Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cile: Borek ha chiesto spiegazioni sull’uccisione dell’ecologa Javiera Rojas | Il candidato di sinistra e le organizzazioni sociali chiedono giustizia

dietro il Femminicidio dell’ecologa Javiera Rojas nella regione cilena di Antofagasta, Le organizzazioni femministe e la difesa ambientale chiedono giustizia per Rojas. Allo stesso tempo, Il candidato di sinistra, Gabriel Borek, ha chiesto che i fatti vengano chiariti al più presto. “È essenziale proteggere i difensori dell’ambiente dallo stato e lavorare per prevenire intimidazioni, molestie e abusi nei confronti di coloro che combattono per l’ambiente”, ha scritto il candidato all’approvazione della dignità.

“La violenza è permanente”

Il CF8M Comitato Sociale e Ambientale, di cui Rojas faceva parte, ha osservato che “il contesto confuso fin qui descritto non consente di affermare ancora che sia dovuto alla sua capacità di avvocato; tuttavia, possiamo affermare che è inquadrato nel contesto del genere- violenza basata che viola le donne ogni giorno”.

“La violenza è sempre in quelle regioni che si sacrificano per il bene delle donne, e può arrivare a casi orribili come quelli vissuti dal nostro partner, dimostrando così la dura alleanza che esiste tra estrattivismo e patriarcato. Per questo non ci fermeremo finché giustizia è servita a Javiera Rojas», conclude il comunicato diffuso dall’organizzazione Feminist and Environmental.

Il corpo di Rojas è stato trovato domenica scorsa in una casa abbandonata. Questa settimana, la polizia investigativa (PDI) ha arrestato due sospetti e il tribunale di garanzia di Antofagasta ha emesso la custodia cautelare per i due uomini.
Da parte sua, Il candidato presidenziale Gabriel Borek ha chiesto chiarimenti sui fatti e “Determinazione delle sanzioni penali corrispondenti”. “È necessario proteggere i difensori ambientali dallo Stato e lavorare per prevenire intimidazioni, molestie e aggressioni a coloro che combattono per l’ambiente”Lo ha detto su Twitter il candidato di sinistra.

“All’interno di una democrazia piena è perseguitato”

Nel frattempo, i rappresentanti Catalina Perez e Marcela Sandoval, presidente della commissione per l’ambiente della Camera, hanno chiesto all’Istituto nazionale per i diritti umani di partecipare alle indagini dell’ufficio del procuratore generale. Da parte sua, la fondatrice Barbara Sepúlveda ha fatto riferimento a Rojas alla sessione della Convenzione costituzionale ed ha espresso il suo rammarico per questo. “In una democrazia piena, gli ambientalisti sono perseguitati, molestati, molestati e uccisi”.Lo riporta il quotidiano il contatore.

“In Cile è molto pericoloso difendere l’ambiente. In un’intera democrazia è oppresso, Molestie, molestie e uccisioni di donne ambientaliste. Molti di questi omicidi li fanno sembrare suicidi”. Sepulveda ha aggiunto di ricordare in questo senso che “Nel 2016 hanno ucciso Macarena Valdés Per difendere l’acqua, il 2013 hanno ucciso Nicholas Quintreman, Opposizione alla fabbrica Ralco di Endesa a Biobío. Il 2019 hanno ucciso Marcelo Vega Cortes, Celulosa Arauco avversario.

READ  Estate a Punta del Este: passo dopo passo, tutto quello che c'è da sapere per attraversare il confine

Le mie condoglianze ai suoi colleghi, familiari e amici. Sebbene nulla possa darti conforto in questo momento, voglio solo dire rispettosamente che la lotta di Javiera si riverbera e si amplifica in questo accordo fondatore. In suo nome, stabiliremo una costituzione ecologica e sanciremo il diritto umano all’acquaComponente aggiunto.

Il Jasna Provosti ., ex senatrice e candidata presidenziale di centrosinistraHa detto che la morte dell’attivista “deve essere indagata a fondo e rapidamente”.“Il tuo caso non può rimanere impunito.”Democrazia Cristiana confermata

secondo Testimone globale delle ONGe L’America Latina è la regione più pericolosa per gli ambientalisti con 148 omicidi su 212 commessi nel 2019. L’ONG Fundación Glaciares Chilenos ha osservato: “L’omicidio di Gavira Rojas mostra quanto sia pericoloso essere un ambientalista in America Latina. Niente più ambientalisti morti!”