Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Circa 15.000 PMI sono a un passo dalla chiusura

Sembra che l’impatto della pandemia sulle PMI spagnole rimanga significativo, con un’elevata concentrazione in quei settori più dipendenti dalla situazione sanitaria e dai potenziali vincoli che ne derivano. È il caso del turismo, che di fronte a una ripresa più lenta del previsto e con contagi in aumento in Europa di giorno in giorno, sono appese a un filo circa 15.000 piccole e medie imprese di questo settore.

E il suo impatto non si limita alla situazione derivata dall’epidemia. L’aumento dei prezzi delle materie prime – vitali per la crescita del suo business – combinato con l’aumento del costo dell’energia elettrica sta avendo un impatto negativo su un settore che sta ancora stentando a riprendersi. Una situazione più pericolosa nel caso delle piccole imprese che non hanno il cuscino economico per affrontare più avversità.

Per le aziende che operano nel settore turistico spagnolo, affrontare queste spese è molto più complicato rispetto alle controparti europee: nonostante l’aumento dei prezzi dell’elettricità e delle materie prime sia stato maggiore rispetto ad altre regioni, gli hotel e i ristoranti del nostro Paese sono meno colpiti Con questi aumenti dei prezzi finali, che aumenta i loro costi fissi molto più di altri paesi come Italia NS Germania.

Spagna È il paese con il più alto tasso di crescita annuale dei prezzi dell’elettricità, rispetto ai quattro paesi più visitati dell’Unione Europea –Francia, Italia e Germania-. L’aumento dell’energia elettrica è ulteriormente esacerbato dal fatto che il nostro Paese registra il secondo aumento dell’inflazione nei prodotti alimentari. A ciò si deve aggiungere l’aumento dei costi del personale – come l’aumento del Stipendio professionale minimo (SMI)– che rappresenta il 35% dei costi sostenuti dalle istituzioni.

READ  L'economia conferma che AMLO può abrogare l'ordinanza automobilistica per le auto "cioccolato"

Tuttavia, sebbene a IPC Che ha colpito completamente il settore turistico, gli hotel e i ristoranti spagnoli hanno avuto il minor impatto sui consumatori, con un’inflazione dei prezzi ben al di sotto Germania NS Italia. Lo Stato tedesco ha aumentato i prezzi dei servizi nel settore turistico di 3,4 punti percentuali, e in Italia l’aumento è stato di oltre 2 punti percentuali.

Paura di nuove restrizioni

Il settore dell’ospitalità Ha sofferto molto nell’ultimo anno e mezzo a causa delle conseguenze Restrizioni e limitazioni In termini di mobilità e capacità imposte con l’obiettivo di contenere la pandemia del Corona virus. In questo modo, e visto il lieve aumento dei casi registrati nelle ultime due settimane, il sindacato dei datori di lavoro di settore “ha chiesto che Non ci sono nuove restrizioni imposte al settore”.

Va tenuto presente che bar e ristoranti hanno dovuto sopportare durante i mesi dell’epidemia che sono stati criminalizzati – in molti casi dagli stabilimenti – e accusati di essere una delle principali fonti di infezione. Tuttavia, hanno dimostrato dal settore che la loro intenzione è sempre stata quella di creare ambienti sicuri e attuali sono riuscito a recuperare il 90% delle loro vendite annuali rispetto ai livelli pre-pandemia e hanno gli occhi puntati sulla campagna natalizia.

Questa petizione nasce in risposta a decisioni prese da alcuni Paesi europei nelle ultime ore, come il caso di Austria, dove l’attività di alcuni settori è limitata, così come l’interazione di gruppi di popolazione che non sono attualmente vaccinati. In questo modo bar e ristoranti guardano con speranza ai prossimi mesi con l’obiettivo di ripristinare il reddito che – a seguito delle restrizioni e delle restrizioni imposte per contenere la diffusione del Covid – Hanno fatto crollare i loro conti Numeri che non si registravano da decenni.

READ  Enriquez-Ominami nel dibattito presidenziale: "Il Cile ha un'economia più sana delle famiglie"