Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cuba apre le sue frontiere al turismo internazionale, necessario per rilanciare la sua economia

L’aeroporto internazionale Jose Marti dell’Avana non trascura i protocolli internazionali di controllo sanitario. Foto: Ariel Lee Roero/ACN.

I dieci aeroporti internazionali del Paese apriranno oggi i battenti, pronti ad accogliere i primi viaggiatori dopo mesi di restrizioni dovute alla pandemia. Le autorità del turismo hanno detto che si tratterà di una riapertura “controllata e sovrapposta”, un settore chiave nella ripresa che l’economia nazionale e l’economia di molte famiglie si aspettano.

Tra il 2020 e finora quest’anno, Cuba ha perso il 13% del suo PIL. Per invertire questa situazione e rilanciare il decollo economico, si è impegnata, tra l’altro, a rivitalizzare la cosiddetta industria dello spettacolo, misura che arriva dopo un calo dei casi di COVID-19 e progressi significativi nel processo di vaccinazione..

Esperti e rappresentanti delle aziende del settore concordano sul fatto che sarà difficile conquistare clienti e restituire il prodotto turistico cubano. Secondo il ministro del settore, quest’anno sono entrati nel Paese circa 200.000 passeggeri e altri 100.000 dovrebbero arrivare entro la fine del 2021. “È una sfida, perché dipende da come interagiscono i mercati, ma siamo ottimisti .”

“Non pensiamo che il paese sarà pieno il 15 novembre, ma stimiamo di poter avere un inverno anticipato”, ha previsto.

Secondo il segretario generale dell’Organizzazione mondiale del turismo, Zurab Pololikasvili, è chiaro che c’è una forte domanda di turismo internazionale e molte destinazioni hanno iniziato a ricevere visitatori in modo sicuro e responsabile. però, “La vera ripresa del turismo, con i benefici che comporta, è ancora in ritardo, Mentre norme e regolamenti disparati e tassi di vaccinazione disuguali influiscono ancora sulla fiducia dei viaggiatori”.

Pertanto, sebbene si possano raggiungere 100.000 passeggeri, ha affermato Cubadibattito Carlos Benítez Merino, vicepresidente della super organizzazione di gestione aziendale Travel Cuba, ha affermato che il raggiungimento dell’obiettivo “dipende dai voli organizzati e dalla situazione epidemica nei mercati di esportazione”.

Lo aveva detto il Ministero dei Trasporti Dal 15 novembre le frequenze aeree che collegheranno l’isola al resto del mondo saliranno a più di 400 a settimana. Tra questi, 77 sono dagli Stati Uniti all’Avana, su 147 approvati per tutto il loro territorio nazionale.

READ  Impressionante potenza latina | corrispondente

Dal giugno dello scorso anno il principale cliente di Varadero e delle chiavi del nord del Paese è stato il mercato russo. Secondo Benitez Merino, per riaprire i confini cubani, sono state avviate trattative con tour operator provenienti dalla Russia, ma anche da Germania, Francia, Spagna, Italia, Polonia, Serbia e Turchia.

L’aumento del numero di visitatori – ha previsto il vicepresidente di Viagese Cuba – sarà graduale. “Inizialmente, possono arrivare individualmente e, nel caso di gruppi, che non sono più grandi come prima quando raccoglievano 40 clienti, si fonderanno a poco a poco”.

Per quanto riguarda le crociere, metodo che dovrebbe partire a dicembre, il manager ha detto che Sono già state avviate trattative con tre navi per includere i porti cubani nei loro itinerari.

“Nella misura in cui queste crociere aumentano e i clienti vedono la sicurezza nella nostra destinazione e i tour del paese soddisfano le aspettative, avremo di nuovo crociere, anche in alcuni casi porti di partenza, il che aumenta la sistemazione media presso le strutture e l’uso dei servizi .”

Per un turismo sicuro: cosa fare?

Varadero. Foto: Ismael Franciso / Cubadepat.

In questa nuova fase del turismo, nel bel mezzo di una pandemia, I viaggiatori sono più esigentiSiti di riferimento. Oltre alla qualità dei servizi, cercano sicurezza sanitaria e svago gratuito.

A tal fine, è stato sviluppato il Programma Turismo Cuba più sicuro e più sano, che prevede l’obbligo che i centri turistici, sia governativi che privati, ottengano un certificato che attesti le loro buone pratiche sanitarie.

Gricel López Fumero, Direttore Qualità del Ministero del Turismo, ha precisato che il certificato dell’hotel ha 205 requisiti, di cui circa 40 importanti, cioè ci sono requisiti che, se non sono soddisfatti, la garanzia non è valida. Per esempio, È necessario mantenere la distanza richiesta di 2 metri tra i tavoli, per indagare con clienti e lavoratori e per pulire adeguatamente le superfici.

Sono severi controlli da parte di esperti selezionati, lo specialista ha rassicurato e commentato che delle circa 2.300 istituzioni valutate (600 del settore non governativo, comprese case in affitto e ristoranti), a 27 è stata rifiutata la certificazione per non conformità ai requisiti e 10 di loro l’hanno ricevuta dopo aver corretto indicatori.

READ  Al via da oggi l'applicazione della riduzione dell'Iva dell'energia elettrica al 10%

Lopez Fumero ha spiegato che questa revisione dovrebbe essere ripetuta annualmente come parte di un programma progettato non solo per garantire la sicurezza e la salute di clienti e lavoratori di fronte all’epidemia, ma anche per altre malattie trasmesse.

Per il gruppo alberghiero Gran Caribe, in questa nuova normalità, la prima e più importante cosa è che il cliente si senta al sicuro. Diana Oliveira Rodriguez, vicepresidente commerciale dell’azienda, ha precisato che alcuni hotel apriranno con un’occupazione massima del 60% e nel caso di quelli con molti punti vendita, potrebbe arrivare fino all’80%.

Lo specialista ha commentato che sono stati aperti nuovi servizi per garantire livelli di vendita che permettano alla struttura di essere redditizia, e allo stesso tempo i clienti ricevono ciò che hanno lasciato in quel momento.

In questo periodo di pandemia, ha detto, gli hotel hanno dovuto ripensare a molte forme di turismo: offrire solo al mercato interno, la loro convivenza con il turismo internazionale e isolare i viaggiatori. “Un cliente che pernotta in camera per tutta la durata del soggiorno non è lo stesso che usufruisce di tutti i servizi dell’hotel.”

L’atteso ritorno dei turisti, Solo verso mete soleggiate e balneari? Al momento, i mercati che fanno volare aerei preferiscono questo metodo, come i russi e i canadesi. Ma questo potrebbe cambiare, perché stiamo cercando opportunità di viaggio e bisogni esistenti, come il turismo cittadino, in base alle operazioni dei programmi del circuito “, ha affermato Oliveira Rodriguez.

Protocolli sanitari per viaggiatori dal 15 novembre

  • La prestazione dell’ingresso al confine della PCR viene eliminata.
  • Tutti i viaggiatori (cubani e stranieri) che entrano nel Paese devono presentare un passaporto sanitario o un certificato internazionale anti-coronavirus per quei vaccini certificati dai corrispondenti organismi di regolamentazione.
  • Coloro che non hanno questi documenti sono obbligati a presentare un certificato PCR negativo per covid-19 all’arrivo nel paese almeno 72 ore prima del viaggio, eseguito presso un laboratorio accreditato nel paese di origine.
  • La sorveglianza epidemiologica della Sorveglianza Sanitaria Internazionale sarà mantenuta in tutti i punti di ingresso, così come nelle strutture alberghiere, dove l’assistenza medica è rafforzata dall’ubicazione delle attrezzature sanitarie essenziali nelle strutture stesse.
  • I bambini di età inferiore ai 12 anni, indipendentemente dalla nazionalità, saranno esentati dalla presentazione di un programma di vaccinazione o di un test PCR all’arrivo a Cuba.
  • La presentazione della dichiarazione sanitaria del viaggiatore (certificazione sanitaria) sarà richiesta per tutti coloro che arrivano nel paese.
  • L’uso obbligatorio del nasobuco è mantenuto all’interno delle aerostazioni e del porto, oltre che su tutto il territorio nazionale.
  • Per imbarcarsi originariamente sul volo, le compagnie aeree richiederanno ai propri passeggeri di fornire la prova di un piano di vaccinazione o di un test PCR negativo applicato entro 72 ore prima.
  • Il personale del controllo sanitario internazionale preleverà campioni di PCR casuali all’aeroporto.
  • Qualsiasi viaggiatore che arriva nel paese con segni e sintomi di COVID-19 o qualsiasi altra malattia infettiva verrà indirizzato a una struttura sanitaria e verrà eseguito un test PCR.
  • I proprietari di case in affitto o le persone che ospitano i viaggiatori che non sono residenti nel paese sono tenuti a informare immediatamente le autorità sanitarie competenti di eventuali sintomi che sviluppano.
  • I distretti sanitari comunitari manterranno la sorveglianza epidemiologica dei turisti che soggiornano nelle case private.
  • Per i viaggiatori cubani residenti nel Paese, l’obbligo di presentarsi allo studio del medico di famiglia o al distretto sanitario viene ripristinato entro e non oltre 48 ore dal loro arrivo, per essere seguito dal medico di famiglia.
  • Tutti i viaggiatori cubani residenti nel paese, se non vaccinati, saranno sottoposti a test per l’antigene il settimo giorno del loro arrivo nella loro zona sanitaria e, se sviluppano sintomi, saranno trattati come casi sospetti.
  • Nelle strutture vengono rafforzati i protocolli: uso della mascherina al chiuso e in presenza di altre persone, distanza fisica, sanificazione costante, procedure di disinfezione delle mani, misurazione della temperatura e altro.
READ  Le esportazioni di vino cileno sono aumentate del 5% nella prima metà del 2021

Guarda anche:

Le sfide del rilancio del turismo a Cuba (+ Podcast)