Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa ne pensa lo stratega Alberto Fernandez?

Coloro che lo apprezzano lo conoscono come “Mr. Sì”, per la sua propensione ad articolare strategie politiche chiare basate su messaggi positivi. Coloro che non lo apprezzano lo descrivono come un “Duran Barba progressista”, per la sua predilezione per lavorare con candidati di centrosinistra. La verità è Anthony Gutierrez Ruby Negli ultimi anni è diventato un consulente di culto di Alberto Fernandez, e più precisamente da allora Il sociologo catalano ha guidato la campagna Everyone Front Che, dopo la violenta sconfitta del PASO 2021, è riuscita a migliorare sensibilmente il risultato del partito al governo nelle ultime elezioni parlamentari.

Dall’inizio degli anni ’80, con l’ascesa dell’allora Partito Socialista Operaio Spagnolo, al suo ultimo lavoro di campagna elettorale che portò Gustavo Petro alla presidenza in Colombia, la carriera di Gutierrez Ruby ha avuto un discreto successo, basata su strategie basate sullo studio della qualità e indagini quantitative che consentono di misurare non solo ciò che “pensandoci” l’elettorato, ma anche e principalmente, che cosa ti senti”.

Gutierrez Ruby di solito non rilascia interviste ai giornalisti, ma all’autore Stanchezza democratica La scorsa settimana ha tenuto una master class agli studenti del Tutorial e degli Abbonati al Profilo Digitale dove ha presentato le sue idee in modo potente. In quella mostra intitolata “Comunicazione politica e campagne elettorali per affrontare l’era notizie false e incitamento all’odio”, prova evidente di Cosa ne pensa lo stratega Alberto Fernandez?.

Per il direttore di Ideograma le società attuali, specie quelle latinoamericane, sono in una fase profonda crisi politicache può essere letto attraverso il modulo Sei D.

READ  Il 20 luglio il ministero della Difesa annuncia massicce misure di sicurezza e dispiegamento

Diffidenza. L’America Latina è la regione più diffidente del pianeta: solo tre latinoamericani su dieci si fidano del proprio governo, indipendentemente dal fatto che sia di destra o di sinistra. Le istituzioni si stanno deteriorando. Il calo della fiducia, secondo LatinoPROMETRO, è costante dal 2008, quando i mercati finanziari sono crollati e gli strumenti democratici non sono stati in grado di orchestrare la tempesta. lui è Una crisi di fiducia nel sistema repubblicano È noto sin dalla Rivoluzione francese.

Questa è la peggiore crisi democratica dalla Rivoluzione francese.

delusione. Qualsiasi governo che inizi il suo mandato, indipendentemente dal fatto che sia populista o liberale, affronta presto un’enorme perdita di sostegno poiché non riesce a soddisfare le richieste che lo hanno portato al potere. È successo con il cileno Gabriel Borek, che in pochi mesi ha sperperato il suo capitale politico, così come con il primo ministro britannico Liz Truss, che è stata costretta a dimettersi pochi giorni dopo il suo insediamento.

esaurito il tempo e Gli elettori chiedono riforme sempre più veloci E in meno tempo. I margini di manovra sono diventati scarsi di fronte all’emergenza.

disuguaglianza. Il mondo sta attraversando una grave crisi di uguaglianza e opportunità. Prima della pandemia, la tendenza alla riduzione delle disuguaglianze era interrotta. Nel periodo post-pandemia, a causa della guerra in Ucraina e dei suoi effetti sull’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, la disuguaglianza è aumentata a passi da gigante.

In meno di tre anni, l’America Latina ha sofferto Declassificazione di cento milioni di persone. Attualmente, un latinoamericano su tre vive in povertà. Mentre la distanza tra ricchi e poveri si allarga senza alcun controllo.

READ  Elezioni in Cile: Irina Karamanos, compagna di Gabriel Boric chiede un 'ripensamento' del ruolo di first lady

Democrazia, o crisi della democrazia. Un latinoamericano su quattro non crede che la democrazia possa risolvere i suoi problemi. Le peggiori razioni di salute democratica sono state provate per secoli. Questo è ciò che piace ad alcuni autori Nomi di Larry Diamond ‘Ristagno democratico’o le chiamate di Anna Applebaum “Il crepuscolo della democrazia” o Marta Lagos qualificata Diabete democratico.

Siamo di fronte alla prima generazione che sa per certo che vivrà peggio della generazione precedente. Sono giovani che sanno che il loro tempo sarà peggiore di quello dei loro genitori. Si tratta di un’ampia fascia della popolazione che associa la democrazia a un quadro normativo Non garantisce il progresso sociale.

divisione sociale. Non solo sociale ed economico, ma anche rottura dei legami sociali. Sono sempre esistite società con grandi differenze ideologiche, ma in esse si è mantenuto un certo terreno di livelli comuni. Oggi questo processo sta crollando.

Prima della pandemia, l’ascesa della protesta ha cominciato a emergere come una via d’uscita, una sorta di convulsione democratica. Questa non è un’uscita elettiva: È una rottura del sistema, con forti richieste sociali. Le proteste sociali saranno portate avanti da giovani e persone a basso reddito, che assumono un sollievo democratico che porterà a aumento estremo della polarizzazione.

disinformazione. Un’industria che esiste perché è politicamente redditizia. La disinformazione, le bolle d’informazione e la corruzione minacciano la democrazia. C’è un aumento delle informazioni basate su Il clickbaitDivora informazioni reali e le divorache dovrebbe svolgere un ruolo democratico.

Il lavoro principale degli algoritmi sono i dati che attirano l’attenzione del lettore, Non importa se attraverso un file notizie false. L’attenzione online è una prigione di vetro e la lotta per l’attenzione rende la bolla di informazioni attraente per alcune aziende. Ma questo processo altera il carattere del servizio d’informazione, perché queste camere d’eco si basano su pregiudizi e creano il liquido amniotico della povertà intellettuale.

READ  Il governo afghano ha confermato che sta negoziando con i talebani una "transizione pacifica del potere".

L’era della “stagnazione democratica”, del “crepuscolo della democrazia” o del “diabete democratico”.

Il risultato di questa massiccia crisi è che porta a società altamente frammentate, dove possono esserci forze radicali estreme che rappresentano meno del venti per cento dell’elettorato ma, tuttavia, possono raggiungere una maggioranza dominante. Non sono una grande maggioranza, ma Le forti minoranze si depolarizzano attraverso l’incitamento all’odio Può trasformarsi in violenza politica.

Per Gutierrez Ruby, ogni campagna elettorale ha due priorità primarie. Il primo è comprendere e analizzare il contesto politico, economico e storico di ciascuna elezione Sulla base dei dati e Non basato sul pregiudizio degli elettori. La seconda è che ogni campagna elettorale nasconde una domanda: cambiamento o continuità? Comprendere questa risposta è alla base di ogni scelta.

Infine, è necessario prestare particolare attenzione al panorama Alta pressione dei pari Questo è chiaro oggi. “Stiamo affrontando società difficili da controllare”, ha affermato Gutierrez Ruby. Sono come un cavallo selvaggio che lancia il cavaliere non appena inizia a camminare. Non importa se un altro cavaliere cavalca e offre un altro modo per domare il cavallo: Lo lancia anche per terra in brevissimo tempo».

Potrebbe piacerti anche