Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cos’è la Sindrome di Ulisse e come colpisce chi decide di trasferirsi in un altro Paese?

“Non è consentito sradicare le persone dalla loro terra o paese, non con la forza”.Ha detto il poeta argentino Juan Gilman. Tuttavia, nel mondo ci sono circa 281 milioni di migranti internazionali (3,6% della popolazione), secondo i dati 2020 delle Nazioni Unite.

Ci sono quelli che migrano perché vogliono, ma anche chi è obbligato a farlo. L’UNHCR ha riferito che alla fine del 2019 c’erano più di 79,5 milioni di sfollati forzati.

Che qualcosa venga scelto o meno, noi immigrati, con radici che si estendono a migliaia di chilometri di distanza, possiamo sentirci, come disse Gilman: “pianta selvatica”. Ci saranno circostanze al nostro arrivo a destinazione che allevieranno o peggioreranno questa condizione. Questo è senza dubbio Può influenzare la nostra salute mentale.

La psichiatra spagnola Joseba Achotegui lavora su questioni legate all’immigrazione presso la World Psychiatric Association, di cui è segretario. Dal 2002 ha cominciato a vedere che qualcosa sta cambiando. “I confini sono stati chiusi, sono state avviate politiche anti-immigrazione più severe, le persone hanno smesso di ricevere documenti e c’è stata un’enorme lotta per sopravvivere”, ha detto. BBC World.

Ciò si è riflesso nel modo in cui i pazienti sono arrivati ​​​​nel suo studio: “Erano indifesi, spaventati e incapaci di andare avanti”. In particolare, ha visto che molti migranti in situazioni difficili presentano un “quadro interattivo di stress grave, cronico e multiplo”. Lo chiamò Acotegui: Sindrome di Ulisse.

Lo psichiatra spiega che da allora questa non è più una malattia Lo stress e la tristezza sono cose normali nella vita.Ma mette in evidenza la particolarità della sindrome che lascia l’immigrato, ancora una volta, alla frontiera. Ma questa volta tra salute mentale e disordine.

Di solito associamo la parola “lutto” al sentimento dopo la morte di una persona cara. psicologi Legalo a qualsiasi perdita Essere umani, come lasciare un lavoro, separarsi dal partner o cambiare il nostro corpo.

“Ogni volta che affrontiamo una perdita, dobbiamo abituarci a vivere senza quello che avevamo e adattarci alla nuova situazione. In altre parole, devi prepararti per il duello”, spiega la psicologa Celia Arroyo, esperta di duelli sull’immigrazione.

Così, il dolore della migrazione è associato a questo grande cambiamento nella vita umana. Ma ha delle caratteristiche che lo rendono speciale, perché è un file tristezza ‘parziale, ricorrente e multipla’.

Puoi piangere per discorsi, costumi… o paesaggiGetty Images

Parziale perché non è una perdita completa come accade con la morte di qualcuno; frequente perché con qualsiasi viaggio, la comunicazione con il Paese o un semplice sguardo ad una foto su Instagram si può riaprire; E multiplo perché non si perde solo una cosa, ma molto.

READ  Il portavoce del Cremlino spiega qual è la domanda di Mosca oggi su "vita e morte"

Acotegui ha raccolto queste perdite in sette categorie. La più ovvia è di solito la perdita della famiglia e dei propri cari. C’è anche una perdita di status sociale, cosa che di solito accade, dice Arroyo, a causa dello status di immigrato, ma se, inoltre, “il Paese di origine è xenofobo, è una grande disgrazia”.

Un altro lutto che attraversa un immigrato è la perdita della terra. Ad esempio, la mancanza di paesaggi montuosi o di giornate soleggiate. È stato aggiunto un duello linguistico, che sarà tanto più forte che si emigra in un paese con un’altra lingua. Può essere un vero ostacolo, ad esempio, per svolgere una procedura burocratica.

Infine, c’è un file Perdita di simboli culturaliche può significare qualcosa di semplice come nessuno da “fare un passo avanti” e ballare salsa o con chi condividi un compagno.

A questo si associa, e come duello finale, la perdita del contatto con il gruppo a cui apparteniamo, con coloro con cui possiamo parlare con gli stessi simboli, e che capiranno i nostri comportamenti e il nostro modo di vedere la vita.

La Sindrome di Ulisse è quando, oltre a dover affrontare questi sette normali duelli di un immigrato, “Questo avviene in condizioni difficili”.psichiatra spagnolo.

Sono tanti gli stimoli che possono mettere sotto pressione una persona nel Paese ospitante
Sono tanti gli stimoli che possono mettere sotto pressione una persona nel Paese ospitante

“Quando ci sono difficoltà o la persona viene respinta nella comunità ospitante, può verificarsi questa sindrome”afferma Guillermo Vos, professore di psicologia all’Università Complutense di Madrid e capo di Psicologia senza frontiere.

Arrivare in un nuovo paese con un lavoro stabile è diverso dal non avere niente di fisso; Indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno un berretto o cibo garantito, per entrare effettivamente con un visto o uno stato legale deve essere determinato. La presenza o l’assenza di determinate condizioni aggiunge punti e tensione.

Un rifiuto che può avere l’impatto maggiore è la mancanza di documenti O l’impossibilità di accedere a determinate risorse”, dice lo psicologo. Allo stesso tempo, Achotegui spiega che questa situazione significa che i migranti non possono andare avanti e genera stress e problemi di sopravvivenza, che è un altro motivo.

READ  Il cioccolato Kinder Mini è stato ritirato dal mercato argentino per precauzione a causa della scoperta di casi di salmonella in Europa

Non avere intorno a noi persone che ci supportano, al cocktail si può aggiungere non solo materiale (dove vivere, mangiare e dormire), ma anche emotivo. “Molti immigrati soffrono di solitudineSono isolati”, sottolinea Achotegui.

Fauce sottolinea che esiste anche un supporto simbolico che, se non fornito, è un altro motivatore. Si tratta di capire l’ambiente dell’immigrato e rendersi conto della sua condizione, “che sta attraversando una situazione complessa, attraversando molti duelli e che gli è concesso un periodo di transizione nella società ospitante”.

Gli esperti raccomandano di stabilire relazioni con la nostra comunità ma anche con la comunità ospitante
Gli esperti raccomandano di stabilire relazioni con la nostra comunità ma anche con la comunità ospitanteGetty Images

A volte si può pensare che il “peggio” sia passato dopo aver attraversato il confine in condizioni precarie, ma nel paese ospitante sentimenti di impotenza, mancanza di diritti, potenziale abuso sessuale e lavoro possono portare a una quarta motivazione: la paura.

Gli esperti interpellati aggiungono che questa condizione di debolezza può portare alla Sindrome di Ulisse Cresci quando sei una donna.

I sintomi possono essere gli stessi che possiamo provare quando stiamo attraversando un brutto momento: dormiamo male, abbiamo difficoltà a rilassarci, abbiamo dolori muscolari o mal di testa, rabbia, nervosismo e tristezza, dice Achotegui.

Voss sottolinea che, da un lato, possiamo entrare in una sorta di stato depressivo, tristezza, chiudendoci in noi stessi e, dall’altro, iperattivo e ansioso Qualcosa alla fine porterà via la nostra energia.

Ciò può far confondere Ulisse con altre malattie mentali come la depressione o lo stress post-traumatico e cercare di curarlo. Ma, in questo caso, quando gli ostacoli che hanno dato origine alla sindrome vengono risolti (c’è lavoro, un po’ di stabilità, meno pressione, ecc.), scompaiono.

“Se vai avanti trovi un lavoro e c’è una certa stabilità ma ci sono ancora i sintomi, c’è qualcos’altro che va valutato e devi intervenire in altro modo, perché potrebbe esserci dell’altro a livello psicologico , come un’immagine deprimente”, conferma Achotegui.

Fare esercizio e uscire con la tua comunità di origine può aiutare a ridurre lo stress
Fare esercizio e uscire con la tua comunità di origine può aiutare a ridurre lo stressGetty Images

Quindi, quando il disagio diventa permanente o ci impedisce di vivere la nostra vita, dovremmo suonare gli allarmi. Altri segnali di pericolo che Fauce sottolinea sono se abbiamo i capricci, le nostre relazioni personali sono influenzate o “prendendo scorciatoie, come usare droghe o alcol, avere spese pesanti o praticare sport pericolosi”.

READ  Video | "Non sai cosa viviamo qui": esplode Alvaro Uribe durante un'intervista

“È essenziale creare una rete di supporto sociale, connettersi con altri immigrati e condividere esperienze”, afferma Celia Arroyo. Ecco perché è una buona idea cercare immigrati della nostra nazionalità o gruppi di supporto specifici dove viviamo.

A questo proposito, Achotegui dice che questo significa che c’è un “minore rischio di disturbi mentali”, ma Rimanere così in contatto con la nostra società può renderla meno prospera. “Se non ti impegni con la comunità ospitante, sarà difficile fare progressi. È un equilibrio”.

Alla fine Si tratta di mantenere la “radice” con l’acqua, ma senza dimenticare le nostre foglie, il luogo dove ricevono il sole. Consiglio anche Acotegui Esercizio e attività che riducono lo stress.

Voss fa notare che “non funzionano tagli drastici, nessuna decisione drastica” né per quanto riguarda il paese di origine o il paese ospitante e le relazioni che nascono in entrambi.

Arroyo sottolinea che sebbene sia difficile dare un’ora esatta, dopo sette mesi di stabilizzazione la sofferenza che stiamo provando non è diminuita, è il momento di cercare un aiuto psicologico.

La comunità ospitante gioca un ruolo importante, ma chi non ha vissuto questa condizione potrebbe non capire cosa comporti il ​​dolore della migrazione o lo stress costante che sfocia nella sindrome di Ulisse. Questo può farci non sapere come aiutare, cosa dire o fare.

Celia Arroyo raccomanda che l’ambiente permetta a coloro che si trovano in questa situazione di esprimersi liberamente e di poter parlare di ciò che sta loro accadendo e di come si sentono. “È importante non sottovalutare le loro sofferenze o generare false speranze” di fronte a un futuro incerto, ad esempio quando c’è un visto o un lavoro che non arriva.

Come in ogni duello, dovresti evitare frasi come “Ti batterà”, “Non è un grosso problema”, “Queste sono le tue paure” o “Andrà tutto bene”. suggerisce Acotegui Nessuna pietà, nessuna vittima: “Bisogna trattare la questione con rispetto, anche con una certa ammirazione. Un immigrato è una persona forte, una persona che avanza”.

Allo stesso tempo, è importante rispettare la loro cultura, mentalità e visione del mondo. Se è difficile per noi connetterci emotivamente con una persona in questa situazione, Voss ci ricorda che tutti noi sperimentiamo una perdita e che è bene connetterci con l’emozione con cui abbiamo dovuto entrare in empatia. e pensare che, come scrive l’uruguaiana Cristina Peri Rossi, emigrando per poi partire, È sempre diviso in due parti.

Di Alice Hernandez

BBC News World