Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Christian Eriksen sogna di rischiare la vita | Gli sport

Christian Eriksen ha messo ancora una volta il suo cuore in gioco. Armato di un defibrillatore cardiovascolare impiantabile come chiunque si aggrappi a un dispositivo salvavita, la stella del calcio danese di 29 anni è colpita dall’idea di tornare in competizione e sembra intenzionato a dimenticare che il 12 giugno è stato tenuto clinicamente morto sull’erba di Barkin a Copenhagen dopo aver subito un attacco di cuore mentre giocava in Danimarca e Finlandia nel Campionato europeo di calcio.

Ci sono voluti cinque minuti prima che i paramedici lo rianimassero mentre giaceva inerme di fronte alla folla terrorizzata. Questo giovedì, dopo sei mesi di svenimento, Eriksen ha riferito che si sta allenando nel campo di OdenseIl club dove ha iniziato la sua carriera giovanile. Il primo messaggio pubblico della grande stella del calcio danese indica la direzione che i suoi dintorni puntano da settimane. Vuole firmare per un club che gli permetterà di riprendere la sua carriera professionistica. Questa impresa ha scatenato un intenso dibattito medico e legale che ha messo i cardiologi al centro della scena.

“Anche se ci addolora dirlo, Eriksen non è una persona sana”, afferma Araceli Poraita, MD, capo del servizio di cardiologia presso il Center for Sports Medicine, un integratore CSD. “È malato. Nessuno ha avuto una morte improvvisa ed è stato abbastanza fortunato da averlo vivo. Riportare te stesso allo sfinimento, la scarica di adrenalina, l’emozione intensa, porteranno a un’ondata di adrenalina che ti metterà in pericolo. “

Anche se ci addolora dirlo, Eriksen non è una persona sana. Nessuno muore improvvisa ed ha avuto la fortuna di essere rianimato

Araceli Poraita, primario di cardiologia presso il Centro di Medicina dello Sport, annesso al Centro CSD

Da allora Eriksen non ha parlato pubblicamente. I suoi amici insistono che ha intenzione di giocare a calcio ai massimi livelli e che l’Ajax è tra le destinazioni più credibili, visto che in Olanda non ci sono molte restrizioni mediche o legali per gli atleti che decidono di continuare a gareggiare con il defibrillatore. Quando gli è stato chiesto dall’agente del giocatore, Martin Schutts, non ha risposto. Anche i medici che lo hanno curato tacciono. Se c’era una diagnosi che spiegasse la causa dell’arresto cardiaco, chi lo ha visitato dopo l’incidente non l’ha rivelata. Ufficialmente, non c’è patologia.

READ  Arrabbiato con il bambino di otto anni che rompe da calciatore e lodato da Leo Messi: "Sei un genio".

“Non sappiamo davvero cosa sia successo a Eriksen”, afferma Enrico Castellacci, presidente dell’Associazione dei medici del club italiano di calcio. “Una cosa è certa: se gli mettono il pacemaker sottopelle il ragazzo rischia un’altra crisi”.

L’atteggiamento dei cardiologi italiani è stato fondamentale per l’Inter, il club che lo ha ingaggiato nel 2020, per informare Eriksen che non gli avrebbero permesso di competere sotto il loro scudo. In ricordo dei club di Serie A, e della morte del capitano della Fiorentina David Astori nel 2018, è stata pesante l’origine dell’inchiesta culminata nella condanna per negligenza del medico della squadra. “Dal punto di vista giuridico, l’Italia è diversa dagli altri Paesi”, afferma Castellacci. Qui la legge impone l’anti-scrutinio per il permesso dell’atleta di praticare sport. Il protocollo è rigoroso. Una volta superato il test, è il medico che è legalmente responsabile. Nel Nord Europa i test di idoneità non sono previsti legalmente, e talvolta il giocatore è responsabile di se stesso, il quale firma un documento che esonera il medico da responsabilità. Questo non è possibile in Italia. I medici qui ci pensano così tanto che spesso non rilasciano il certificato. Questo è quello che succede a Eriksen. Forse in Olanda o in Danimarca ti daranno la prova. In Italia non sono riuscito a prenderlo”.

“Un defibrillatore sottocutaneo in un gioco di contatto come un pallone da calcio è un’altra sconosciuta”, conclude Castellacci. “Un giocatore di football viene sempre preso a calci, calci, gomitate. Questo può danneggiare l’organo che hai sotto la pelle e quindi potrebbe non funzionare e non funzionerà come defibrillatore in caso di infarto”.

Un defibrillatore sottocutaneo in un gioco di contatto come un pallone da calcio è un altro sconosciuto. Un calciatore viene sempre preso a calci, calci o gomitate…

Enrico Castellucci, Presidente Associazione Medici Società Italiana Calcio

Araceli Poraita è altrettanto scettico: “Anche se pensa di avere un dispositivo che gli salverebbe la vita se avesse un’aritmia… potresti avere un’aritmia dopo l’altra e gli shock e gli shock del dispositivo, e potresti anche morire durante il trattamento La defibrillazione del dispositivo non è un meccanismo che esiste per tornare in gioco ma per proteggerti nella vita di tutti i giorni.

READ  Matthias Delgado vince il titolo mondiale MTB in Italia

Luis Serratosa, membro della Società Europea di Cardiologia e uno dei massimi esperti spagnoli di fisiologia cardiaca nel mondo del calcio, sottolinea che l’ultima generazione di defibrillatori dà speranza a Eriksen. “Dipende dal tipo di pacemaker”, osserva. “Oggi si trovano soluzioni. Si può mettere a destra, sotto l’ascella, in una zona meno esposta. E ci si può mettere i defibrillatori. Ma è vero che è ancora qualcosa che hai sul petto. Ci sono persone che maneggiano va bene e le persone che non lo fanno.

Serratosa ricorda che dal 2015 negli Stati Uniti i cardiologi sportivi hanno iniziato a pensare positivamente alla sicurezza dei defibrillatori impiantabili negli atleti, purché siano soddisfatte le condizioni minime. “Dobbiamo escludere che Eriksen avesse qualche malattia del muscolo cardiaco”, dice, “qualche malattia del muscolo cardiaco, come quella che aveva Antonio Puerta. Avrebbero dovuto fare i test di imaging. Veniva da Tottenham, dove è stato monitorato da Sanji. Sharma , uno dei massimi esperti mondiali di cardiologia sportiva. Se Sanji lo vedesse, non avrebbe nulla fino al 2020 quando ha firmato con l’Inter. Ciò potrebbe indicare che la causa dell’aritmia potrebbe essere qualcosa di molto nascosto e potrebbe causare una sorta di disturbo elettrico “.

“Se è una malattia elettrica, puoi mettergli un defibrillatore e possiamo discutere se può continuare a gareggiare. Ma non credo che in Spagna il medico sia chiaramente esente da responsabilità in caso di morte. Sebbene l’atleta lo firma

Luis Serratosa, fisiologo cardiaco con 20 anni di esperienza nel calcio

“Se si tratta di una malattia elettrica, puoi mettergli un defibrillatore e possiamo discutere se può continuare a competere”, afferma Seratosa. Ma non credo che in Spagna sia chiaro che il medico sia esonerato da responsabilità in caso di morte. Anche se l’atleta lo firma. Questo è comune negli Stati Uniti, e anche alcuni atleti che sono stati banditi dalle competizioni hanno citato in giudizio il medico, facendo appello alla costituzione. In Europa conosco casi di Daley Blind nell’Ajax e Anthony van Loo nel campionato belga, che hanno giocato con i defibrillatori. Fan Lew aveva un problema al cuore, e improvvisamente ha avuto un battito cardiaco irregolare, un defibrillatore lo ha scioccato, si è ritirato, si è riposato per un po’… e così ha continuato a giocare per diversi anni”.

READ  Buone notizie per Scaloni e la nazionale argentina

Lo sviluppo tecnologico sta lavorando a favore dell’audacia. Nel 2017, la Yale University ha pubblicato la prima parte di uno studio su 393 atleti che utilizzano un defibrillatore, la maggior parte dei quali concorrenti di campionati universitari. Il 30% aveva avuto una grave aritmia o defibrillazione prima del trapianto e il rapporto ha mostrato che tra il 2010 e il 2017 non si sono verificati decessi, fallimenti della defibrillazione o lesioni correlate all’aritmia. shock durante l’esercizio. “Ci sono stati 46 casi di atleti che hanno avuto un shock pacemaker durante la competizione o l’allenamento, 3% annuo”, afferma il rapporto. “Numero di shock registrati durante la competizione non erano superiori a quelli registrati durante altre attività”.

Rafael Ramos, presidente della Federazione spagnola dei medici delle squadre di calcio, sottolinea la questione economica: “Qui la responsabilità finale di qualsiasi situazione spetta ai lavoratori. In caso di recesso, paga solo il massimo che un lavoratore di calcio può ricevere, e non supera i 3.000 euro.”

“Quello che trovo difficile”, giudica Serratosa, “è che Eriksen trovi un club che voglia pagargli quello che chiede attraverso un’assicurazione regolare. Perché come si determina il rapporto di rischio?”

Christian Eriksen ha fatto i calcoli. Vuole essere lui a decidere quando lasciare il calcio anche se gli costa un altro coma.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook e Twitter, o registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.