad attività di disegno a un evento di sensibilizzazione sull'oceano a Venezia, in Italia.

Il Comitato Olimpico Internazionale e l’UNESCO

I bambini partecipano ad attività di disegno a un evento di sensibilizzazione sull’oceano a Venezia, in Italia.

Asilo della Laguna

In Italia, Venezia da secoli dimostra l’interazione dinamica tra uomo e natura, confermando la sua capacità di fungere da modello per altri ecosistemi simili.

Per le sue caratteristiche esemplari e per la sua designazione a Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, “Venezia ei suoi laghi” è stata scelta come sito di applicazione per la versione beta dell’iniziativa “Rideda Lagoon”, lanciata lo scorso maggio.

Il nuovo programma educativo, basato sulla promozione dei principi della cultura oceanica e dell’interazione con l’ambiente, mira a promuovere lo stretto legame tra i bambini e la natura, utilizzando attività esterne e interazioni con la comunità locale.

Le lezioni tematiche sono offerte alle classi di 25 studenti della scuola materna, che si tengono all’aperto e sono finalizzate alla scoperta dell’ecosistema del lago. Segue uno stimolo creativo e un disegno alla fine di ogni lezione.

Insieme al Gruppo Prada, l’UNESCO spera di consentire ai giovani di diventare la generazione degli oceani del futuro.

La comunità internazionale deve fare dell’istruzione uno dei pilastri del suo lavoro a beneficio dell’ambiente L’istruzione si impegna ad aiutare i giovani di oggi a diventare cittadini responsabili e informati di domani”, ha affermato Anna Luisa M. Thompson Flores, Direttrice dell’Ufficio Regionale dell’UNESCO.

Più di 200 studenti provenienti da sei paesi si stanno allineando per inviare l'importante messaggio per salvare i nostri oceani.

Accademia araba per la scienza, la tecnologia e il trasporto marittimo (AASTMT)

Più di 200 studenti provenienti da sei paesi si stanno mettendo in fila per inviare un messaggio importante per salvare i nostri oceani.

Cultura oceanica a Lisbona

La Ocean Literacy Community si riunirà a Lisbona, in Portogallo, in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani, per garantire che l’alfabetizzazione oceanica sia una componente centrale dell’azione a beneficio di tali ecosistemi.

READ  Hanno scoperto la prima infezione del vaiolo delle scimmie dagli esseri umani ai cani

All’ultima conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani [en 2017, en Nueva York], la cultura oceanica era agli albori; Tuttavia, ora possiamo dimostrare di aver ottenuto risultati significativi, come il rafforzamento della presenza dell’alfabetizzazione oceanica nell’istruzione formale e di avere una rete crescente di scuole blu in tutto il mondo. Ma dobbiamo intensificare i nostri sforzi, garantire l’attuazione di iniziative di sensibilizzazione sugli oceani in tutto il mondo e rafforzare la cooperazione per condividere buone pratiche tra diversi attori”, ha affermato Santoro.

Il primo giorno della conferenza del 2022 si terrà un incontro ad alto livello dell’Ocean Decade Alliance, seguito da un forum il 30 giugno, per comunicare il messaggio di azione, partenariato e inclusione.

“La mia altra aspettativa è quella di includere sempre più parti interessate. In questo momento, abbiamo principalmente scienziati ed educatori, ma penso che abbiamo bisogno, ad esempio, di giornalisti e media per aiutarci a rendere l’oceano presente nei media e rendere le persone più consapevoli dell’importanza degli oceani per il futuro di questo pianeta.

Abbiamo bisogno di una comunità creativa

L’UNESCO ha preparato una serie di eventi per il Congresso Oceans di Lisbona, tra gli altri, la mostra Decade Ocean Creative nella Plaza Mayor della città e il concerto Ocean’s Generation al Rock Festival di Rio, il 26 giugno. Questi eventi coinvolgono la comunità creativa globale, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza e preservare la scienza oceanica.

Per Santoro, collaborare con la comunità creativa “è fondamentale, soprattutto perché riconosciamo che le nostre emozioni portano alla rappresentazione. Lavorare con artisti e fotografi aumenta la capacità delle persone di sentirsi più connesse all’ambiente circostante o di riscoprire quanto siamo connessi ad esso. La comunità creativa ci aiuta davvero.” Nel trovare questa parte emotiva della nostra connessione con l’oceano, quindi dobbiamo lavorare insieme, scienziati e artisti, per co-progettare e sviluppare progetti. Non importa se sei uno scienziato, un giornalista, artista, politico o qualcuno che lavora nel settore privato. Dobbiamo unire le forze e avere una visione e un obiettivo comuni”.