Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cinquanta donne hanno manifestato in Afghanistan per rivendicare i propri diritti – Tellam

In un evento senza precedenti in Afghanistan, le donne hanno corso per i loro diritti

Decine di donne hanno protestato in Afghanistan per rivendicare il diritto di lavorare secondo il nuovo sistema istituito dai talebani.

La protesta si è sviluppata quando gli islamisti, che avevano promesso un’amministrazione più flessibile di quella imposta durante la loro precedente amministrazione (1996-2001), hanno cercato di formare un governo che già si aspettavano “che potrebbe non avere donne”.

“Ci sono colloqui per formare il governo, ma (i talebani) non parlano della partecipazione delle donne”.

L’intuizione di Taheri

Enayat al-Haq Yasini, il numero due dell’ufficio dei talebani a Doha, ha detto alla BBC che le donne “hanno il diritto di essere” nel governo negoziato, anche se ha lasciato intendere che la loro presenza potrebbe essere un testamento.

In questo senso, ha ammesso che “potrebbero” non esserci “donne” “soprattutto in posizioni chiave”, cioè che i ministeri sarebbero guidati solo da uomini, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Europe Press.

Durante il loro mandato al potere tra il 1996 e il 2001, caratterizzato dalla rigorosa applicazione della legge islamica, le donne sono scomparse dallo spazio pubblico afghano.

Nella città di Herat, capitale cosmopolita dell’Afghanistan occidentale, cinquanta donne hanno manifestato per rivendicare il diritto al lavoro e per chiedere la partecipazione al nuovo esecutivo.

Le donne non vogliono essere escluse dalle decisioni del governo, cosa a cui i talebani non vorranno rinunciare.

“È nostro dovere avere educazione, lavoro e sicurezza”I manifestanti hanno cantato all’unisono. “Non abbiamo paura, siamo uniti”hanno aggiunto.

“Ci sono colloqui per formare un governo, ma (i talebani) non stanno parlando della partecipazione delle donne”, ha detto Basira Taheri, uno degli organizzatori della protesta, secondo quanto riportato dall’AFP.

READ  Vertice decisivo in Ucraina: in piena tensione, Stati Uniti e Russia cercano di "calmare i sentimenti" e negozieranno di nuovo la prossima settimana

“Vogliamo che i talebani accettino di parlare con noi”., somma.

I manifestanti, tra cui attivisti, studenti universitari e dipendenti, hanno esposto striscioni affermando che “non c’è governo sostenibile senza donne”, secondo le immagini trasmesse da media come Tolo News o Gama Agency.

I talebani dovranno trovare i soldi per pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici e mantenere infrastrutture critiche come acqua, elettricità e comunicazioni.  Foto: AFP

I talebani dovranno trovare i soldi per pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici e mantenere infrastrutture critiche come acqua, elettricità e comunicazioni. Foto: AFP

Questo tipo di dimostrazione o espressione pubblica di malcontento è qualcosa di inaudito per i talebani, che hanno spietatamente soppresso qualsiasi dissenso durante il loro precedente governo.

Dei 122.000 afgani e stranieri fuggiti dall’Afghanistan nelle ultime settimane grazie alle evacuazioni organizzate dagli occidentali, è stata la prima giornalista afghana a intervistare in diretta televisiva un funzionario talebano.

Bishta Arghand, giornalista della rete privata afghana Tolo News, è stata costretta a fuggire in Qatar, temendo per la sua vita, quando gli islamisti hanno preso il potere.

“Voglio dire alla comunità internazionale: per favore fate qualcosa per le donne afghane”, annuncia.

Nuove sfide del governo

D’altra parte, il nuovo governo afghano dovrà affrontare un compito formidabile: ricostruire un’economia devastata da due decenni di guerra e dipendente dagli aiuti internazionali, che si è in gran parte congelata dopo la presa del potere da parte dei talebani.

Per le strade di Kabul, questa è una grande preoccupazione. “Con l’arrivo dei talebani si può dire che la sicurezza c’è, ma il lavoro è sotto zero”.Secondo Karim Jan, un rivenditore di elettronica.

I talebani devono trovare urgentemente fondi per pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici e mantenere in funzione infrastrutture critiche come acqua, elettricità e comunicazioni.

READ  La dolce ironia di Hillary Clinton che viene punita dal Cremlino

Una delle loro priorità sarà quella di gestire l’aeroporto di Kabul, essenziale per il sostegno medico e umanitario di cui il Paese ha bisogno.

Il ministro degli Esteri del Qatar, Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani, ha dichiarato oggi che il suo governo sta negoziando con i talebani per riaprire l’aeroporto di Kabul “il prima possibile”, anche se finora “nessun accordo” è stato raggiunto al riguardo.