Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Consigliano di consultare un medico se i sintomi post-COVID persistono

Secondo l’indagine Rivista Repubblica Tra le persone che hanno contratto il COVID-19, 6 su 10 hanno sintomi respiratori evidenti, confusione o addirittura tachicardia dopo essere state dimesse dalla clinica. “Sì, sono già stato licenziato. Ma quando faccio un po’ di attività fisica intensa, mi sento agitato o stanco”, è una delle risposte che si ripete alla domanda “Come sono guarito dal COVID-19?”.

I sintomi descritti dalle persone consultate potrebbero corrispondere a ciò che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha descritto come “covid-19 persistente”.

Il Dipartimento della Salute del San Luis raccomanda ai pazienti che sono stati dimessi dall’ospedale a causa del COVID-19 di consultare un medico se sviluppano sintomi come affaticamento, mal di testa, disturbi dell’attenzione, caduta dei capelli (alopecia), mancanza di respiro (dispnea), e odore (perdita dell’olfatto) o gusto. (vecchiaia), tosse o dolori articolari.

Il sistema sanitario pubblico del distretto “inizia con una valutazione clinica completa del paziente, inizialmente, in base ai sintomi che ha presentato nella fase acuta del COVID-19 e a ciò che è stato osservato nel momento in cui è stata condotta la consultazione”, ha affermato Gustavo Juárez, medico specialista in medicina generale e referente per le malattie respiratorie e del fumo presso il Dipartimento della Salute, con approccio multidisciplinare.

Nell’ottobre 2021, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ufficialmente definito la presenza di sintomi “per 12 settimane o più come COVID-19 persistente”, cosa che, secondo la stessa OMS, si verifica tra il 10% e il 65% dei sopravvissuti che hanno esperto. Della malattia.

Nella contea, hanno definito una serie di raccomandazioni da considerare quando si valutano i pazienti che entrano nel sistema pubblico, sapendo che “può presentarsi come una malattia cronica e deve essere affrontata da team multidisciplinari con formazione continua”, ha affermato. Juarez.

READ  Niente pace per Gareth Southgate | Coppa dei Campioni di calcio 2021

Un rapporto preparato dallo specialista rileva che la maggior parte dei pazienti con COVID-19 guarisce completamente, sebbene alcuni soffrano “effetti a lungo termine sul proprio corpo, sul sistema polmonare, cardiovascolare e nervoso, nonché effetti psicologici”.

In esso, cita un’indagine in cui si afferma che sono stati descritti più di 40 sintomi e segni: “L’80% dei pazienti ha mostrato almeno un sintomo, che potrebbe essere: affaticamento (58%), mal di testa (44%), vigilanza (27%) , Alopecia areata (25%), mancanza di respiro (25%), età avanzata (23%), perdita dell’olfatto (21%), artralgia e tosse (19%)”, tra i sintomi descritti da Lopez Leon in “Effetti di Más de 50″ da COVID-19.”

Gli effetti possono verificarsi indipendentemente dalla gravità iniziale dell’infezione, ha detto Juarez, e si verificano “più frequentemente nelle donne, nelle persone di mezza età e nei pazienti che hanno mostrato un numero maggiore di sintomi quando si sono ammalati”.

Il trattamento da applicare ai pazienti con COVID-19 persistente è determinato sulla base di valutazioni pertinenti con specialisti dei servizi di chinesiologia, psicologia e nutrizione, nonché studi complementari come radiologia, elettrocardiografia, spirometria o laboratori. “Il più delle volte, la dispnea (dispnea) viene risolta attraverso la chinesiologia, i sintomi possono scomparire con un trattamento in cui la respirazione viene rieducata”, ha detto il medico. Ha aggiunto: “Anche l’accompagnamento psicologico è molto importante, perché l’isolamento e altre situazioni imposte dalla malattia generano un grande carico psicologico”.

Altri sintomi che possono persistere sono la diminuzione dell’olfatto e del gusto (perdita dell’olfatto e dell’età), ha spiegato Juarez, che l’assistenza sanitaria di base “affronta con tecniche diverse in modo che il paziente possa rieducare i sensi dell’olfatto e del gusto”.

READ  Restrizione calorica: come una dieta basata su questo principio influisce sul metabolismo e sull'immunità

Da parte sua, Marcella Wehr, responsabile del Programma di assistenza sanitaria di base, ha precisato che “il lavoro è determinato in base alle esigenze del paziente e le cure vengono create e attuate con professionisti della salute pubblica”.

Editoriale / NTV