Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cresce la minaccia della Cina contro Taiwan: il regime ha schierato più di 60 aerei e quattro navi militari vicino all’isola

Un aereo dell’Esercito di liberazione del popolo cinese (PLA) sorvola l’area panoramica di 68 miglia nautiche, uno dei punti più vicini della Cina continentale all’isola di Taiwan, nell’isola di Pingtan, provincia del Fujian, Cina, 5 agosto 2022. REUTERS/Aly Song

Forze armate Taiwan lunedì ha condannato il dispiegamento di 63 aerei e quattro navi dell’esercito cinese al largo delle coste dell’isola Ha accusato Pechino di aver messo in atto misure volte a intimidire Taipei.

“Alle cinque di sera (ora locale), le forze armate hanno rilevato la presenza di aerei e navi dell’Esercito popolare di liberazione nel mare e nello spazio aereo vicino all’isola”, si legge in un comunicato delle forze di sicurezza.

E così lo hanno indicato 31 di questi aerei hanno attraversato la cosiddetta “linea di mezzo” dello Stretto di TaiwanIl quale, dal canto suo, ha inviato una pattuglia e ha emesso diversi avvisi radio.

Le autorità di Taiwan hanno anche iniziato a dispiegare sistemi di difesa antiaerea di fronte alle crescenti tensioni con la Cina e al timore di un’aggressione militare.

Il 26 ottobre il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Anthony Blinken ha avvertito che la Cina stava cercando di “accelerare” l’invasione di Taiwan, Contraddice quindi lo “status quo” dell’isola e l’accordo di non confronto firmato tra Washington e Pechino.

Come ha spiegato Blinken, questo storico accordo raggiunto tra le due parti nel 1979 era “essenziale” perché Stati Uniti e Cina non combattessero una guerra per il dominio sull’isola, di cui Pechino si considera sovrana.

Le navi da guerra prendono parte a un'esercitazione navale congiunta tra le marine di Iran, Cina e Russia nell'Oceano Indiano settentrionale (esercito iraniano/WANA via REUTERS)
Le navi da guerra prendono parte a un’esercitazione navale congiunta tra le marine di Iran, Cina e Russia nell’Oceano Indiano settentrionale (esercito iraniano/WANA via REUTERS)

Quello che è cambiato è questo: una decisione presa dal governo di Pechino che questo “status quo” non era più accettabile e che voleva accelerare il processo attraverso il quale avrebbero cercato RiunioneBlinken ha detto all’agenzia di stampa Bloomberg.

READ  'Intervento non vincolante': il governo colombiano ha chiesto ad AMLO di non influenzare le elezioni presidenziali

Così il rappresentante della diplomazia statunitense ha messo in guardia contro un cambiamento di rotta della Cina riguardo all’isola e alle sue manovre nello Stretto di Taiwan, che hanno intensificato le tensioni. Ma Pechino accusa anche Washington di sostenere Taipei in seguito La controversa visita della Presidente della Camera Nancy Pelosiall’inizio di agosto.

Per i Blinken ha scelto Pechino”Fai più pressione su Taiwane ‘rendere la vita difficile’ all’isola per cercare di accelerare il processo di riunificazione.I commenti del Segretario di Stato sono in linea con quelli espressi a metà ottobre.

All’epoca, Blinken avvertì che il governo cinese stava cercando di impadronirsi di Taiwan “in un lasso di tempo molto più rapido” di quanto si pensasse in precedenza, parole che hanno suscitato alcune polemiche ma ha sottolineato l’alto funzionario statunitense.

All’inizio di ottobre, il presidente taiwanese Tsai Ing-wen ha avvertito Pechino Che l’isola non la lascerà mai stile di vita democratico Nel suo discorso alla Giornata Nazionale ha tracciato parallelismi con l’invasione russa dell’Ucraina.

Tsai Ing-wen, Presidente di Taiwan (Reuters/Ann Wang)
Tsai Ing-wen, Presidente di Taiwan (Reuters/Ann Wang)

23 milioni di residenti della democrazia autonoma vivono sotto la costante minaccia dell’invasione Partito Comunista CineseLa guerra di Mosca in Ucraina ha anche aggravato i timori che Pechino possa tentare qualcosa di simile per l’isola.

Nel suo discorso, il presidente ha paragonato l’invasione di Mosca all’obiettivo di Pechino di controllare un giorno Taiwan, cosa che ha promesso di fare, se necessario con la forza.

“Non possiamo assolutamente ignorare la sfida che queste espansioni militari pongono all’ordine mondiale libero e democratico”, ha affermato.

READ  Vaccini Covid-19: quale immunità forniscono ciascuno?

I legami tra Cina e Taiwan furono interrotti nel 1949Dopo che le forze nazionaliste del Kuomintang furono sconfitte nella guerra civile contro il Partito Comunista, si trasferirono sull’isola. Le relazioni tra Taiwan e la Cina continentale sono state ripristinate solo a livello commerciale e informale alla fine degli anni ’80.

Il governo cinese considera l’isola un’altra provincia sotto la sua sovranità e ne chiede la riunificazione secondo il principio “una Cina, due sistemi”.

Con informazioni da Europe Press

Continuare a leggere: