Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi in Perù: il partito del presidente lascia il governo di Pedro Castillo | Peru Libre si è trasformato nell’opposizione

da lima

rottura nel governo Pedro Castillo. Meno di tre mesi dopo che il professore rurale e leader dell’Unione di sinistra ha assunto la presidenza, il partito che lo ha portato al potere, Peru Libre (PL), ha ritirato il suo sostegno. I suoi leader chiave affermano di sentirsi alienati dal governo dopo il recente cambio di ministri e accusano il presidente di “andare nella giusta direzione”, una dichiarazione che non riflette la composizione progressista del nuovo governo. Questo accade quando Castillo è molestato da un colpo di stato di destra che cerca di rimuoverlo dal Congresso avversario. Il segretario generale di Hizb ut-Tahrir PL, il partito che si definisce marxista-leninista, Vladimir Ceron, ha promosso questa rottura., che ha perso con le modifiche ministeriali l’importante influenza che aveva nell’autorità esecutiva. La destra celebra la scissione all’interno del partito di governo.

a Siron

Dopo di che, si è verificato l’allontanamento tra Castillo e Balad Il presidente ha deciso di cambiare il gabinetto ministeriale Diretto da un membro del Congresso e leader di Hizb ut-Tahrir Guido PeledoMolto vicino a Siron. Peledo tentò di imporre una linea di partito definita da Cerrone che più volte si scontrò con il presidente, ne prese il potere, e con altri ministri, e sviluppò un confronto permanente, con l’opposizione che controllava il Congresso ma anche con altri membri del governo. . L’estrema destra, guidata da Fujimori, sapeva come usare questo per attaccare la presidenza di Castillo e costruire una coalizione golpista. In questo scenario Castillo ha deciso di sostituire Peledo con un ex parlamentare di sinistra non iscritto al PL, Mirtha Vasquez, che è stata Presidente del Congresso e ha uno stile di dialogo che la distingue da Peledo. Il cambiamento è stato ben accolto dai settori di sinistra e di destra. Ma ha fatto arrabbiare Cerrone e la dirigenza del suo partito.

READ  Caldo intenso e fuoco: mezza Europa sta vivendo giornate soffocanti e orribili

Il nuovo governo dovrà chiedere al Congresso un voto di fiducia, poiché il governo è in minoranza ed è ora ulteriormente indebolito da questa rottura. Tuttavia, non tutto il partito al governo – 37 deputati su un totale di 130 nel parlamento unicamerale – sostiene la decisione della leadership del partito di separarsi dal governo e respingere il voto di fiducia del gabinetto. L’entità dell’interruzione guidata da Cerrone rimane poco chiara. L’estrema destra – che aggiunge 43 voti – Continua la sua posizione rivoluzionariaMa la destra più moderata ha aperto la porta per dare fiducia al nuovo governo, anche se non ha ancora annunciato una decisione.

Sposta a destra del centro?

In una dichiarazione, il PL ha annunciato che non darà il voto di fiducia al nuovo governo in quanto rappresenta uno “spostamento politico verso il centrodestra”. Tuttavia, il primo ministro Mírtha Vázquez è lontano dall’articolare questo presunto movimento di destra. Vásquez ha una lunga carriera come attivista di sinistra, per i diritti umani e per i diritti delle donne, femminista e ambientalista, ed è stata una sostenitrice dei contadini che subiscono abusi da parte di potenti compagnie minerarie transnazionali.. La dirigenza di Hizb ut-Tahrir ha minacciato di espellere il vicepresidente dal partito Dina BullwartMinistro dello sviluppo, integrazione sociale e legislatore Betsy Chavez, Il ministro del Lavoro, attivisti di PL nel Gabinetto, per aver fatto parte della squadra ministeriale che ha deciso di vedergli guerra. Bullwart e Chavez esprimono una posizione critica di parte con Cerrone.

Il nuovo governo, che Cerrone chiama di destra, ha ripreso le relazioni diplomatiche con il Venezuela, che da quando il governo del diritto d’affari è stato reciso nella Repubblica Bolivariana del Venezuela. Pedro Pablo Kuczynski (2016-2018), promotore attivo del fallito gruppo Lima. Questa decisione ha sconvolto la destra ei principali media, che stanno promuovendo uno stato di guerra permanente contro il regime di Nicolás Maduro e facendo pressioni sul governo in questa direzione. Il nuovo governo ha preso una posizione su questo tema, lontano dalla destra

READ  Crisi del peso: l'Argentina ha la banconota di taglio più alto con il potere d'acquisto più basso della regione

Risultati dell’intervallo

“La separazione di Seron dal governo è un errore, esagera quando parla di governo di destra. Questa decisione non si spiega solo con l’ambizione di Cerrone di prendere il potere, dice la Destra. Ci sono una serie di fattori. Vedranno un persona radicale, un marxista-leninista ortodosso e dogmatico, dietro questa rottura. Ideologia radicale incline al settarismo. La posizione di Cerrón e PL esprime anche la rabbia delle province contro Lima. Una possibilità è che con questa rottura, Cerrón sarà isolato, ma l’altro è che si rafforzerà nelle province». Pagina 12 Il sociologo Alberto Adrianzin.

Sulle conseguenze di questa rottura nel governo, Adrianzén osserva: “Da un lato, Castillo è stato indebolito perché ha perso voti PL al Congresso, ma allo stesso tempo Il cambio di gabinetto è positivo per il governo e apre la strada alla possibilità di ridurre le tensioni e ridurre la polarizzazione, Adeguare il rapporto con un settore dell’opposizione, il settore di destra più moderato, e cercare un nuovo clima. È difficile dire ora se con Castillo vincerà o perderà di più”.