Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Culto maradoniano, incanto e festa indimenticabile a Napoli, “Terra argentina in Italia”

ROMA.- In ogni angolo d’Italia abitato da argentini c’era passione, gioia, vertigini. Ma Napoli è il luogo più vibrante e celebrativo dopo la lunga, struggente e drammatica vittoria dell’Argentina. E, evidenziato ieri Tutti i giornali italianiDall’altra parte dell’oceano e separata da più di 10.000 chilometri, Napoli si è unita ai festeggiamenti di Buenos Aires. Una leggenda “immortale”, Diego Armando Maradona, che non c’è mai stato e che, come cantavano i tifosi, guardava Lionel dal cielo.

La vicinanza del Napoli all’Argentina è stata così forte nel realizzare il sogno di un terzo trofeo che i napoletani non avrebbero mai aperto la finestra del palazzo dove si trova il “santuario” di Maradona, dove c’è un murales. Nel Quartiere degli Spagnoli hanno fatto un’eccezione. Hanno aperto quella finestra, che si sarebbe aperta solo se il Napoli avesse vinto lo “scudetto”, chiuso dal 1990. Un messaggio.

tra 500 e 2000 fan Argentini Persone provenienti da diverse città d’Italia e da tutta Europa si sono recate in pellegrinaggio nel famoso luogo per venire a Napoli ad assistere insieme alla finale dei Mondiali. nelle competizioni. Accesero candele, cantarono e si abbandonarono a “El Diego”.

Anche se tutto è iniziato poche ore prima, a mezzogiorno locale, la centralissima Piazza Dante, al culmine del sito, è stata la location prescelta per l’imponente bandiera. Per Maradona e Messi sono iniziati i salti e i cori che hanno ispirato la squadra I napoletani hanno cominciato a imparare i “ragazzi” e le “hit” di questo Mondiale. Da lì, in un corteo soffocato dal traffico, attraverso Toledo, tutti sono arrivati ​​al “santuario”, dove decine di napoletani…Quelli che si definiscono “argentini nati in un altro emisfero”.– insieme alla coscienza.

READ  Covit-19: Last minute del virus corona in Spagna, in diretta | Regno Unito, Italia, Grecia e Portogallo registrano nuove epidemie elevate | Comunità

Chiedo la cittadinanza a Torino al nord, ma qui in Italia ho fatto 800 chilometri per venire a vedere la partita a Napoli, che è come terra argentina. Agustin, di Córdoba, ha detto che quando la squadra ha raggiunto le semifinali, tutti i gruppi argentini sui social network si sono dati appuntamento a Napoli, un luogo molto simbolico per ogni appassionato di calcio che ha vissuto a “El Dez”. Ha vinto il trofeo nel 1986.

Mariano da Rio Negro, che era venuto dalla città di Pescara, ha spiegato che anche lui aveva deciso di andare a Napoli. “Questa è la terra di Diego e Diego è la cosa più grande.” La città del Vesuvio ha risposto rendendo nuovamente orgoglioso Maradona quando Maradona si è ripreso dalle umiliazioni del ricco nord e ha finalmente vinto due “Scudetti”. In quella parte della città chiamata “Largo Maradona” c’era uno schermo per guardare la partita, non così grande. Anche se i fan possono guardare in alcuni bar del centro nelle competizioni Il Club The Wall, nel Centro Direzionale, ha una capienza di 1000 persone.

I tifosi dell’Argentina si riuniscono sotto un murale della defunta leggenda del calcio argentino Diego Maradona mentre celebrano la vittoria della Coppa del Mondo 2022 del Qatar sulla Francia a Napoli il 18 dicembre 2022.Cesare Abate – Anza

Dopo una partita che è iniziata alla grande, ma è finita tristemente, un annunciatore RAI Ha parlato di “un attacco al cuore della gente” – e la festa è scoppiata a Napoli. Una festa non solo per gli argentini accorsi in massa, ma anche per i napoletani. Ci sono stati petardi, fuochi d’artificio, clacson e follia fino a tarda notte. “La verità è che, essendo fuori dall’Argentina, il Napoli era il posto migliore per il nostro amore per la squadra, per la memoria di Diego, ed è per questo che abbiamo avuto l’idea di salire sul treno e andare a Napoli. Era come essere a casa”, ha riassunto a LA NACION Ana TitoL’ambasciatore argentino a Roma è stato presente in un momento indimenticabile.

READ  L'Inter continua in Italia, l'Atletico cade in Spagna

In Roma, i festeggiamenti si sono svolti su un altro livello in Piazza Venezia, il cuore della “Città Eterna”, poiché molti argentini si sono riuniti per assistere alla partita a Casa Argentina, la sede culturale del corpo diplomatico argentino. Sebbene l’Argentina possa essere vista in magliette in lungowear, può anche essere vista guidare in auto con bandiere e clacson.

La gioia è certamente continuata questo lunedì, Mentre c’erano anche i fan lungo la pista ciclabile che corre lungo la pista dell’aeroporto di Fiumicino per rendere omaggio ai nuovi campioni.Dopo aver effettuato una sosta tecnica per fare rifornimento, hanno proseguito il viaggio verso Buenos Aires.

Quando abbiamo visto l’aereo fermarsi a Roma, abbiamo pensato di andare all’aeroporto”, hanno detto a LA NACION i sacerdoti Facundo Bernabe, 43 anni, e Beltrán Gómez, Andre Ríos, 48 ​​anni, di Córdoba, che hanno vissuto e lavorato in una parrocchia a Roma.

“È incredibile perché lì abbiamo visto più matti, i matti di Fiumicino… E abbiamo visto l’aereo della Coppa del Mondo decollare al tramonto a Roma, il che è stato davvero emozionante.“, erano d’accordo.

In quel momento, con le bandiere poste a terra, tutti hanno cominciato a gridare “Dagli il campione, dagli il campione!”

I tifosi sono accorsi all'aeroporto di Roma Fiumicino per assistere al decollo dell'aereo della squadra
I tifosi sono accorsi all’aeroporto di Roma Fiumicino per assistere al decollo dell’aereo della squadraMorbidezza
Conoscere il regime di fiducia