Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Coppa dei Campioni: l’Italia si chiama Verratti | Coppa Europea di Calcio 2021

C’è un gioco che in qualche modo spiega la trasformazione del calcio in Italia. È successo nel match dei quarti di finale contro il Belgio quando Marco Verratti (Pescara, 28 anni) ha spinto il pallone guidato da Jan Vertonghen e ha portato alla vittoria per 0-1 di Nicolo Barilla. Non era un bersaglio offensivo vestito armato da un centrocampista che permette all’attaccante di avanzare, una pratica molto tradizionale nel gioco. calcioNon è stato nemmeno un atto di strategia, comune nel calcio, ma il controllo e il tiro del centrocampista dell’Inter sono stati rafforzati dalla competitività del centrocampista del PSG. Verratti è un giocatore diverso, mezzo europeo dell’Azzurra e forse anche il meno italiano del campionato. NazionaleNemmeno perché non giocava in prima divisione.

Verratti è nato a Pescara e ha fatto parte dell’acclamata squadra Zdnedek Zeman, meglio conosciuta come The Dolphins, protagonista di una sorprendente ascesa nella stagione 2011-2012 dopo aver totalizzato 90 gol e 83 punti in serie B. Praga, riconosciuto per il suo carriera pedagogica e buon gusto nel calcio offensivo, ha poi riunito tre giovani diavoli che ora si ritrovano nella nazionale di Roberto Mancini: Ciro Immobile, Lorenzo Insigne e Marco Verratti. I gol di Immobile (28) in promozione pesavano quanto le giocate fittizie di Insigne e la mente di Verratti, trasferiti a fine stagione per 12 milioni di euro al Paris Saint-Germain (2012). Nessuno, nemmeno il Barcellona, ​​lo ha spostato da Parigi.

Il legame con l’Italia è sempre stato mantenuto dal suo status internazionale sin dalla sua partenza per la Francia. Nonostante sia stato incluso nella selezione preliminare, Cesar Prandelli non lo ha incluso nella lista finale per Euro 2012 e ha esordito a 19 anni in un’amichevole contro l’Inghilterra. Oggi, il 28enne non è meno importante di Sergio Busquets per la Spagna. Mancini non solo ha aspettato pazientemente che Verratti si riprendesse da un infortunio al legamento collaterale del ginocchio destro che lo ha lasciato teso per un mese, ma gli ha anche regalato lo scudetto nella gara della terza fase a gironi contro il Galles in sostituzione di Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo che era stato il numero dell’incontro precedente contro la Svizzera.

READ  Gol dolorosi hanno definito i classici del calcio argentino

maggiori informazioni

Verratti è un mediatore affidabile, tecnico e competitivo, la cui carriera è stata segnata da infortuni oltre che dalla sua tendenza a trattenere in attacco, sempre pronto ad attaccare il pallone sul balcone avversario, determinato a colpire i muri con spazi interni e davanti. , Lontano. Dall’immagine difensiva che ancora si assume in alcuni ambienti calcistici alla nazionale italiana.

Al contrario, la stampa italiana afferma che la scommessa di Mancini sul trio Barilla-Jorginho-Verratti nella linea di demarcazione è simile alla scommessa formata da Xavi Busquets e Iniesta nel Barcellona di Pep Guardiola e anche con gli “omini matti” che brillavano in la gloriosa tappa della Spagna. Xavi e Iniesta sono alti 1,71 metri mentre Verratti è alto appena 1,65 metri e Barilla è alto 1,72 metri.

gioco dal vivo

In ogni caso Verratti sarà più un centrocampista che un centrocampista in Italia e anche al PSG. La percentuale di passaggi completati dai centrocampisti di Mancini è di circa il 90%, e Verratti è considerato il giocatore più decisivo del girone italiano in termini di assist (due).

“Siamo italiani e non possiamo diventare improvvisamente spagnoli”, sostiene Mancini quando gli viene chiesto delle somiglianze tra Italia e Spagna. “Il nostro possesso è un po’ diverso”, aggiunge Lemis proprio che la cadenza di gioco della sua squadra è più intensa e diretta di quella di Luis Enrique, forse per la presenza di un calciatore che si occupa direttamente della pelle come Verratti.

“Hai sempre la sensazione che quando la palla è ai piedi di Verratti o di Insigne, accadrà qualcosa di pericoloso”, ha detto Zeman. Mancini condivide l’opinione del tecnico che ha vinto a Pescara. La Nazionale italiana ha giocato 32 partite senza sconfitte e 13 vittorie consecutive dopo non essere riuscita a qualificarsi per la prima volta al Mondiale in Russia 2018. Ora sta cercando di completare la sua striscia vincente con giocatori come Verratti bisognosi di gloria dopo una stagione difficile. Al Paris Saint-Germain con Neymar.

READ  Marcelo Tinelli ha denunciato la "destabilizzazione istituzionale" di alcuni dirigenti della Lega Calcio Professionistico

Le amicizie non hanno giocato per un calciatore instabile che ora sta vivendo un momento dolce in Coppa dei Campioni e che è il carattere dell’Italia. Nessuno specula su Azzurra quando Verratti ha la palla.

Iscriviti qui Nella nostra newsletter speciale su Euro 2021