Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi di governo italiano Mario Draghi sta per dimettersi

Il Primo Ministro italiano Mario Draghi durante una conferenza stampa il 28 giugno 2022 al Castello di Elmau, nella Germania meridionale, al termine del vertice del G7. afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 luglio 2022 – 15:21

(AFP)

La decisione dei senatori del Movimento Cinque Stelle, affiliati alla coalizione di governo italiana, di ritirare il sostegno al premier Mario Draghi durante il voto di fiducia, ha aperto giovedì una crisi politica che potrebbe portare alle sue dimissioni.

Come annunciato, i senatori della formazione anti-regime si sono astenuti dal votare la mozione di fiducia su un’ordinanza importante che ritenevano contraria ai loro principi.

Il rifiuto del controsistema è dovuto principalmente al fatto che il decreto contenente misure per aiutare famiglie e imprese contro l’inflazione contiene anche un progetto per la realizzazione di un inceneritore di rifiuti per Roma, al quale si oppongono con veemenza perché lo ritengono troppo costoso. Tecnologia inefficace e obsoleta come.

Nonostante Draghi abbia una maggioranza numerica per governare senza l’appoggio del Movimento Cinque Stelle, l’economista ed ex presidente della Banca Centrale Europea ritiene suo compito quello di guidare un governo di unità di fronte alla serietà economica e sociale. Una crisi nel Paese, non politica.

Per questo ha più volte chiarito che senza il sostegno dell’anti-regime avrebbe considerato finita la sua leadership.

“Al momento, non sembra che Draghi voglia governare con un’altra maggioranza in Parlamento”, ha spiegato in un’intervista all’Afp Franco Pavoncello, professore di scienze politiche alla John Cabot University di Roma.

Il partito anti-regime, che ha vinto le elezioni del 2018 con il 32% dei voti, è in uno stato di completa disgregazione e molti dei suoi deputati (circa 50) sono migrati in altre formazioni, quindi sta cercando di riconquistare i suoi elettori prima di l’anno prossimo. elezioni legislative.

– Alla ricerca della visione –

“Dobbiamo rispondere ai crescenti disordini sociali in modo chiaro e deciso. Non siamo noi gli irresponsabili, siamo loro che non rispondono al Paese”, ha sottolineato Mariolina Castellón, rappresentante del Senato M5E.

Ha aggiunto: “Oggi non partecipiamo alle votazioni sul decreto-legge perché non partecipiamo ai suoi provvedimenti (…) né alle modalità della sua adozione”.

“Il M5S è crollato ai seggi elettorali e ha bisogno di ridare visibilità (…). Vuole essere al centro dell’attenzione”, ha detto all’AFP Lorenzo Codogno, economista e visiting professor alla London School of Economics.

La caduta del governo scatenerà anche elezioni anticipate e i prossimi mesi saranno complicati dall’aumento dell’inflazione e dalle riforme in sospeso necessarie per il piano di ripresa finanziato dall’UE, che ha assegnato quasi 200.000 milioni di euro (più o meno lo stesso numero in dollari) .

Giovedì la Borsa di Milano è scesa di oltre il 3% in uno stato di nervosismo dei mercati dovuto alle tensioni politiche che mettono a rischio il governo.

Draghi è stato invitato nel febbraio 2021 dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a guidare una coalizione eterogenea che comprende quasi tutti i partiti rappresentati in Parlamento.

L’unica eccezione è il partito di estrema destra Fratelli d’Italia, che è rimasto all’opposizione ed è in testa ai sondaggi d’opinione.

È possibile che Draghi, che ha dovuto affrontare la campagna di vaccinazione contro il COVID-19 e la crisi lasciata dalla guerra russa contro l’Ucraina con tutte le sue conseguenze politiche ed economiche, debba informare il presidente Mattarella, arbitro politico dell’Italia e presentare la sua dimissioni.

Poiché il sistema parlamentare che governa l’Italia è complesso, non è escluso che riceva un nuovo mandato e possa governare con un’altra maggioranza.

Per Codogno la via d’uscita potrebbe essere un governo chiamato “Draghi bis” o un governo di transizione fino alle elezioni legislative previste per l’inizio del 2023, visto che Mattarella non vuole elezioni anticipate a settembre.

READ  Si prendeva cura dei bambini, faceva prescrizioni e gestiva una clinica: non aveva mai studiato medicina.