Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa significa per la Russia che l’Ucraina stia cercando di espellerla dalla Swift e perché ne temono le conseguenze in Europa

“La decisione ufficiale non è stata ancora presa, ma i preparativi tecnici per l’attuazione di questa punizione sono già iniziati”, ha scritto il funzionario via Facebook, ringraziando la diaspora ucraina per aver “premuto i governi” a sostegno del provvedimento.

Se le entità finanziarie russe vengono escluse dal sistema, le loro operazioni bancarie saranno seriamente complicate perché non saranno in grado di effettuare pagamenti internazionali o riscuotere con il resto delle entità che utilizzano questo sistema.

per tutti gli effetti Ci sarà il blocco dei bonifici con lo Statoche a sua volta avrà effetti collaterali, poiché Nessuna società straniera che deve effettuare pagamenti in Russia avrà opzioni per farlo in questo modo.

Molti paesi europei, tra cui Italia, Germania, Austria e Ungheria hanno prenotatoTemendo l’impatto di una tale decisione sulle forniture di gas russe, ma di fronte alle domande sulla continuazione del conflitto che ha raggiunto le strade di Kiev, hanno gradualmente cambiato posizione.

Italia e Cipro, altro Paese dell’Unione Europea inizialmente riluttante, hanno confermato che non avrebbero bloccato la decisione di espellere la Russia dal sistema Swift. Lo ha affermato il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, uno dei promotori di questa punizione, dopo aver parlato con il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi.

Da parte sua, l’Ungheria ha descritto direttamente la sua opposizione a questa punizione contro la Russia come “fake news”, come indicato da molti media internazionali.

Il ministro degli Esteri Peter Szijjarto ha affermato su Facebook che questi media “mentiscono” quando affermano che “l’Ungheria sta bloccando alcune sanzioni contro la Russia, ad esempio, in relazione al sistema SWIFT”. “Intendiamoci: non è vero! Non abbiamo né contrastato né bloccato alcuna proposta di sanzione”ha detto il ministro, vicino al primo ministro, l’ultranazionalista Viktor Orban.

READ  Tra poche settimane sposteranno lo stadio di atletica, l'avanzamento dei lavori è del 96%

La Germania, paese che fa molto affidamento sul gas russo per la sua industria, ha appena interrotto l’avvio del gasdotto Nord Stream 2è stato uno dei principali oppositori di questa punizione, anche se in seguito ha indicato di essere aperto all’idea di muoversi in quella direzione.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki incontrerà a Berlino il cancelliere tedesco Olaf Scholz per fare pressione su Swift. “Nelle ultime 24 ore, c’è stato un cambiamento negli atteggiamenti di molti governi precedentemente scettici”, ha detto a Bloomberg News il portavoce del governo polacco Piotr Mueller.

Sulla stessa linea, Karl Nahammer, capo del governo austriaco (paese che acquista il 70-80% del gas da Mosca) è passato dall’opporsi al provvedimento a chiedere di “escludere la Russia da Swift”.

L’espulsione di questo sistema finanziario come strumento punitivo è stata utilizzata solo una volta, nel 2012, da una direttiva dell’UE che ha consentito all’Iran di essere rimosso come rappresaglia per lo sviluppo del suo programma nucleare.

Oltre alle risorse finanziarie, in altre regioni iniziarono ad apparire sanzioni per l’invasione dell’Ucraina. In mare, hanno detto le autorità francesi, la Marina francese ha intercettato una nave battente bandiera russa nel Canale della Manica con un carico di auto diretto a San Pietroburgo, che sarà di proprietà di una compagnia sanzionata dall’Unione Europea. Nell’aria, i rigori erano avanti e indietro.