Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosme Argerich. Il primo assistente didattico e insegnante di medicina

Durante i primi tempi creoli, prima del dottore, c’era una guaritrice, o madre, che curava il malocchio e il malcontento. Ciò durò fino alla fine del XIX secolo circa. Contemporaneamente all’organizzazione definitiva della nazione nel 1880, alla conoscenza medica e all’espansione del benessere pubblico, riprese il percorso che si era aspettato dall’instancabile Cosme Mariano Argerich. Il primo medico nazionale, combattente nell’invasione britannica, insieme Manuel Belgrano All’inizio incoraggiò le campagne sanitarie e la fondazione di facoltà di medicina. Quando tutto doveva essere fatto, Argerich aveva un piano sanitario e non trascurava l’aiuto dell’esercito andino di San Martin. A Buenos Aires, che nel 1817 aveva una popolazione di 40.000 abitanti, e nove medici, Argerich firmò una lettera di un altro pioniere, il professore di medicina Juan Antonio Fernández, a favore di quelli con il minor numero di medici, “Sembra inconcepibile che nell’era dell’emancipazione, della filantropia e dell’illuminismo… nei popoli più civili del Sud America… molti fondatori muoiano spesso perché non avevano i mezzi per pagare le cure di cui avevano bisogno, e dovrebbero essere dato loro gratuitamente”, Ha presentato una petizione al Comune di Buenos Aires, affermando che “non era alla mia portata curarli”, sapendo che i medici sostengono i poveri in quattro miserabili ospedali di tasca propria. Precursore dell’interesse generale, universale e libero che è l’orgoglio di un Paese.

Il ritorno di Cosme Argerich al Río de la Plata deve essere stato poco attraente quando è stato assegnato al Colegio de Huérfanos, un “edificio in rovina, sporco e mal ventilato”, e ha preso la stessa posizione di suo padre nella burocrazia coloniale, il protomedicato in 1794 Cosme era figlio di Francisco e Maria Josefa, nacque a Buenos Aires il 26 settembre 1758. Inviato in Spagna, studiò presso l’Università Reale di Cervera, ed è ancora imbevuto dei Quattro Umori dell’Antichità, lo studente più eccezionale nell’insegnamento della fisica e della chimica. Si laureò con una carriera redditizia a Barcellona, ​​​​dove un altro eroe della medicina argentina, suo figlio Francisco Cosmi nacque nel 1787, e tornò a lavorare in un ambiente in cui “la gente comune del paese, opponendosi a medici e vicini di farmacia, si danno più facilmente a quella classe di empiristi che hanno ridotto la loro scienza a quattro erbe; come si applicano a piacimento tanti cerotti in diverse parti del corpo e alcune ricette mal preparate, e peggio, che chiamano “rimedi casalinghi”, un collega in medicina elementare ha sottolineato.Un medico reale da vedere in questa pampa, che si è unito al viceré Vértiz per organizzare una professione, e un bisogno, completamente screditato tra i ricchi e i poveri, che prima usavano il sanguinamento, barbieri/chirurghi e guaritori. AO´ Gorman nel 1779 fu responsabile delle prime leggi che regolavano “l’arte della guarigione” nel Protomedicato, così come nelle scuole di medicina, e che Argerich avrebbe tentato di standardizzarla nei primi governi nazionali.

READ  Il governo ha iniziato a preparare il bilancio nazionale per il 2022

Una delle sue prime lodevoli azioni apparve nella lotta contro l’epidemia di vaiolo del 1794, introducendo il dibattito sulla salute pubblica, che spesso porta il consiglio nella sua preoccupazione in prendersi cura dei poveri – Come in tutte le società coloniali (sic), la povertà era vista come un’emergenza sociale con cui bisognava convivere, non combattere. Argerich prese nuovamente parte alla prima linea di lotta con la successiva epidemia nel 1796, e non appena si seppe il vaccino di Jenner, scrisse articoli per il primo giornale di Buenos Aires, il “Mercantile Telegraph” per Francisco Capello y Mesa, in cui Manuel Belgrano ha anche collaborato con Manuel de Azquinaga. Argerich assunse un’immediata importazione – sarebbe arrivata nel 1805 nel sangue dei figli degli schiavi – e una campagna di vaccinazione. Nello stesso anno, Argerich fu nominato Professore del Primo Corso di Medicina, in linea con il piano stabilito con Agustín Fabre, il primo ostetrico nazionale, e Bernardo Nogué, le “Ordinanze del Real Collegio di Medicina e Chirurgia di Buenos Aires” del 1799, e l’anno successivo Professore di Medicina Alternativa e Primo Medico Generale e Preside di tutte le facoltà di medicina, chirurgia, farmacia e flebotomia. Suo figlio Francisco è stato tra i suoi primi quattordici studenti. Con diciassette chirurghi, Argerich fu nominato “medico capo dell’Hospital de la Caridad” durante le invasioni britanniche, pur mantenendo il ruolo nell’organismo primario, scientifico e civile che determinava l’idoneità dei richiedenti per la pratica della medicina nazionale e l’ora zero di medicina nazionale e il suo grado militare nel reggimento Juan Martin de Poiridon Húsares.

River Plate Protomedici

Protomedicato del Río de la Plata: fu l’istituzione responsabile della sanità pubblica e della formazione dei medici dal 17 agosto 1780 all’11 febbraio 1822.

Argerich e Belgrano

May Week annovera il medico preminente tra i suoi eroi. Argerich è uno dei quattro medici, insieme a Fabre, Nogi e Justo García Valdés, che hanno chiesto il licenziamento del viceré, presso il municipio aperto il 22 maggio 1810, con 159 voti a 63 “dopo la scadenza del potere supremo , sarà impugnato in città e così, provvisoriamente nel miglior Cabildo, fino a quando non sarà incorporato il distretto che per mezzo dei loro deputati costituirà il Consiglio Generale del Viceré, fino a quando le province decidono quale sistema di governo sarà scelto”, furono le parole di Argerich, per volere di i rivoluzionari che piangevano nella piazza e nell’aula, sostenuti dai nobili Cornelio Saavedra e Infernales di Domingo French. Nel gennaio 1811, il Primo Consiglio lo nominò giudice della corte protomediterranea, Nel 1812 gli fu assegnato un piano di educazione pubblica con Luis Schorroarin e Diego Zabaleta. Come membro dell’Assemblea nazionale, fa parte di un progetto di costituzione e di piani di interesse pubblico.

A causa della generale mancanza di medici, specialmente negli eserciti nazionali, con conseguente reclutamento di stranieri come l’inglese Diego Baroasian/James Barrosian, il capo chirurgo a San Martin, Belgrano sollecitò la creazione di istituti per la formazione medica. e che quelli che si erano formati fossero inviati al suo fianco nella campagna dell’esercito ausiliario del nord, e Argerich fa parte delle province dell’Alto Perù, dopo un lungo lavoro nelle battaglie di Salta e Tucuman. Con la stessa priorità di quando prestò servizio nella Riconquista e Difesa di Buenos Aires, qui trattò e salvò la vita sia di spagnoli che di patrioti.

READ  Dream Amos si ritira dal rugby all'età di 27 anni per studiare medicina

Su richiesta dell’Assemblea del Tredicesimo anno, affrontò un progetto per il Collegio di Medicina e Chirurgia, che fu approvato nel gennaio 1813. Tuttavia, l’urgenza della Guerra di Indipendenza diresse le sue energie nella creazione Istituto medico militare del 13 marzo 1813, un’introduzione concreta all’istruzione universitaria argentina. È stata nominata capo della clinica medica, dirigendo il nuovo centro educativo americano, che è stato il seme di una carriera in Università di Buenos AiresFu fondata nel 1821. Nel 1814 avrebbe avuto il Regolamento di Medicina Militare, redatto con Francisco de Paula Rivero y Fabre, che avrebbe attirato l’attenzione del generale José de San Martín, una volta modernizzata e prioritaria l’assistenza sanitaria. Sarebbe anche uno dei fatti della Corte di Medicina, predecessore delle scuole di medicina, che aveva il potere, tra l’altro, di giudicare gli abusi, gli illeciti, i casi occulti, l’esercizio illegale della medicina e le farmacie controllate. Fino a quel momento, coloro che prendevano le decisioni in questi aspetti erano i funzionari dei consigli comunali senza concorrenza.

Argerich e St. Martin

L’interesse dell’editore per un gruppo di medici iniziò con la costituzione del Reggimento Granatieri e si acuì con la mancanza di un’adeguata assistenza per i sette feriti lasciati dalla battaglia di San Lorenzo il 3 febbraio 1813. Uno si lussò la spalla, San Martin lui stesso. L’arrivo di Francisco Argerich, figlio di Cosme, il giorno successivo, risolse temporaneamente la questione, ma fu una richiesta costante dei vari governi di Buenos Aires. che era in aumento quando assunse il governo di Cuyo nel 1815 e lavorò al Piano di transito delle Cordigliere, la prima tappa della liberazione del continente centrale. È interessante notare che una delle prime misure adottate dal governo di San Martin è stata la vaccinazione contro il vaiolo per l’intera popolazione e l’uccisione dei cani per prevenire la rabbia, negli insegnamenti di Don Cosme.. Francisco Argerich era un medico di fiducia Buenos Airese, tramite il medico cileno Juan Isidro Zapata, San Martín invia al top manager una delle decine di lettere chiedendo “farmaci e forniture per un gruppo di campo indispensabile se questo deve essere fatto dal Cile”. Questa volta fu ricevuta dal direttore dell’Istituto medico militare Dr. Kosmi Argerich, che il 12 marzo 1816 notò gravi difetti nelle spedizioni in partenza “che le persone moderatamente istruite non ignorano in materia medica”. , “Quando mi è stato ordinato da un VE di ottenere una varietà di medicine per l’esercito di Mendoza, mi è stato impedito… di addestrarle per duemila uomini che stavano per attraversare la catena montuosa contemporaneamente… Si formò un abbondante gruppo di pronto soccorso… ma se questo raddoppiato a 6000 – 3.987 soldati e 1.392 uomini di supporto furono finalmente quelli che attraversarono nel gennaio 1817 – allora è chiaro che la proporzione deve essere aumentata… Inoltre, è molto utile sapere se il lotto di medicinali deviati dovrebbe servire l’ospedale stazionario di Mendoza – istituito da San Martin – o solo per il cellulare che deve passare attraverso la catena montuosa. C’è una notevole differenza…secondo la lista fornita dal chirurgo Zapata, sembra che sia stato allestito per un presidio ospedaliero, non per un ambulatorio…ci sono molti farmaci inutili…ne ho già parlato in in due occasioni che c’erano cinque o più sei dozzine di lacci emostatici Emergenze ”, ha osservato lo specialista sul campo di battaglia, che ha corretto per tempo i giudizi medici dell’impresa liberatoria, negli anni in cui Mendoza era il centro del mondo delle province unite di il Río de la Plata, e attirò risorse, uomini, donne e idee da tutto il paese. Argerich a Buenos Aires doveva occuparsi della spedizione di medicinali nel giugno 1816 per un esercito di quattromila soldati, esattamente ciò di cui aveva bisogno San Martin. Il caso americano.

READ  Oggi al Giro d'Italia, Fernando Gaviria, racconta cosa è successo a Mulano

Cosme Argerich ha continuato a lavorare nella pratica, prendendosi cura dei pazienti indipendentemente dalla classe o dal colore e promuovendo l’insegnamento scientifico. Vittima di un attentato, morì improvvisamente il 14 febbraio 1820 e seppellì le sue spoglie nel convento di San Francisco, accompagnato dalle barelle dei medici post-rivoluzionari che aveva fedelmente e pazientemente addestrato. Rivadavia nel 1823, che ne sostenne la politica sanitaria statale e la sorveglianza sanitaria in aree strategiche della pubblica amministrazione, ordinò il trasferimento al cimitero di La Recoleta. Tra gli altri tributi statali, c’è un ospedale per acuti a Buenos Aires, un ospedale presidenziale nel distretto di La Boca, e l’Ospedale Militare Centrale ricordano “il primo direttore della sanità militare degli eserciti dell’indipendenza e direttore dell’Istituto medico militare ” In pianura, Argerich fu il primo sanatore, e professore di medicinaArgentino.

risorse: Furlong, c. Medici argentini durante la dominazione spagnola. Buenos Aires: Huerpes. 1943; Armo, d. i dottori. Buenos Aires: CEAL. 1981; Elisaldi, R. Tosilo, F.; Salute e medici dell’esercito andino In Todo es Historia. 594 gennaio 2017. Buenos Aires

Immagini: Infobae