Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chris Wright è un esempio da battere

È successo in Turchia, nel 2012, mentre si allenava con Olin Edirne: Chris Wright ha perso l’equilibrio mentre correva in pista, senza una ragione apparente, ed è rientrato negli spogliatoi. Poche ore dopo, la guardia ha perso la sensibilità alla mano e al braccio e il giorno successivo alla gamba destra. Poi sono suonati gli allarmi e l’americano ha consultato un medico. Gli è stata diagnosticata la sclerosi multipla.

“È una malattia infiammatoria che colpisce il sistema nervoso centrale, che è principalmente il cervello e il midollo spinale, nonché i nervi ottici”, spiega in dettaglio. Dr. Berta Sebastian, Neurologa nell’Unità di Sclerosi Multipla dell’Ospedale Miguel Servet, Chi spiega che questa patologia è caratterizzata dalla «comparsa di episodi di insufficienza neurologica, detti focolai», che possono manifestarsi «in molte parti del corpo e farlo, peraltro, in modi molto diversi».

“Il fallimento può provocare una perdita di forza in una parte del corpo; o un altro attacco, o una perdita di sensibilità, o una perdita della vista, o l’equilibrio è alterato…”, Il dottor Sebastian, che insiste sul fatto che, poiché si tratta di una malattia eterogenea, “non esistono due pazienti uguali, non esistono due sviluppi uguali”. Il medico avverte che “ci sono pazienti che hanno manifestazioni cliniche che hanno lasciato gravi cicatrici e quindi hanno lasciato sequele; mentre altri pazienti guariscono molto bene e non hanno più ulteriori convulsioni”, sottolineando che la maggior parte dei casi “viene diagnosticata in persone tra dai 20 ai 40 anni”. generale.

Sulla stessa linea, Sebastian afferma che la sclerosi multipla è una “malattia autoimmune”Perché attacca erroneamente la mielina nelle cellule nervose. “Il sistema immunitario stesso cambia e attacca le cellule che devono difenderci. Le terapie che abbiamo mirano a controllare quell’immunità alterata, per impedire ai pazienti di sviluppare nuove manifestazioni cliniche”.

READ  MLB su Sky Italia, Nike, linea Kobe, Beckha...

La sclerosi multipla è compatibile con lo sport d’élite? In questo senso, Sebastian afferma che “si stanno facendo molte ricerche ora”, e lo mette in evidenza “Negli ultimi 10 anni sono comparsi molti farmaci e ogni volta sono stati più efficaci e più comodi per i pazienti”che è “quasi completamente sotto controllo” della malattia.

Quando si tratta Sono riusciti a controllare quell’immunità Se cambia, il paziente può essere stabile a lungo e anche per il resto della sua vita”, insiste il medico, il quale osserva che in questi casi “si può fare qualsiasi tipo di lavoro”, compresi gli sport ad alta competizione e aggiunge: “In altri casi, soffre I pazienti hanno una crisi invalidante e devono smettere di lavorare”.

Sebastian spiega che a parte i farmaci, le persone con sclerosi multipla sono “sotto diversi controlli” e “echi ciclici” – è una malattia cronica – e sono raccomandati Esecuzione di esercizi fisiciInoltre, un integratore di vitamina D sano ed equilibrato.

Nel 2012, quando gli è stata diagnosticata la sclerosi multipla, Wright non ha ceduto alla frustrazione. Tornò negli Stati Uniti, superando tutte le avversità con forza, coraggio, integrità e determinazione. Ha completato la pre-stagione con i New Orleans Hornets, per poi unirsi all’Iowa Energy – una squadra della NBA Development League -. E a marzo 2013 ha esordito nella migliore competizione del pianeta, nelle file dei Dallas Mavericks.

Sabato prossimo prende il via la base in Endesa League, Con la maglia del Casademont Saragozza, avendo precedentemente gareggiato negli Stati Uniti, Porto Rico, Turchia, Polonia, Israele, Francia, Italia e Messico. Ha giocato playmaker con Olin Edirne (2011-2012), Iowa Energy (2012-2013), Dallas Mavericks (2013), Capitanes de Arecibo (2013), Asville Villeurbanne (2013-14), Iowa Energy (2014), Libertas Pesaro (2014-2015), Hapoel Holon (2015-2016), Pallacanestro Varese (2016), Auxilium Torino (2016-2017), Reggio Emilia (2017-2018), Pallacanestro Trieste (2018-2019), Pierniki Torunn (2019 – 2020), Avion Bladesport (2020-21) e Derthona Baskett (2021-2022). Una professione ampia, solida e degna; Una ricompensa per i loro sforzi e perseveranza. Un esempio di superamento.

READ  Walter Poe affronta di nuovo il Boca