Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi energetica in Europa – El Sol de México

Eva Daniela Lugo Meza*, Gerardo Trojano Velázquez**

Date le condizioni del sistema internazionale quali la crisi economica, la scarsità di risorse energetiche e la guerra in Ucraina, l’Europa si trova di fronte a un panorama complesso al quale deve rispondere con misure economiche e politiche.

A partire dalla Guerra Fredda, alcuni Paesi hanno firmato una serie di trattati energetici con la Russia, grazie alla normalizzazione dei rapporti con i Paesi dell’Est attraverso ostpolitik. Ciò ha portato a una maggiore dipendenza dal petrolio e dal gas naturale russi; Pertanto, la sicurezza energetica di questa regione oggi è minacciata a causa dei fattori già menzionati.

Da un lato, questa dipendenza dall’energia è aumentata a causa dell’abbondanza della risorsa e dei prezzi bassi che la Russia può fornire ai suoi consumatori. La geopolitica dell’Europa ha portato alla formazione di un rapporto energetico con Mosca, in cui, nel corso degli anni, la quantità di petrolio e gas naturale è aumentata sempre di più.

Secondo la Commissione Europea, l’organo esecutivo dell’Unione Europea (UE), gli Stati membri dipendono dalle risorse energetiche per un tasso del 57,5%, la maggior parte dei quali sono russi. Questo è vitale, non solo per la crescita economica della regione, ma anche per la sicurezza umana dei suoi cittadini, perché i combustibili fossili danno loro accesso al cibo e al calore. Pertanto, l’energia russa è importante per soddisfare queste esigenze.

D’altra parte, l’attuale panorama dell’Europa appare complicato, a causa delle condizioni dello scenario internazionale: penuria di combustibili fossili, guerra in Ucraina e recessione economica. Per questo motivo, i governi hanno attuato misure di politica interna ed estera che tutelano gli interessi nazionali di ciascun paese. È qui che entrano in gioco l’interdipendenza e l’interdipendenza, dati i prezzi inflazionistici, ogni governo deve adottare aggiustamenti strutturali che proteggano la sua economia, oltre a garantire la sua sicurezza energetica. Nella misura in cui esiste l’integrazione regionale, le esigenze di questi paesi sono diverse.

READ  Il Colosseo contribuisce all'economia italiana con 1.400 milioni di euro all'anno

Di conseguenza, negli Stati Uniti si può osservare un riemergere di questo diritto. Ciò minaccia l’interdipendenza che l’Unione europea promuove a causa del sospetto dei governi nei confronti dell’Europa. Il Primo Ministro italiano, Giorgia Meloni, si è distinto per i suoi discorsi patriottici che promuovono l’economia nazionale e la tradizionale identità italiana. Il presidente ungherese Viktor Orban è noto anche per la sua ideologia euroscettica e anti-immigrazione. Al Congresso spagnolo, il partito di estrema destra Vox ha 52 seggi, sufficienti per fare da contrappeso alla politica del Paese.

Tutto ciò costituisce l’attuale debolezza dell’integrazione regionale a tutela degli interessi nazionali.

* Studente in relazioni internazionali

** Professore presso il Collegio di Studi Internazionali