Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chiavi della campagna estiva: ripresa in attesa dei turisti stranieri | mercati

La gravità della ripresa dell’economia spagnola nel resto dell’anno, così come quella dei suoi vicini dell’Europa meridionale, sarà misurata nelle prossime settimane dal numero di ombrelloni sulle spiagge. È arrivato il momento della verità per il settore turistico, che è senza dubbio uno dei settori più colpiti dalla pandemia e che ora attende con ansia la rimozione delle attuali restrizioni che consentono il previsto arrivo di turisti stranieri.

Il turismo domestico si è già risvegliato dalla prolungata lentezza del confinamento, ma il vero motore dei profitti di compagnie aeree, alberghi e ristoranti – e tutti i profitti che fanno per l’economia nel suo insieme – è il turismo internazionale, che è ancora molto grande. Troppo lontano dal tornare alla vita normale

L’attività turistica ha rappresentato appena il 5,5% del PIL spagnolo lo scorso anno, rispetto al 12,4% del 2019. Questo è stato il crollo del settore a causa della pandemia. Per quest’anno, le prospettive sono senza dubbio più promettenti e un impatto inevitabile di un ritorno all’attività. L’accelerazione della vaccinazione contro il coronavirus della popolazione è il motivo principale di ottimismo per l’inizio della campagna estiva, anche se sarà ancora molto più debole rispetto al 2019 e ci sono ancora forti dubbi.

La scoperta del vaccino a novembre è stata un catalizzatore per un rally del mercato azionario nel settore del turismo. Ma con il turismo internazionale che non riprende, molti valori stanno già mostrando una mancanza di incentivi per continuare la loro ascesa. Per molti investitori è tempo di raccogliere i frutti, in un settore che viene visto dal mercato come uno dei più in ritardo nel processo di ripresa economica e poco vantaggioso rispetto ad altri settori con una forte componente ciclica come le materie prime o le automobili . Le forti fluttuazioni del mercato azionario sono costanti anche nei prezzi dei valori turistici, fatta salva la notizia della tanto attesa ripresa del turismo mondiale.

READ  TCI chiede all'Italia di non fare pressioni su Atlantia affinché venda Autostrade

L’Unione Europea questa settimana ha aperto le porte ai turisti dagli Stati Uniti, ma non dal Regno Unito. L’alternativa indiana al coronavirus in questo paese ha portato a restrizioni sull’accesso dei turisti britannici a molti paesi. In cambio, questo paese ha posto nuove restrizioni ai viaggi all’estero dei suoi cittadini che hanno un forte impatto sull’industria alberghiera spagnola.

L’attività turistica rimarrà inferiore del 40% rispetto all’estate 2019. L’arrivo di turisti britannici è un fattore chiave per soddisfare le aspettative

Il Regno Unito ha deciso di prorogare tutte le restrizioni relative al coronavirus fino al 19 luglio, anche se venerdì stesso il primo ministro Boris Johnson era fiducioso di poterle revocare in quella data. Per ora, il Regno Unito sta tenendo la Spagna, insieme a Portogallo, Italia e Grecia, fuori dall’elenco dei paesi senza coronavirus per i viaggi.

In borsa, le decisioni dell’esecutivo britannico hanno avuto un costoso conto nei prezzi dei valori turistici spagnoli. Non a caso, la stragrande maggioranza dei turisti stranieri arrivati ​​in Spagna prima della pandemia erano britannici, il 26,6% del totale, seguiti dal 16,6% di tedeschi. Il peso del turismo britannico in Spagna si confronta con quello del turismo tedesco in Italia, rappresentando il 26,2% del turismo straniero, secondo i dati elaborati da Goldman Sachs. La banca statunitense spiega che “i Paesi del Sud Europa che hanno il maggior peso del turismo sul Pil sono anche i più dipendenti dal turismo internazionale”.

Per Goldman Sachs, nello scenario di riferimento per la relativa ripresa del turismo internazionale, questo settore dovrebbe contribuire di un punto alla crescita economica nel terzo trimestre nei paesi dell’Europa meridionale, Spagna compresa.

Alberto Fernandez, equity manager di Motoactivos, conferma di essere “relativamente ottimista sulla campagna turistica estiva, nella parte nazionale della campagna internazionale, dove ci sono ancora dei limiti”. L’esperto spiega che la ripresa dell’attività turistica si osserva più chiaramente nelle compagnie con un focus più locale, come le compagnie aeree low cost Wizair o Ryanair. Aggiunge che il potenziale della borsa per il settore turistico è ora nelle aziende di carattere internazionale, ovvero quelle che sono in attesa di aumentare la loro attività. “Gli hotel e le compagnie aeree più esposte al turismo internazionale hanno una valutazione più interessante. La ripresa di questo turismo internazionale è più lenta e il mercato non ha ancora valutato la sua ripresa”, Conferma.

READ  La comunità internazionale regala al Sudan un pallone di ossigeno del Mali

La maggior parte delle imprese locali recupera meglio ت

In paesi come la Spagna, le restrizioni all’arrivo dei turisti stranieri sono già scomparse, nonostante alcune misure di controllo. Il 7 giugno sono state riaperte le frontiere della Spagna a tutti i turisti vaccinati, ai viaggiatori extracomunitari provenienti da destinazioni sicure e alle navi da crociera di rientro dopo 15 mesi di inattività.

Il cosiddetto certificato di vaccinazione che verrà lanciato il 1° luglio sarà anche un importante impulso al turismo globale. È il meccanismo su cui i paesi dell’UE sono stati in grado di concordare per dimostrare che un turista in arrivo è sano, perché il coronavirus è passato, è stato vaccinato o perché la PCR è negativa. Fiducioso del successo di questa certificazione, il governo spagnolo prevede di recuperare in estate tra il 40% e il 50% dei 38 milioni di visitatori stranieri ricevuti dalla Spagna nell’alta stagione 2019.

E aggiungono da Mutuactivos: “L’attività turistica di quest’estate sarà ancora molto lontana dal 2019. Sarà inferiore del 30%-40% in termini di benefici, occupazione alberghiera e traffico aereo” di Gesconsult, responsabile degli investimenti Gonzalo Sánchez, insiste Il rilancio del turismo britannico sarà la chiave della stagione estiva E mantiene la sua scommessa di investimento in IAG, da cui si distingue in una posizione più solida rispetto ad altre compagnie aeree internazionali.

Anche IAG è nel portafoglio Mutuactivos, che apprezza la qualità del suo bilancio e il potenziale per rivitalizzare il turismo internazionale. In Trea Asset Management sono fiduciosi che la campagna estiva sarà positiva per il settore, anche se hanno già ammortizzato l’investimento in IAG, da cui erano partiti due mesi fa. “Il vaccino sta già avendo un effetto psicologico sulle persone e sul turismo. E questo effetto psicologico comincia a farsi sentire nelle economie avanzate”, spiega Xavier Brun.

READ  Le esportazioni di Valencia si avvicinano al livello pre-pandemia fino a giugno

Oltre a come le aziende turistiche stanno beneficiando di questa campagna estiva e di un graduale ritorno alla vita normale, l’investimento a lungo termine in compagnie aeree e hotel significherà anche misurare le cicatrici che la pandemia lascerà sulle loro attività.

L’intrattenimento tornerà dopo il Corona virus, ma ci sono dubbi su come sarà, ad esempio, il turismo d’affari in futuro, dopo mesi di lavoro a distanza, o su come le compagnie aeree si adatteranno a un mondo profondamente impegnato nelle energie non inquinanti. sarà. Per ora, la crisi ha colpito compagnie e compagnie aeree già sofferenti come Lufthansa o Air France, che hanno richiesto un’infusione di aiuti pubblici.

In Trea, il portafoglio alternativo di IAG, una volta raccolti i profitti del recupero, non è con un’altra compagnia aerea, ma con produttori di aeromobili o componenti, come Airbus o il produttore di motori tedesco MTU Aero. “La flotta di aeromobili è diventata obsoleta nell’ultimo anno e molti di loro non hanno volato. Le compagnie aeree con i maggiori vantaggi saranno quelle con gli aeromobili più nuovi ed efficienti”. Secondo Oliver Wyman, la flotta di aerei aumenterà in dieci anni dagli oltre 23.000 di oggi a 36.500. Un aumento che andrà a beneficio dei produttori e prometterà turismo e viaggi internazionali nel lungo periodo.