Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Christine Lagarde avverte che i rischi di recessione sono “aumentati” e non esclude ulteriori aumenti dei tassi di interesse

Il rischio di recessione è aumentato“, è il terribile monito di Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, oggi. Secondo la politica, in un contesto di incertezza come l’attuale situazione, “è improbabile che Recessione Ridurre significativamente il tasso inflazioneAlmeno nel breve periodo”.

La Banca centrale europea restringe la politica monetaria

Per affrontare i problemi economici della zona euro, l’entità tiene sul tavolo una nuova possibilità aumentare il tasso di interesse. Il fatto è che l’inflazione continua al suo massimo, con un aumento dei prezzi 10,6% in ottobre.

In questo senso, l’attuale governatore della Banca d’Italia ha spiegato alcune delle attese deluse nell’Unione Europea: “La necessità di continuare a rigida politica monetaria Ovviamente, anche se aumentano i motivi per un approccio meno aggressivo”, ha sottolineato Ignazio Fiesco.

Sulla stessa linea, il suo omologo spagnolo, Pablo Hernandez de Cos, si è reso conto che la BCE deve ora considerare la possibilità di una recessione. “Dato l’elevato livello di incertezza sulle prospettive di crescita e inflazione, il livello specifico che i tassi di interesse potrebbero dover raggiungere per allinearsi a questo obiettivo è Incertopoiché sarà interamente dipendente dai dati e Si può cambiare col tempo.”

Il 15 dicembre i membri del consiglio direttivo della Bce decideranno se attuare questa misura o, al contrario, rallentare il tasso monetario. Prima di questo incontro, saprai quali indicatori di inflazione saranno “rilevanti” per la decisione finale.

La Spagna crescerà del 4,4%

Lo ha confermato il capo del governo, Pedro Sanchez La Spagna crescerà di oltre il 4% nel 2023“Crescerà del 4,4% e la zona euro crescerà di poco più del 3%”, ha affermato. A questo proposito, l’Amministratore Delegato ha spiegato che ciò è dovuto a tre ragioni: lo sviluppo dell’occupazione, l’aumento dei contratti a tempo indeterminato, i dati della produzione industriale e la crescita delle esportazioni di materie prime.

READ  Elezioni anticipate in Italia. Quando e chi sono i candidati?