Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Corona virus, l’Italia revoca il coprifuoco perché la Russia è preoccupata per la versione Delta


La variante delta del Covid-19 è diventata la nuova minaccia agli annunci di apertura che iniziano a essere fatti da diversi paesi. Mentre la Francia ha annunciato mercoledì la rimozione delle mascherine e la fine dell’uso delle mascherine negli spazi aperti, ma senza alcuna seria strategia sanitaria, il Regno Unito è stato costretto a ritardare le misure di allentamento a causa della massiccia diffusione della variante delta contagiosa nel suo territorio .

Potrebbe interessarti: Macron sta accelerando il disimpegno senza una precauzione sanitaria

La stessa situazione vive in Italia e Russia. Nel primo caso sono pronti a muoversi verso la fine del coprifuoco, sotto pressione dall’inizio della stagione estiva, mentre Mosca, che in precedenza ha dichiarato il proprio impegno alla vaccinazione per i lavoratori dei servizi, vede peggiorare il livello dei contagi a causa della circolazione sanguigna. dalla variabile delta.

Potrebbe interessarti: Tasti variabili Delta: perché causano preoccupazione?

Italia

Il venerdì sera in Italia inizia l’ultimo fine settimana con un coprifuoco notturno, in vigore dalle 0:00 alle 5:00, che sarà completamente abolito in tutto il Paese da lunedì, dopo oltre sei mesi di restrizioni.

Le misure che limitavano il pendolarismo notturno, emanate dall’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte all’inizio di novembre, spariranno da lunedì prossimo su tutto il territorio, secondo il Piano di flessibilità d’azione elaborato dall’attuale governo Mario Draghi.

Con 13 delle 20 regioni del Paese attualmente in “zona bianca”, ovvero a basso rischio epidemico, e con una campagna di vaccinazione che ha già vaccinato oltre il 27% della popolazione, secondo i dati ufficiali, il governo si prepara a fare più flessibili restrizioni al commercio e alla circolazione nelle prossime settimane.

Tuttavia, la preoccupazione per l’arrivo della variante delta, che potrebbe portare a un regresso di questa apertura, ha portato alla realizzazione del cosiddetto “corridoio verde”, per vaccinazioni, immunizzazioni o test negativi, che consente l’ingresso alle persone in arrivo dall’Unione Europea, dagli Stati Uniti, dal Giappone e dal Canada. Ma soprattutto offre “Cinque giorni di quarantena con obbligo di controllo per chi viene dalla Gran Bretagna”; Sulla scia dell’emergere della cosiddetta variante delta del virus Corona, Il divieto di reddito è stato esteso da India, Bangladesh e Sri Lanka.

READ  Lo chef Mariano Sandoval condivide la sua passione a La SabroZona

Con il coprifuoco notturno revocato da lunedì in tutto il paese, il governo si sta preparando per le prossime settimane alla fine dell’uso obbligatorio dei sottogola all’aperto.

Per quanto riguarda le attività commerciali, manca solo il benestare del governo alla riapertura delle discoteche chiedendo il ritorno del circuito per la stagione estiva.

Mosca

Nel frattempo, la città russa di Mosca ha riportato un numero record di casi di coronavirus giovedì e ha annunciato una serie di restrizioni agli eventi pubblici, inclusa la chiusura della regione ai tifosi della Coppa dei Campioni.

Sopra Mosca ha registrato 9.056 nuovi casi di COVID-19 e 78 decessi nelle ultime 24 ore, Si tratta di un numero record dall’inizio della pandemia e tre volte il livello registrato meno di due settimane fasegnalate le autorità sanitarie. Il sindaco della città ha confermato che quasi il 90% dei nuovi contagi corrisponde a una variante delta.

La Russia è al suo livello più alto dal 1 febbraio, con 17.262 infezioni giornaliere in tutto il paese, ha affermato il servizio russo anti-Covid-19.

L’aumento è da attribuire alla lentissima campagna vaccinale dovuta alla sfiducia dei russi nei confronti dei vaccini, nonché alla mancanza di restrizioni da mesi, all’emergere di varianti più virulente e alla violazione delle regole di distanziamento e utilizzo di maschere.

Di fronte a questa situazione, le autorità di Mosca hanno ricominciato a imporre restrizioni.

Il sindaco Sergei Sobyanin ha annunciato sul suo sito web: “Sospendiamo per un po’ gli eventi di intrattenimento di massa e dovremo anche chiudere per un po’ le sale da ballo e la fan zone”, situata nel complesso olimpico di Luzhniki.

La Russia sta ospitando un totale di sette partite di calcio europee, tutte a San Pietroburgo, dove la pandemia è riemersa.

READ  È morto il padre di Angela Leva: guarito dal cancro ma ha contratto il Coronavirus

“Non volevo farlo, ma dovrebbe essere fatto”, ha detto Sobyanin. “A partire da oggi, gli eventi di intrattenimento sono limitati a un massimo di 1.000 persone”.

L’ufficio del sindaco di Mosca ha prorogato fino al 29 giugno la chiusura dei punti ristoro nei centri commerciali, negli zoo e in tutti i parchi pubblici fino al 29 giugno, secondo quanto riferito dall’AFP.

Ristoranti e bar dovrebbero chiudere dalle 23:00 alle 6:00, come una settimana fa.

Due giorni fa Sobyanin ha emanato un decreto per la vaccinazione obbligatoria di tutti i lavoratori del settore dei servizi. Il 60% di loro, circa 2 milioni di persone, dovrà essere vaccinato prima del 15 agosto.

Potrebbe interessarti: Mosca impone vaccinazioni obbligatorie nel settore dei servizi a causa dell’aumento dei contagi

La combinazione di un basso livello di vaccinazione con un’apertura alle pressioni economiche e sociali e una variante delta può portare a livelli più elevati di infezione e mortalità. Ricordiamo che sebbene l’Europa abbia un tasso di popolazione vaccinata più elevato rispetto alla maggior parte dei paesi del mondo, la proporzione con le due dosi complete è ancora bassa. Non è una cosa semplice perché diverse indagini hanno rivelato che una singola dose ha un’efficacia molto bassa contro la variante delta. È il caso della Francia, ad esempio, dove sono state vaccinate 30 milioni di persone (su oltre 65 milioni di persone) ma solo 16 milioni hanno le dosi complete.

Dopo mesi di carenza di vaccini, molti paesi si trovano ora ad affrontare un’industria in crescita che non vuole ottenere il vaccino. Come dimostra il caso Mosca, le autorità intendono risolverlo con ordinanze obbligatorie.

Ma la riluttanza a vaccinare non è un problema solo in Russia, è riscontrabile in molti paesi e persino negli Stati Uniti, che hanno monopolizzato il maggior numero di dosi per la sua popolazione. Lì cercano di vaccinare le persone anche offrendo regali e incentivi, ma senza successo.

READ  ShowMatch: come sarà la premiere del 2021?

Questa frequenza è il prodotto di diversi elementi. Dalla retorica del diniego, che ha portato direttamente a credere che il virus fosse parte di un complotto, alle politiche di tutti quei governi che preferivano gestire l’attività economica alla salute delle persone, e in qualche modo sminuire l’importanza di uccidere il virus, quindi che milioni di persone vanno a lavorare ogni giorno in condizioni non sicure in tutto il mondo.

D’altra parte, la “geopolitica dei vaccini” ha aggiunto un ulteriore elemento che delegittima ulteriormente le campagne di vaccinazione creando propaganda negativa contro laboratori e paesi concorrenti. Ogni Paese ha difeso i propri laboratori su quelli del resto del mondo, sollevando anche dubbi sull’efficacia di vaccini che non erano i propri.

Infine, è stato aggiunto che il rifiuto internazionale di rilasciare brevetti per vaccinare la popolazione mondiale in un tempo coordinato, pianificato e registrato significava che mentre decine di paesi avevano monopolizzato la maggior parte delle dosi, il resto del mondo doveva aspettare mesi o mesi. anni perché tu ne abbia una parte.
Ciò ha dato origine a nuove specie potenzialmente più contagiose e mortali. È il caso dell’India, rischio annunciato in numerose occasioni, dove dopo mesi di alta circolazione e mancanza di vaccini, la formula delta è finita nel nuovo fantasma, che potrebbe rendere inefficaci alcuni dei vaccini esistenti o generare nuove varianti più aggressive in aree dove la vaccinazione è molto bassa o inesistente.