Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Covid Zero” si rivolta contro il Partito Comunista Cinese

All’inizio di marzo 2020, quando il COVID-19 stava già colpendo la Cina, mentre noi rimanevamo in Occidente per vederli arrivare, scrissi che se persistiamo nel nostro atteggiamento di indifferenza verso i pericoli del nuovo virus, rischiamo, in futuro, I cittadini finiranno per considerare le società libere a livello internazionale come disfunzionali Di fronte a minacce di questo livello e, dall’altro, regimi autoritari di stampo cinese nonché macchine ben oliate e pienamente efficaci per contrastare pericoli collettivi come quelli che potrebbero rappresentare il coronavirus.

Pochi giorni dopo, l’Occidente ha iniziato a emulare molte delle misure più draconiane attuate dalla Cina (come la chiusura delle case) e I confini tra le cosiddette società libere e l’autocrazia cinese erano sfumati: È vero che i controlli in Cina hanno continuato ad essere più brutali e più invasivo che in Occidente, ma il 2020 è stato un anno in cui l’iperstato sembrava affermarsi come fattore chiave per la sopravvivenza della razza umana. Lo stato non ha avuto un tale potere arbitrario dalla seconda guerra mondiale.

Tuttavia, nel 2021, e soprattutto nel 2022, la situazione è cambiata. Poiché ci siamo arresi contro il virus e ci siamo adattati a conviverci, praticamente tutte le restrizioni eccezionali alle libertà individuali in Occidente sono state revocate, Solo per la sopravvivenza elettorale primaria dei nostri governanti.

Ce l’abbiamo in Spagna L’esempio molto ovvio riguarda Ayusu, che ha preceduto tutti gli altri politici quando si è trattato di chiedere un allentamento delle restrizioni sanitarie (tra le critiche unanimi e unanimi di tutta la stampa, compresa inizialmente quella del servo); Ma non è un caso unico: in Italia, la vittoria di Meloni è stata dovuta in gran parte anche al fatto che ha rifiutato le restrizioni legate al virus all’inizio. In termini semplici: se un politico occidentale oggi sostiene o impone sanzioni sanitarie contro il coronavirus come quelle del marzo 2020, quel politico perderà clamorosamente le elezioni. Quindi, anche se volessero, non potrebbero.

READ  Il prezzo dell'elettricità aggiunge un nuovo record in Spagna e diventa il più caro d'Europa

In Italia gran parte della vittoria della Meloni è dovuta anche al fatto che ha respinto le restrizioni legate al virus.

Il caso della Cina è diverso: Autocrazia asiatica Sì, puoi perseverare con la tua politica covid zero (comprese le chiusure) Perché il Istituzione Un politico non deve certificare le sue azioni durante ogni ciclo elettorale. Naturalmente, questo modello ha un chiaro vantaggio rispetto alle democrazie occidentali: Gli arbitri possono puntare sul lungo termine Senza preoccuparsi di scaramucce partigiane a breve termine (cioè consente di scommettere su politiche a lungo termine piuttosto che prendere decisioni efficaci a breve termine).

Tuttavia, presenta anche un inconveniente molto evidente che è già stato sottolineato Carlo PopperRende difficile correggere pacificamente gli errori del governo, per quanto gravi possano essere per la maggioranza della popolazione. I politici possono intraprendere azioni assolutamente folli e dannose, ma poiché i cittadini non possono “truccare” tali decisioni alle urne, Non hanno altra scelta che la violenza per opporsi a loro. Solo piegando la determinazione del governo o, al limite, abbattendolo con una rivolta civile, è possibile cambiare il corso politico del paese quando i suoi membri si ostinano a non farlo.

Foto: addetti alla prevenzione del coronavirus a Pechino, Cina.  (Reuters/Thomas Peter)

Questa è esattamente la situazione in cui si trovano ora diverse città della Cina: proteste di piazza contro una politica covid zero I decreti centrali emessi dal PCC sono l’unico modo per mostrare il loro malcontento e spingerli ad arrendersi. Sebbene queste siano politiche molto costose per il paese –Il PIL cinese si è contratto durante il secondo trimestre di quest’anno a seguito di questo tipo di misure e riemesse in questo momento è una perdita molto grande per un’economia già molto debole -, Il governo non può abbandonarlo perché ne ha fatto un tratto del proprio carattere e anche della propria legittimità sociale.

READ  La Spagna ha il tasso di inflazione più alto delle grandi economie europee

Quindi, la critica sociale di una particolare politica –covid zero– condito non solo con le critiche al leader supremo Xi Jinping, ma Anche per il sistema politico del paese stesso –dittatura del Partito Comunista Cinese –. Quello che è iniziato come un chiaro successo politico per lo stato cinese potrebbe finire per essere uno dei suoi più grandi fallimenti.

All’inizio di marzo 2020, quando il COVID-19 stava già colpendo la Cina, mentre noi rimanevamo in Occidente per vederli arrivare, scrissi che se persistiamo nel nostro atteggiamento di indifferenza verso i pericoli del nuovo virus, rischiamo, in futuro, I cittadini finiranno per considerare le società libere a livello internazionale come disfunzionali Di fronte a minacce di questo livello e, dall’altro, regimi autoritari di stampo cinese nonché macchine ben oliate e pienamente efficaci per contrastare pericoli collettivi come quelli che potrebbero rappresentare il coronavirus.