Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa sono i droni “da caccia umana” e come funzionano

I droni rispondono alle grida di aiuto per i dispersi. Foto: MACARENA VARELA / FRAUNHOFER FKIE

Il progresso della tecnologia può essere definito da molti come la rivoluzione apparentemente infinita. Sempre più scoperte scientifiche stanno permettendo alla tecnologia di crescere e soppiantare, nel giro di mesi o pochi anni, quello che una volta era considerato “l’ultimo progresso”.

Questo è il caso anno dopo anno con Smartphone, fotocamere, computer e persino droni; Essendo l’ultimo dispositivo su cui si concentrerà questo articolo, perché ora hanno scoperto un nuovo uso per questa straordinaria tecnologia: Salva le persone con il suono.

Da alcuni anni, i ricercatori dell’Istituto Fraunhofer per la comunicazione, l’elaborazione delle informazioni e l’ambiente di lavoro (Fraunhofer FKIE) in Germania hanno concentrato i loro sforzi sulla pianificazione, la creazione e il monitoraggio di regali che “catturano” le persone intrappolate in un’emergenza e hanno bisogno di essere trovate per aiutali.

Per realizzare questo, Il drone utilizza una serie di microfoni che gli consentono di riconoscere le urla delle persone e quindi localizzarle più velocemente Cosa potrebbe fare una squadra di soccorso umano. Per questo, gli scienziati hanno sviluppato un sistema di beamforming (un vettore di percorso per un migliore accesso alle informazioni), con cui i microfoni possono rilevare suoni puliti e focalizzare il loro percorso nella direzione la cui direzione è più focalizzata sul bersaglio.

“Idealmente, per utilizzare tecniche di formazione del fascio, è pratico utilizzare una serie di microfoni identici che forniscono dati sincroni (…) Abbiamo scelto una serie molto speciale chiamata Crow’s Nest, in cui tutti i microfoni sono posizionati casualmente su una sfera . Questo tipo di array fornisce copertura acustica in tutte le direzioni e [es] Uguale in tutte‘”, ha spiegato la ricercatrice del Fraunhofer FKIE Macarena Varela, in una conversazione con il portale specializzato Mashable.

READ  Ecco come appariranno le chat di gruppo di WhatsApp con questo aggiornamento futuro

Attualmente, ogni drone ha un totale di 32 microfoni nel suo design, e mentre si può pensare che la cosa migliore per il progetto sarebbe avere meno di questi artefatti che hanno una maggiore potenza di portata, ai ricercatori sembra che in questo caso “più è meglio.” “.

“Poiché i microfoni MEMS (Micro Electromechanical System) sono così piccoli ed economici, Abbiamo in programma di raddoppiare il numero di microfoni nel prossimo futuro invece di ridurliVarela ha notato.

I dispositivi hanno 32 microfoni nel loro array, per una più facile localizzazione delle persone.  Foto: Macarena Varela
I dispositivi hanno 32 microfoni nel loro array, per una più facile localizzazione delle persone. Foto: Macarena Varela

Secondo gli scienziati, l’ideale è avere un numero maggiore di microfoni che consentano di migliorare la precisione dell’angolo dei suoni catturati e in questo modo rendere il drone più preciso nel determinare la posizione di una persona. In breve, questo sistema funziona come una risoluzione su uno schermo: Maggiore è il numero di pixel, migliore è la definizione dell’immagine, anche se nel caso dei droni la risoluzione del suono sarà migliore.

“I dati di tutti i microfoni, dopo aver aggiunto ritardi o stadi, vengono combinati per ottenere la massima sensibilità per una direzione specifica, formando così un raggio di sensibilità (…) Quindi, cambiando o scansionando la direzione, si ottiene la ricerca delle sorgenti sonorericercatore aggiunto.

Infine, Macarena Varela ha confermato che negli ultimi mesi si sta lavorando su come filtrare in modo più efficace i vari suoni nell’ambiente, al fine di ridurre il rumore intorno al drone, pur riconoscendo i suoni impulsivi emessi dalle persone Come picchiettare, battere le mani e urlare.

“In precedenti test in laboratorio, siamo stati in grado di rilevare suoni impulsivi, come il battito di mani e la presenza di rumori del rotore (…) Stiamo attualmente elaborando i dati mentre il drone vola”

“Tuttavia, stiamo anche affrontando nuove sfide, come il rumore dei droni in volo”, ha detto Varela, aggiungendo che “in altre parole, abbiamo l’esperienza nel nostro team, quindi è solo una questione di tempo” prima che questo sistema sia ampiamente distribuito per le squadre di ricerca e soccorso in tutto il mondo.

READ  WhatsApp: i 5 nuovi lavori in arrivo nel 2022

Continuare a leggere