Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi sono gli imperatori che attualmente controllano il calcio?

“La Ferrari, la villa, lo yacht, la moglie modello… e la società di calcio. Comprare 11 giocatori più i loro accessori è un augurio che molti miliardari si farebbero con il pretesto di essere grandi appassionati di sport.

È così che un articolo di Vanity Fair di diversi anni fa descriveva la realtà del calcio sempre più globalizzato, ma anche dipendente da una manciata di milionari di origini diverse, principalmente russi, americani e sceicchi arabi.

Sebbene l’elenco dei migliori uomini d’affari della Premier League inglese sia ampio, I pionieri furono Roman Abramovichche nel 2003 ha preso il controllo del Chelsea per 185 milioni di dollari oggi, principalmente grazie al suo precedente proprietario, Ken Bates, che l’ha acquistato per un importo simbolico di una sterlina.

Ma, dopo che l’influenza russa in Europa è diventata risentita a causa dell’invasione dell’Ucraina, Abramovich si è ritirato per la sua vicinanza a Vladimir Putin, il proprietario del Chelsea ha ceduto il controllo dell’ultimo campione di Champions League a una fondazione, anche se si prevede che lo venderà a un gruppo di investitori guidati dallo svizzero Hansjörg Wyss la cui fortuna supera i 5,5 miliardi di dollari.

Secondo i media tedeschi, citati dal quotidiano sportivo spagnolo AS, dietro al miliardario svizzero c’è un consorzio americano di tre uomini d’affari. Wyss è anche noto per il suo lavoro filantropico, essendo uno dei più grandi benefattori del mondo attraverso i suoi enti di beneficenza con un patrimonio di oltre $ 1,6 miliardi.

All’elenco dei club con influenza straniera nella Premier League inglese si è aggiunto lo scorso anno il Newcastle United, acquisito dal Saudi Public Investment Fund, controllato da Mohammed bin Salman, il principe ereditario di quel Paese legato all’omicidio di il giornalista dell’opposizione Jamal. Khashoggi a Istanbul.

READ  La Marina tunisina intercetta un barcone irregolare con 24 persone a bordo

E mentre l’influenza dei magnati del calcio è andata oltre il Regno Unito, paesi come la Germania hanno preso la decisione di impedire agli investitori stranieri di assumere una quota di maggioranza in un club, secondo Goal.

I media riferiscono che “la regola 50 + 1 nella Lega tedesca significa che nessun individuo russo può diventare il proprietario assoluto del club”, rilevando che in Spagna, Italia, Portogallo e Francia ci sono meno restrizioni per gli investitori stranieri, poiché conferma lo stato del Paris Saint-Germain in mani Diagonali.

In un recente articolo, il portale PlanetSport cita tre oligarchi russi – meno conosciuti di Abramovich – che possiedono altre squadre europee. Loro sono:

Maxim Demin, che possiede interamente Bournemouth dal 2019. “Inizialmente ha acquistato il 50% della squadra nel 2011 e l’ha aumentata al 100% due anni dopo. Ha poi venduto il 25% a una società di investimento nel 2015, prima di riprendere il pieno controllo nel 2019 Si stima che la sua fortuna nel 2020 sia di circa $ 1,1 miliardi, con la sua proprietà di Bournemouth che ha evidenziato la promozione in Premier League nel 2015.

Dmitri Rybolovlev possiede il club di Monaco, dove hanno giocato James Rodriguez e Juan Fernando Quintero, fidandosi del nome di sua figlia Ekaterina.

Rybolovlev, che nel 2021 aveva un patrimonio netto di 6,7 miliardi di dollari, ha acquistato la sua partecipazione nel club nel dicembre 2011 e nel decennio successivo la squadra è stata incoronata campione di Francia dopo essere stata promossa dalla seconda divisione. Sono anche arrivati ​​secondi in Ligue 1 due volte, nel 2014 e nel 2018, oltre a essere secondi nella Coupe de France nel 2021 e alla Coppa dei Campioni nel 2017 e 2018.

READ  Il viaggiatore di lunga distanza non finisce mai di decollare

La terza è Valerie Auyve, l’anonima proprietaria del club olandese Vitesse Arnhem, arrivata quarta nel 2020/2021, anche se il citato outlet avverte della mancanza di informazioni sulla sua fortuna.

In futuro, gli imperatori – che usano il calcio per nutrire il loro ego e riciclare le loro fortune illecite e perché alcuni lo amano già – dovranno affrontare le cose più difficili se un disegno di legge per il parlamentare Tracy Crouch, che cerca di imporre 47 misure per salvare il calcio inglese, è approvato. Se approvato, le masse avranno il diritto di veto sui nuovi proprietari e verrà creato un regolatore indipendente per il Primo Ministro.

Crouch è stato ministro dello sport fino al 2019 ed è ossessionato dal cambiamento del modello di business del calcio inglese. Per questo motivo la parlamentare cercherà di attuare le sue riforme quest’anno e di entrare in vigore nella prossima campagna elettorale, 2022-23, nonostante alcuni proprietari di club inglesi abbiano definito le sue misure “maoiste”, secondo il quotidiano As.

E nonostante i grandi club spagnoli siano praticamente rimasti ai margini di questo fenomeno, il presidente della Lega spagnola, Javier Tebas, continua a insistere sul danno che farà la creazione della Premier League promossa da Real Madrid e Barcellona.

Di recente, al “Football Business Summit” del Financial Times, ha affermato che i promotori della Premier League mentono più di Putin.

“Recentemente c’è stato un incontro in casa di Andrea Agnelli (Juventus) per parlare del progetto Premier League, che è un campionato continentale a due livelli, in cui si classificano i campionati nazionali. I grandi saranno presenti in un modo o nell’altro . . Per me è un insulto, perché fanno così tanto Faranno più danni. Florentino Pérez ha detto al Chiringuito che vuole essere responsabile, che non vuole che ci preoccupiamo e che darà molto soldi per la solidarietà. Lo dice da anni..”, secondo ACE.

READ  Roberto Carles: Il mio obiettivo è aumentare l'offerta ...