Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come appaiono gli ammassi stellari più antichi dell’universo, secondo il telescopio Webb

La prima immagine a colori del telescopio spaziale James Webb della NASA, uno strumento rivoluzionario progettato per osservare l’universo fino all’alba dell’universo, mostra l’ammasso di galassie SMACS 0723, noto come il primo campo profondo di Webb (NASA, ESA, CSA, STScI , Webb ERO Production Team/bollettino via REUTERS)

Qualche mese fa era forte e fresca Telescopio spaziale James Webb (JWST, per il suo acronimo inglese), ha sbalordito il mondo con le sue prime immagini. ma il Scienziati di astronomia Non solo rimasero lì ad osservarli, ma da quel momento in poi iniziarono a studiare a fondo ciò che stavano vedendo.

E così analisi preliminare subordinare La prima immagine Da campo profondo Che è stato preso alcuni mesi fa da JWST ha rivelato un file I gruppi calcistici più lontani e antichi Non scoperto nello spazio. Questi densi gruppi di milioni di stelle Potrebbe essere un residuo contenente le prime e le più antiche stelle dell’universo, secondo i ricercatori del Indagine imparziale del cluster canadese NIRISS (CANUCS) in Lettere del diario astrofisico.

Il compito è stato svolto da A Squadra di astronomi canadesicompresi gli esperti del Dunlap Institute for Astronomy and Astrophysics del College of Arts and Sciences dell’Università di Toronto, che hanno utilizzato il telescopio James Webb per determinare Gli ammassi globulari più distanti mai scoperti: densi gruppi di milioni di stelle Che potrebbero essere resti contenenti le stelle più antiche e più antiche dell’universo.

Il James Webb Telescope è l'osservatorio più avanzato nello spazio (Immagine: 20 min)
Il James Webb Telescope è l’osservatorio più avanzato nello spazio (Immagine: 20 min)

JWST è stato creato per trovare le prime stelle e galassie e per aiutarci a capire le origini della complessità dell’universo. Come elementi chimici e elementi costitutivi della vita“, È per spiegare Lamia Mola, ricercatore presso il Dunlap Institute for Astronomy and Astrophysics dell’Università di Toronto e co-autore principale dello studio. Ha aggiunto: “Questa scoperta nel First Deep Web Field fornisce già informazioni dettagliate sulla prima fase della formazione stellare, confermando l’incredibile potere di JWST”.

READ  PlayStation Plus Extra e Deluxe aggiungono più di 10 giochi gratuiti questo novembre

Nell’immagine finemente dettagliata del primo campo profondo di Webb, i ricercatori si sono concentrati su ciò che hanno chiamato “Galassia scintillante (illuminata)”, che dista 9 miliardi di anni luce; Prende il nome dagli oggetti compatti che appaiono come piccoli punti gialli e rossi che li circondano, che i ricercatori chiamano “lampi”. Il team presumeva che questi potessero essere piccoli gruppi Le stelle si stanno attivamente formando, nate tre miliardi di anni dopo il Big Bang al culmine della formazione stellare, o antichi ammassi globulari. Perché questi ultimi sono antichi ammassi di stelle dall’infanzia a una galassia Contiene indizi sulle prime fasi della sua formazione e crescita.

Da un’analisi iniziale di 12 di questi corpi compatti, i ricercatori hanno determinato che cinque di essi non sono solo ammassi globulari, Ma sono tra i più antichi conosciuti.

Immagine composita delle scogliere cosmiche nella nebulosa Carina, creata utilizzando i dati degli strumenti NIRCam e MIRI sul telescopio spaziale James Webb della NASA (REUTERS)
Immagine composita delle scogliere cosmiche nella nebulosa Carina, creata utilizzando i dati degli strumenti NIRCam e MIRI sul telescopio spaziale James Webb della NASA (REUTERS)

Guarda le prime foto di JWST e Scopri antichi ammassi globulari attorno a galassie lontane È stato un momento incredibile, qualcosa che non era possibile con le immagini precedenti del telescopio spaziale Hubble. Kartheik G. IyerD., ricercatore presso il Dunlap Institute for Astronomy and Astrophysics dell’Università di Toronto e coautore senior dello studio. “Poiché siamo stati in grado di osservare i lampi su una gamma di lunghezze d’onda, Siamo stati in grado di progettarlo e comprenderne meglio le proprietà fisiche, come la sua età e il numero di stelle che contiene. Si spera che sapere che gli ammassi globulari possono essere osservati da così grandi distanze utilizzando JWST porterà a ulteriori ricerche e alla ricerca di oggetti simili. “

READ  6 giochi gratuiti per PC, PlayStation e Xbox per evitare il caldo e riposare durante il Summer Games Festival

La Via Lattea contiene circa 150 ammassi globulari. Non si sa esattamente come e quando si sia formato. Gli astronomi sanno che gli ammassi globulari possono essere molto antichi, ma la loro età è estremamente difficile da misurare. Uso di ammassi globulari troppo lontano L’età delle prime stelle nelle galassie lontane non è stata determinata prima ed è possibile solo con JWST.

Questi ammassi appena identificati si sono formati quasi per la prima volta che si sarebbero potute formare stelle.. Poiché la Galassia Sparkler è così lontana dalla nostra Via Lattea, è più facile determinare l’età dei suoi ammassi globulari. Guardiamo Sparkler com’era nove miliardi di anni fa, Quando l’universo aveva solo 4,5 miliardi di anni, Guardando qualcosa che è successo tanto tempo fa. Pensalo come indovinare l’età di una persona in base al suo aspetto: è facile distinguere tra un bambino di 5 e uno di 10 anni, ma è difficile distinguere tra un cinquantenne e un 55 anni, ha detto Mola.

Ci sono voluti 20 anni per costruire il telescopio spaziale (NASA/Chris Gunn/Handout via REUTERS)
Ci sono voluti 20 anni per costruire il telescopio spaziale (NASA/Chris Gunn/Handout via REUTERS)

Finora, gli astronomi non sono stati in grado di vedere gli oggetti compatti che circondano la galassia Sparkler utilizzando il telescopio spaziale Hubble (HST). Questo è cambiato con una maggiore precisione e sensibilità JWST rivela per la prima volta piccoli punti che circondano la galassia, Nel primo campo immagine di un web. La galassia Sparkler è speciale perché è ingrandita di un fattore 100 a causa di un effetto chiamato lente gravitazionale, in cui l’ammasso di galassie in primo piano SMACS 0723 distorce ciò che si trova dietro, come una gigantesca lente d’ingrandimento.

READ  WhatsApp Plus 2022 | notizie | Scarica APK | Scarica | Applicazioni | Come installare | nda | nnni | GIOCO SPORTIVO

Inoltre, le lenti gravitazionali producono tre immagini sparkler separate, consentendo agli astronomi di studiare la galassia in modo più dettagliato. “Il nostro studio mette in evidenza l’enorme potere di combinare le capacità uniche del JWST con l’ingrandimento naturale fornito da una lente gravitazionale”, afferma il Team Leader di CANUCS, Chris Willott, dal Centro di ricerca Herzberg per l’astronomia e l’astrofisica del Consiglio nazionale delle ricerche. “Il team è entusiasta di ulteriori scoperte in arrivo mentre JWST metterà gli occhi sugli ammassi di galassie CANUCS il prossimo mese”.

Continuare a leggere: