Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come il Qatar trasforma la sua ricchezza in influenza politica | mondo | Dott..

Le migliori riviste si sono occupate del glamour dell’evento: una mostra con protagonista il marchio italiano Valentino, di proprietà del Qatar Investment Fund Mayhoola, a cui ha partecipato Naomi Campbell in occasione dell’inaugurazione. Il modello è venuto al lancio Beccucciuna nuova moda di beneficenza che mira a incoraggiare i giovani designer dei paesi emergenti, in concomitanza con un’iniziativa artistica chiamata Il Qatar produce.

All’inizio si diceva Beccucci Era una propaggine dell’ente di beneficenza britannico di Campbell, Fashion For Relief, che ora è sotto inchiesta da parte della British Charities Commission per presunta cattiva gestione e cattiva condotta. Una delle accuse è Fashion for Relief Aveva speso molti dei soldi guadagnati, circa 1,6 milioni di sterline (circa 1,86 milioni di euro o 1,98 milioni di dollari) in eventi glamour nel 2019, ma ne ha donati solo circa 205.000 sterline (circa 238.000 euro o 254.000 dollari). per cause benefiche. La Charity Commission britannica ha detto a DW di aver nominato direttori ad interim per Fashion For Relief, e quei direttori, avvocati con sede nel Regno Unito, hanno affermato che non vi era alcun collegamento tra le due organizzazioni.

attività legittime

Sebbene questo tipo di connessioni tra il Qatar e celebrità come Campbell sia legittimo, è certamente un altro esempio di come il Qatar, ospite della Coppa del Mondo 2022, stia utilizzando le sue vaste risorse finanziarie per lucidare la sua immagine internazionale. Un altro esempio è l’acquisto della squadra di calcio francese Paris Saint-Germain, attraverso vari fondi di investimento. Il Qatar possiede anche i grandi magazzini Harrods a Londra e la catena francese di grandi magazzini Printemps, diversi hotel di lusso a Londra tra cui il Ritz e il Claridge’s, e i marchi francesi di abbigliamento di lusso Balmain e Bal Zileri, originari dell’Italia.

READ  Il sistema finanziario globale sta affrontando un attacco informatico simulato

Alcuni rapporti affermano che anche la famiglia reale del Qatar spende circa 1 miliardo di dollari all’anno in opere d’arte. Il paese ha attirato l’attenzione e lodi per aver commissionato opere d’arte ed edifici pubblici ad alcuni degli artisti e architetti più famosi del mondo.

Investimenti meno impressionanti includono azioni del Qatar in Siemens, Volkswagen, Porsche e Deutsche Bank in Germania, nonché partecipazioni nell’aeroporto di Heathrow, Barclays Bank e nei supermercati Sainsbury’s nel Regno Unito.

“dispotismo illuminato”

Il Qatar è diventato uno dei paesi più ricchi dopo la scoperta del gas naturale negli anni ’70 e l’emirato, governato dalla famiglia Al Thani, vanta uno dei redditi pro capite più alti al mondo. Nel 2021, la Banca mondiale lo registra a circa $ 61.300 per Qatar, un importo superiore a molti paesi europei, tra cui Germania e Francia. Gli esperti sottolineano che non esiste una vera separazione tra gli interessi dello Stato e quelli della famiglia regnante. Lo stato è spesso descritto come uno “rentier state”, in cui lo stato genera entrate, o “rendita”, che poi distribuisce ai suoi cittadini. A quasi tutti è garantito un lavoro e i cittadini del Qatar ricevono gratuitamente elettricità, acqua e istruzione. Inoltre, la famiglia reale tende a distribuire denaro e potere, seguendo le regole di un sistema consolidato e una rete di legami ereditari e tribali.

Anche se il Qatar ha un’economia liberalizzata e ha una costituzione, non c’è una vera opposizione o elezioni eque e la libertà di espressione è limitata.

L’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad Al Thani, tiene un discorso all’inizio della Coppa del Mondo.

Il Previsione dei rischi di corruzioneun sistema che è stato sviluppato da varie istituzioni accademiche e descrive il Qatar come un paese con “un modello di buon governo basato su un dispotismo illuminato”.

READ  Il discorso di Alberto Fernandez ai governatori degli Stati indurisce la posizione degli Stati Uniti e tolta la possibilità di un accordo con il Fondo monetario internazionale

Impatto = sicurezza

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che il Qatar – un piccolo paese ricco di risorse inserito tra grandi vicini come l’Arabia Saudita e l’Iran ma privo di potenza militare – ha bisogno di migliorare la sua posizione e le sue relazioni a livello globale. Ciò equivale a ottenere un’assicurazione in caso di attacco.

Inoltre, diversificare gli investimenti ha senso dal punto di vista economico, poiché i principali acquirenti di petrolio e gas nel Golfo Persico si preparano a passare a fonti energetiche più rispettose dell’ambiente.

La critica nel caso del Qatar è che la maggior parte dei suoi investimenti sono opachi perché i decisori non sono soggetti a responsabilità pubblica. Inoltre, le accuse relative al recente scandalo di corruzione al Parlamento europeo hanno fatto luce sulla complessa rete di operazioni di influenza del Qatar.

(ers/cp)