Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi sono i membri e quanto è pericoloso il ramo afghano dello Stato Islamico

È il gruppo jihadista più radicale e violento che opera in Afghanistan.Secondo l’esperto di sicurezza Frank Gardner, citando il British Public Service della BBC.

La milizia recluta afgani e pakistani, e tra i suoi ranghi ci sono molti disertori talebani afgani disillusi nella milizia, che accusano di aver abbandonato la jihad (“jihad”) e il campo di battaglia a favore di un accordo di pace con gli Stati Uniti. Negoziato in “Hotel di lusso” a Doha, Qatar, 2020.

Fonti dell’intelligence britannica e statunitense incolpano il gruppo di alcune delle peggiori atrocità avvenute in Afghanistan negli ultimi anni, inclusi attacchi a scuole femminili, ospedali e persino a un reparto maternità dove sono state uccise donne incinte e infermiere.

A differenza dei talebani, i cui interessi sono confinati in Afghanistan, ISIS-K fa parte della rete fondamentalista globale che cerca di sferrare attacchi contro obiettivi occidentali, internazionali e umanitari ovunque venga colpito.

Sebbene entrambi siano militanti islamici sunniti, sono rivali e differiscono nei dettagli sulla religione e sulla strategia, oltre a essere visti come la vera bandiera della jihad.

In alcune dichiarazioni, come segno inequivocabile della loro ostilità, lo Stato Islamico chiama i talebani “apostati”, reato punibile con la morte.

In Afghanistan, l’ISIS-K ha affrontato la repressione dei talebani contro i suoi oppositori e non è stato in grado di espandere il proprio territorio, come ha fatto l’organizzazione in Iraq e Siria.

La compagnia afghana prende il nome dalla provincia di Khorasan, il nome storico della regione che nel Medioevo copriva gran parte dell’Afghanistan, dell’Iran e dell’Asia centrale.

Si basa anche su molti quadri del Movimento islamico dell’Uzbekistan, una divisione di combattenti iraniani. e membri del Partito islamico del Turkestan, composto da uiguri della Cina nordoccidentale.

READ  Pinera è rimasto solo con le sue critiche a Bachelet | Il ministero degli Esteri cileno ha affermato che "non ci sono stati difetti" nell'espressione dell'ex presidente della sua preferenza elettorale

Molti di loro sono attratti dal radicalismo e dalla violenza dello Stato Islamico, così come dalle promesse di stabilire un califfato per unire il mondo musulmano, un obiettivo né proclamato né sposato dai talebani.

Il comando centrale dell’ISIS ha ufficialmente riconosciuto l’ISIS nel Khorasan un anno dopo che l’organizzazione ha aperto un negozio nel nord-est dell’Afghanistan, nelle province di Kunar, Nangarhar e Nuristan.

Ha anche stabilito cellule in altre parti del Pakistan e dell’Afghanistan, inclusa Kabul, secondo le Nazioni Unite.

Le ultime stime sulla dimensione della sua forza vanno da diverse migliaia di combattenti attivi a 500, secondo un rapporto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite pubblicato a luglio.

Il gruppo attacca anche i musulmani che considera apostati o eretici, in particolare gli sciiti.

E nell’agosto 2019 ha rivendicato un attacco a questo ramo dell’Islam durante una festa di matrimonio a Kabul, in cui sono state uccise 91 persone.

Nelle province in cui si è stabilito, la sua presenza ha lasciato tracce profonde dopo aver sparato e decapitato i suoi uomini, torturato e terrorizzato gli abitanti dei villaggi e lasciato mine ovunque.

E nel 2019, l’esercito afghano, dopo una serie di operazioni congiunte con gli Stati Uniti, ha annunciato la sua sconfitta nella provincia di Nangarhar.

Secondo i documenti dell’intelligence statunitense e delle Nazioni Unite, da allora lo Stato islamico nel Khorasan ha operato in gran parte attraverso cellule dormienti nelle città per effettuare attacchi mediatici.

Lo Stato islamico del Khorasan ha fortemente criticato l’accordo raggiunto lo scorso anno tra Washington e i talebani che ha portato a un accordo per il ritiro delle forze straniere.

Sulla base di questo accordo, la milizia ha approfondito una delle sue principali critiche ai talebani: l’abbandono della causa jihadista.

READ  Bolsonaro ha ricevuto la "cittadinanza onoraria" per una città governata dalla Lega Salvini | Una decisione controversa del sindaco di Anguillara Veneta nel nord-est d'Italia

La rapida conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani, il 15 agosto, ha portato i saluti di vari gruppi jihadisti in tutto il mondo, un saluto che lo Stato islamico in Yemen ha respinto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in un messaggio alla nazione dopo gli attacchi di ieri che hanno ucciso 13 soldati statunitensi, ha sottolineato che “questi terroristi dell’Isis non vinceranno” e ha promesso di rispondere “con forza e precisione”.

“Non perdoneremo e non dimenticheremo. Li daremo la caccia e gli faremo pagare il prezzo”, ha detto il presidente, affermando anche di aver ordinato ai suoi leader di fare piani per attaccare obiettivi e leader dell’Isis.

“Crediamo di sapere chi sono e realizzeremo l’operazione per raggiungerli ovunque si trovino”, ha aggiunto.