Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Covit in Italia: metà Paese alza il livello di allarme e discute se rimandare il rientro a scuola

Roma.— The Variante Omigron Continua a crescere Vertigini nell’Italia di oggi Più di un milione di positivi A causa della situazione peggiore, Oggi metà del Paese è “gialla”.

Il Casi e pressione ospedaliera Superato Avviso gateway Sono quindi in giallo, secondo il sistema semaforico, un totale di 11 regioni – Calabria, Friuli, Venezuela, Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Veneto e le province autonome di Bolzano e Trento. L’inizio dell’infezione.

Ma, in realtà, le persone non cambiano un po’ quando si tratta di regole. Già prima di Natale, l’uso di Sinstrap all’esterno e negli spazi chiusi è diventato obbligatorio a livello nazionale. Indipendentemente dal colore di una particolare area. Fatta eccezione per le discoteche, le sale da ballo e i locali per feste, tutto è ancora aperto ed è necessario vaccinarsi. Conosciuto anche come “super green bass” o “reinforced green bass” – esci a mangiare in un ristorante o stai al bar e prendi un caffè.

Grazie a una campagna di vaccinazione di successo, nonostante l’insistenza delle autorità per rassicurare le persone psicologicamente colpite che la situazione è completamente diversa rispetto allo scorso anno, L’aumento dei casi nell’ultima settimana, che è stato completamente registrato, Preoccupazioni.

Tra il 20 e il 26 dicembre si sono registrati 680.000 nuovi contagi, a aumento del 163% rispetto al precedente, Qualcosa di mai visto prima. Con un tasso di positività superiore al 20%, la curva sembra continuare a crescere e nonostante il basso numero di casi dovuti alla vaccinazione, Aumento degli ospedaliAlcune aree, come Liguria, Calabria e Marsiglia, dovrebbero entrare nella Zona Arancione la prossima settimana.

C’è un’allerta negli ospedali dove il numero delle persone ricoverate in ospedale in sette giorni è aumentato del 27% (e del 21% in terapia intensiva) e ciò che rende più grave la situazione è l’aumento del numero degli operatori sanitari colpiti che sono quindi impossibilitato a lavorare.

READ  L'Italia esamina la sicurezza dei rimpatri faccia a faccia per tutti gli studenti

Poiché il sistema di sorveglianza è già crollato la scorsa settimana, si possono vedere persone in tutta Italia fare la fila in farmacia e in altri centri per ricevere test di scambio, con i sindacati che iniziano a fare pressioni sui dipendenti pubblici affinché tornino al lavoro su lunghe distanze. Ottobre. “Nel contesto della continua epidemia di epidemie, sono necessarie misure urgenti e semplificate”, hanno affermato diversi sindacati.

01 gennaio 2022, Italia, Roma: Polizia in arresto in Piazza del Bobolo a Roma durante i festeggiamenti per il Capodanno. Foto: Mauro Skrobokna / Lapress via Zuma Press / DPAMauro Skrobokna – Lapress via Zuma Press

Il 22% degli oltre un milione di italiani colpiti – e quelli isolati in casa – ha un’età compresa tra i 30 ei 59 anni, lavoratrice e produttiva, ed è preoccupata per l’impatto della propria assenza. Poiché i loro parenti sono isolati, è possibile svolgere servizi pubblici essenziali come il trasporto e la raccolta dei rifiuti.

A proposito di lavoro, il governo è atteso questo mercoledì Mario Tracy, avvita un altro giro, ha deciso che sarebbe stato obbligatorio dal 1 febbraio Fatti vaccinare per lavorare. Fino ad ora, per questo potrebbe essere utilizzato il “pass verde di base”, che può essere ottenuto con un test di scambio, che non è più sufficiente, ma fungerà da “pass verde super” che si ottiene solo dopo l’immunizzazione.

Nino Cordabellotta, presidente della Fondazione Kimbe, che segue l’epidemia sin dal suo inizio, ha avvertito che con l’attuale tasso di crescita dei contagi, l’Italia corre il rischio di chiudere gli ospedali, poiché potrebbe raggiungere presto i due milioni di positivi. Condannando “tutte le misure adottate dal governo finora non sono riuscite a fermare la diffusione del virus”, Cordabellotta ha affermato che è necessario più “lavoro intelligente” per rallentare il flusso di notizie radiofoniche.

Secondo alcuni esperti il ​​picco è previsto per la fine di gennaio. Il grande dibattito ora è se rimandare il ritorno in classe di centinaia di migliaia di studenti Dopo la pausa invernale, originariamente era prevista per il 7 e 10 gennaio.

“Nell’attuale contesto dell’epidemia tra i giovani, troverò un modo equilibrato ed efficace per rimandare il rientro a scuola”, ha affermato Vincenzo de Luca della regione Campania (la cui città principale è Napoli). , Considerato “Prendersi 20/30 giorni di pausa consentirà all’epidemia di raffreddarsi e aiuterà a promuovere la più ampia campagna di vaccinazione possibile per la popolazione studentesca”.

Se fino ad ora il governo Draghi è stato totalmente contrario a rimandare il rientro in aula e decidere che la scuola rimanga la stessa, sì o no, si parla di un “papà” faccia a faccia, odiato, della formazione a distanza. Viene analizzata la possibilità che lo facciano solo i ragazzi non vaccinati se si registrano due casi positivi in ​​un soggetto. Ma a guardare tutto, come è successo due anni fa, c’è incertezza su quello che verrà.