Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa sarebbe il calcio europeo senza i giocatori africani?

• Quando una squadra nazionale vince, lo sport viene utilizzato come esempio per l’integrazione degli immigrati.
• Quando i risultati sono opposti si lanciano slogan razzisti e si nega la presenza di calciatori di origine straniera.

L’integrazione di giocatori di origine immigrata nelle squadre nazionali di calcio è un fenomeno latente che sarà presente nella prossima Coppa del Mondo FIFA. Presto in Qatar. La Francia ha vinto la Coppa del Mondo 2018 in Russia, con l’83% di coloro che sono stati selezionati di origine africana, afferma il medico José Luis Jazquezdel corso di studi universitari su Asia e Africa (Favoloso).

Per gli specialisti dell’Africa e dell’immigrazione nello sport, la maggior parte di questi giocatori proviene da colonie o da paesi che erano colonie di Spagna, Francia, Germania e altri paesi europei.

Molte squadre europee – oltre all’accademia dell’UNAM – hanno incorporato nelle loro squadre giocatori di origine africana, alcuni discendenti di immigrati e altri immigrati che sono stati nazionalizzati nei paesi europei.

La Francia non è l’unica squadra con giocatori africani. Anche i calciatori immigrati dalle loro ex colonie africane si sono uniti alla squadra nazionale inglese. Anche in Spagna e Germania. L’Italia, che non ha partecipato al Mondiale 2018 e non parteciperà nemmeno al Mondiale in Qatar, ha meno giocatori africani.

Razzismo e calcio

Le nazioni coloniali erano razziste. Questa ideologia è stata esacerbata dal fenomeno dell’immigrazione, in particolare dai partiti di estrema destra che si pronunciano contro l’immigrazione, aggiunge Gazquez.

Ciò ha portato alla politicizzazione del calcio e del calcio politico nel calcio, avverte il professore della Facoltà di scienze politiche e sociali.

READ  Idroterapia contro il cancro: uno dei trattamenti più innovativi oggi

La politicizzazione del calcio avviene tra gli anni ’70 e ’80. Tuttavia, i tifosi di estrema destra che frequentano gli stadi come parte dei nastri dei cartoni animati pubblicano cori razzisti e insulti contro giocatori di origine immigrata, soprattutto africani.

D’altra parte, c’è il calcio nella politica. I partiti di estrema destra non si sono espressi contro le squadre che si affidano a giocatori africani, soprattutto se c’è successo sportivo.

Quando vince una squadra come la Francia o vince un club con giocatori africani, lo sport viene fornito come esempio come fulcro dell’integrazione degli immigrati.

Al contrario, quando i risultati sono opposti, si lanciano slogan razzisti e si respinge la presenza di calciatori di origine straniera nelle nazionali.

Calciatori africani

Nelle squadre europee ci sono grandi personalità africane. Kylian Mbappé, figlio di immigrati, padre camerunense e madre algerina, giocherà per la seconda volta il Mondiale con la Francia ai Mondiali in Qatar.

Un’altra stella del calcio che giocherà in Qatar è Paul Pogba, originario della Guinea e componente della nazionale francese.

N’Golo Kanté, che è di origine maliana ed è stato netturbino a Parigi, non giocherà con la nazionale francese a causa di un infortunio.

Samuel Umtiti (non si sa ancora se sarà convocato), ai Mondiali del 2018 ha segnato un gol decisivo per la Francia nelle semifinali del torneo. Viene dal Camerun ma ha ottenuto la nazionalizzazione francese.

Un altro personaggio francese, Blaise Matuidi, è nato a Tolosa, figlio di immigrati: suo padre è angolano e sua madre è congolese.

Sadio Mane (nato a Sedio) è un importante calciatore senegalese. Ha giocato per il Liverpool e ora come attaccante per il Bayern Monaco in Bundesliga. Sarà presente con il Senegal in Qatar. Oltre ai suoi obiettivi, Mane è noto per il lavoro sociale che svolge in diverse regioni del suo paese. Da questa selezione possiamo citare anche Edouard Mendy, portiere del club inglese Manchester City.

READ  Benessere: qual è la causa dell'invidia e come gestirla?

Mancherà l’altra stella africana: Mohamed Salah, collega di Mane al Liverpool e capitano della nazionale egiziana, eliminato di netto dal Senegal dopo un decisivo calcio di rigore tirato dall’allora compagno di squadra Sadio Mane.

Forte Senegal

È difficile per me, dice Gazquez, immaginare le nazionali di Francia, Inghilterra e Spagna senza giocatori di origine africana che sono entrati con successo in quelle squadre.

Il Senegal (che sarà in Qatar), l’attuale campione africano di calcio, è una squadra molto forte e tecnica. Il livello tecnico agonistico delle squadre africane si è sviluppato negli ultimi anni, quindi non sorprenderà l’impressionante prestazione dei senegalesi, che hanno raggiunto i quarti di finale della Coppa del Mondo 2002 battendo la Francia nella partita d’esordio.

Al Mondiale del Qatar partecipano solo cinque squadre del continente africano: Senegal, Ghana, Marocco, Tunisia e Camerun.

Potrebbero interessarti anche:

Africa: giocatori di calcio in diretta per squadre europee

10 giocatori africani da tenere d’occhio

Lascia il tuo commento

Commenti