Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa accadrà all’economia globale se la Russia invaderà l’Ucraina?

L’Europa ottiene circa il 40% del suo gas naturale e il 25% del suo petrolio dalla Russia, ed è probabile che venga duramente colpita dall’aumento delle bollette del gas e del riscaldamento che sono già in aumento. Le riserve di gas naturale sono a meno di un terzo della capacità, con alcune settimane di temperature sotto lo zero che si avvicinano, e i leader europei hanno già accusato il presidente russo Vladimir Putin di tagliare le forniture per ottenere un vantaggio politico.

C’è anche la questione dei prezzi dei generi alimentari, che sono al livello più alto da oltre un decennio, in gran parte a causa del disastro della catena di approvvigionamento causato dalla pandemia, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite. La Russia lo è più grande fornitore di grano Nel mondo rappresenta, insieme all’Ucraina, quasi un quarto delle esportazioni mondiali totali. Per alcuni paesi, la dipendenza è molto più alta. Questo flusso di grano rappresenta oltre il 70% delle importazioni totali di grano nella Repubblica araba d’Egitto Egitto e Turchia.

La situazione eserciterà maggiore pressione sulla Turchia, un paese che sta già attraversando una crisi economica e alle prese con un’inflazione che si avvicina al 50 per cento e prezzi di elettricità, carburante e cibo alle stelle.

Come al solito, il fardello più pesante ricade sui più vulnerabili. “Le persone più povere spendono più del loro reddito per cibo e riscaldamento”, ha detto. Ian GoldinProfessore di Globalizzazione e Sviluppo all’Università di Oxford.

L’Ucraina, conosciuta come il “cesto del pane d’Europa”, attualmente invia il 40 per cento delle sue esportazioni di grano e mais in Africa o in Medio Oriente, dove si teme che un’ulteriore carenza di cibo e prezzi più elevati possano portare all’instabilità sociale.

READ  Alta inflazione ed energia puniranno i consumi in Italia

Per esempio, LibanoDopo aver attraversato una delle crisi economiche più devastanti in più di un secolo, acquista più della metà del grano che consuma dall’Ucraina, che è anche il più grande esportatore mondiale di oli di semi come girasole e colza.

Lunedì, la Casa Bianca ha risposto alla decisione di Putin di riconoscere l’indipendenza di due regioni sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale dicendo che avrebbe iniziato a imporre sanzioni limitate alle cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Jen Psaki, l’addetto stampa della Casa Bianca, ha affermato che Biden emetterà presto un ordine esecutivo per vietare investimenti, commercio e finanziamenti per le persone di quelle regioni.